Home / BMW sbarca nel mondo crypto | Userà la blockchain di Binance

BINANCE BNB

BMW sbarca nel mondo crypto | Userà la blockchain di Binance

Anche se per ora soltanto in Thailandia, si tratta di un primo passo importante nel mondo blockchain per uno dei gruppi più importanti del mondo dell’auto. Parliamo di BMW, che ha appena annunciato per la sua divisione thailandese un programma in due fasi, con al centro, tecnologicamente, l’infrastruttura di Binance.

Non parliamo dell’exchange, ma piuttosto della sua BNB Chain, che sarà appunto la componente tecnica che andrà ad essere sfruttata da BMW per una sorta di programma fedeltà per i suoi clienti, per la gestione di punti che gli stessi potranno poi spendere in diverse attività.

Colpo grosso, l’ennesimo del 2022, per Binance, con riflessi che potrebbero colpire anche $BNB. Possiamo trovarlo come strumento di investimento, tenendo sempre conto dei rischi, anche su eTorovai qui per ottenere un conto virtuale gratuito con STRUMENTI AVANZATI – intermediario che offre Binance Coin e altri 78+ asset crypto.

Sempre all’interno dell’offerta di questo intermediario troveremo anche il trading automatico che è garantito dal CopyTrader, così come potremo sfruttare anche gli strumenti offerti dal WebTrader interno per fare trading con il top dell’analisi tecnica. Sono sufficienti 50$ per fare trading con un conto reale, somma che possiamo investire in cripto così come in altri asset.

BMW con Binance e Coinweb: ecco cosa succede

Il famoso (e apprezzato) produttore di auto tedesche BMW ha deciso di fare sul serio per quanto riguarda le sue avventure nel mondo della Blockchain. Secondo quanto è stato riportato da diverse testate del mondo crypto degli Stati Uniti, il gruppo tedesco avrebbe infatti stretto una partnership con Binance per la sua blockchain e con Coinweb per i suoi servizi decentralizzati al fine di offrire servizi interni a programmi di fedeltà per i propri clienti.

Secondo le scarne informazioni che sono disponibili al momento, la blockchain sarà utilizzata per la distribuzione di punti che poi gli utenti potranno spendere per acquistare merchandising e servizi made in BMW, secondo modalità che devono essere però ancora rivelate al grande pubblico.

Sempre secondo i report che arrivano dagli Stati Uniti, BMW si appoggerà inoltre a consulenze e servizi che sono offerti da Coinweb. Tutte le notizie di cui sopra sono ancora da confermare e seguiranno con ogni probabilità aggiornamenti nei prossimi giorni, quando diventerà più chiaro quanto il gruppo ha in mente per il suo futuro nel mondo blockchain.

Ne sapremo di più probabilmente tra qualche giorno

BMW rincara la dose

Già qualche tempo fa BMW aveva tentato una sortita nel metaverse, con una campagna pubblicitaria che non ebbe però l’eco che forse ci si aspettava.

Oggi ci riprova in una sezione del proprio business se vogliamo periferica, che però conferma gli impegni del gruppo quantomeno nel cavalcare queste novità, vuoi per scopi pubblicitari, vuoi perché forse effettivamente utili per il proprio business anche in termini pratici.

In molti si chiederanno della necessità di tokenizzare qualcosa che fino ad oggi è stato, piuttosto bene, su un database centrale come i punti fedeltà. Ma vedremo cosa ha in mente BMW con partner di certo prestigio.

Info su Gianluca Grossi

Capo-redazione ed analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti
Notificami
guest

5 Commenti
Più votati
Più nuovi Più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
jacopo
jacopo
1 mese fa

da un database centrale (proprietario) a una blockchain centralizzata (di un altro privato). Beh sicuramente un grande passo in avanti XD però potranno dire “siamo moderni, siamo sbarcati su blockchain!1!!!11!” 😀
Mamma mia quanta strada c’è da fare ancora -_-”

ghibly79
ghibly79
1 mese fa

Eh beh, adesso sì! Rivoluzionario! xD

jacopo
jacopo
1 mese fa
Reply to  ghibly79

Su bitcoin non lo potevano fare… o sbaglio? 🙂
Ps: e tu btc maxi xD

jacopo
jacopo
1 mese fa
Reply to  jacopo

(se il tuo commento era riferito al mio post; in caso contrario, consideralo nullo 🙂 )

ghibly79
ghibly79
1 mese fa
Reply to  jacopo

No no era in generale. Comunque si può fare anche tramite Bitcoin volendo, il punto è che è totalmente inutile, non serve affatto una blockchain per quella roba. Sono i classici “la blockchain fa cose” a fini di marketing.