Home / Crypto guerra negli USA | SEC cerca nuovi specialisti

SEC GUERRA CRYPTO

Crypto guerra negli USA | SEC cerca nuovi specialisti

La SEC sta rafforzando il suo team per affrontare le sfide delle criptovalute, pur operando in un'incertezza normativa che richiede maggiore chiarezza.

Le autorità di regolamentazione dei mercati finanziari sono sempre più interessate a quanto avviene nel mondo crypto. E tra queste ce n’è una che è una vecchia conoscenza dei lettori di Criptovaluta.it.

Negli Stati Uniti, la Securities and Exchange Commission (SEC) sta intensificando i suoi sforzi per garantire una maggiore supervisione e controllo del mercato di Bitcoin e crypto, richiedendo maggiori risorse e personale specializzato. Un filone inaugurato tempo fa e che ora passa al concreto, con nuovi tentativi di assunzione per specialisti del comparto, anche se soltanto sul piano legale.

SEC vuole una fetta più grossa delle regolamentazioni cripto

SEC sta puntando a rafforzare la sua presenza nel settore delle criptovalute, cercando di assumere tre nuovi legali per il suo dipartimento per la lotta del crimine e degli illeciti nel settore.

Questa mossa indica un’ulteriore volontà da parte dell’agenzia di aumentare la sua influenza nella regolamentazione del mercato delle criptovalute sul mercato USA, in una lotta ormai senza esclusione di colpi contro CFTC, authority che invece rivendica il controllo del mercato almeno per quanto riguarda Bitcoin, Ethereum e le principali che sono considerate commodities.

Le nuove assunzioni saranno responsabili della conduzione di indagini spot su questioni legate a titoli di crypto asset e questioni informatiche, nonché della stesura di citazioni, dell’interrogatorio di testimoni e della valutazione delle prove testimoniali.

A caccia di figure specializzate

SEC però opera in un contesto… senza regole

Nonostante l’intenzione di rafforzare la sua presenza nel settore delle criptovalute, la SEC opera in un contesto di incertezza normativa. Il presidente di SEC, Gary Gensler, ha richiesto il non intervento del Congresso, ritenendo che le leggi attuali sulle obbligazioni siano sufficienti per regolamentare le criptovalute. Tuttavia, questo approccio è in linea con la cosiddetta “regulation by enforcement”, una strategia che l’agenzia ha utilizzato in passato per regolamentare il mercato senza l’emanazione di nuove leggi specifiche e che lascia alla stessa ampio spazio e arbitrio.

Questa strategia ha sollevato alcune preoccupazioni nel settore delle criptovalute, poiché molti sostengono che una maggiore chiarezza normativa sia necessaria per garantire una crescita stabile e sostenibile del settore. Alcuni leader del settore, come il CEO di Coinbase Brian Armstrong, hanno chiesto ai regolatori maggiore chiarezza e l’intervento del Congresso, cosa che probabilmente verrà portata avanti anche in una recente battaglia legale che si terrà nei tribunali proprio contro SEC – e che riguarda i servizi di staking di Coinbase.

Quanto si può guadagnare e che tipo di profili cercano

Le nuove posizioni aperte presso la SEC offrono stipendi che variano tra i 140.000$ e i 259.590$, a seconda della posizione che si andrà ad occupare. Salari importanti e che tenendo conto delle altre posizioni presenti presso l’agenzia segnalano l’interesse per certi tipi di figure.

I profili ricercati includono avvocati generali con esperienza in indagini rapide, questioni più strettamente informatiche e offerte di crypto asset sui mercati. uesti professionisti dovranno avere una solida conoscenza del settore delle criptovalute e delle (non) leggi attinenti, nonché competenze in materia di comunicazione e negoziazione.

Iscriviti
Notificami
guest

1 Comment
Più votati
Più nuovi Più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
francesco
francesco
10 mesi fa

la sec sembra sempre piu il classico bambino viziato che si mette a urlare se la mamma non gli compra il gelato……