Home / Bitcoin e crypto mai così lontane dal NASDAQ | Un cambio epocale

DECOUPLING BITCOIN

Bitcoin e crypto mai così lontane dal NASDAQ | Un cambio epocale

La correlazione tra BTC e NASDAQ 100 mai così in basso. Ma cosa vuol dire per il mercato?

Finalmente il decoupling? L’idea che sta circolando tra diversi analisti è che Bitcoin sia finalmente su livelli di correlazione molto bassa con le azioni tech, cosa dimostrata dagli andamenti di prezzo degli ultimi mesi e in particolare per tutto o quasi il 2023. Una questione che si era affacciata con prepotenza al dibattito tra analisi già ai tempi della crisi di Silicon Valley Bank e che continua ad essere tale dati alla mano.

Il comportamento di Bitcoin nel corso delle ultime settimane sarebbe tutto fuorché simile a quello degli asset di rischio per eccellenza, questione che da un lato rinforza la narrativa dell’oro digitale, dall’altro lascia un po’ di sasso coloro i quali erano abituati a considerare BTC come una sorta di NASDAQ a leva.

Ma cosa sta succedendo davvero? Cosa ci dicono i dati? E il cambiamento può essere considerato come duraturo, quasi permanente, o si tratta di un’anomalia?

Bitcoin mai così lontano dalle azioni tech

A lanciare la discussione tra specialisti è stato un grafico pubblicato da Kaiko e che riportiamo anche noi come base di questa analisi. La correlazione, come è facile vedere, si è andata riducendo già da inizio anno ed è scesa a picco nel corso di maggio/giugno.

Correlazione Bitcoin NASDAQ 100
La correlazione tra Bitcoin e NASDAQ 100

Una situazione oggettivamente anomala, che vede Bitcoin finalmente scollegato dall’andamento delle principali azioni tech. E che dovremo interpretare alla luce di quanto avvenuto nelle scorse settimane.

  • A Bitcoin piacciono le crisi bancarie

Il primo momento di forte scollamento per Bitcoin è stato durante la crisi bancaria che ha colpito gli USA e che ha portato alla chiusura coatta di quattro istituti. Bitcoin ha brillato in quel frangente, mostrandosi finalmente come asset rifugio dei periodi di turbolenza massima. Qualcosa che almeno ad una parte degli appassionati piace non poco.

  • Borse incerte

L’altro aspetto da considerare è l’incertezza che tra trimestrali non brillanti e incerto andamento dell’inflazione ha ormai preso possesso del settore degli asset di rischio.

Incertezza che si è riflessa soltanto in modo parziale su Bitcoin, che nelle ultime settimane è sembrato essere anche piuttosto lontano dagli stati di agitazione indotti dai tassi di interesse negli USA e dalle conferenze stampa di Powell.

  • BlackRock e compagnia

L’arrivo di BlackRock sul mercato ETF Bitcoin è stato spunto importante per il prezzo di Bitcoin, mentre invece le azioni tech faticavano sui mercati. Questo movimento in controtendenza è responsabile del grosso decoupling recente tra mondo crypto – in particolare Bitcoin – e azioni tech.

Presto per parlare di questione definitiva

A nostro avviso però, e siamo tra i pochi a essere ancora sulla barricata degli scettici, ci sarà da valutare a bocce ferme – e lontani da notizie importanti come quella di BlackRock, l’effettivo decoupling tra Bitcoin/crypto e NASDAQ.

Il legame esiste(va) per un motivo e non è detto che superata questa fase di mercato molto particolare non torni. Se dovesse però permanere non sarebbe certo un male per Bitcoin. Per molti analisti dei mercati classici il mercato azionario potrebbe continuare a soffrire nei prossimi mesi, complice anche una situazione non ottimale sul piano della liquidità, complici le politiche monetarie restrittive di Fed.

Nel frattempo i dati che arrivano dalla chain di Bitcoin sembrano essere molto positivi. Che sia davvero il momento topico che tutti aspettavano dopo 2 anni di mercato estremamente punitivo?

Iscriviti
Notificami
guest

1 Comment
Più votati
Più nuovi Più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Klaus Marvin
Klaus Marvin
11 mesi fa

Si dice che bitcoin ha recentemente perso la correlazione con l’oro ma secondo me non c’è mai stata, l’andamento parallelo è stato un puro caso perchè bitcoin ha un proprio mercato diverso da tutti gli altri e lo stesso dicasi per la correlazione con il NASDAQ. Bitcoin è sempre stato un asset a parte non correlato e questo doveva essere visto come potenziale attraente per diversificare i portafogli istituzionali ma ciò non è avvenuto a causa di molteplici fattori legati anche alla paura e alla non conoscenza che ha portato a vendite irrazionali su larga scala. Ora sembra che le cose stiano cambiando e ci si avvicini a questo mercato con più razionalità forse anche per la scesa in campo prepotente di Black Rock. Questo è un mio pensiero personale legato alle mie intuizioni ma da quando ho acquistato bitcoin e ETH non ho mai venduto rimanendo fedele alle mie valutazioni. Quando ci sarà la consapevolezza di ciò che stiamo facendo tutti ne beneficeremo. Ed ora non ci resta che attendere le BALENE.