Home / ETF Bitcoin Spot: Gary Gensler lancia il suo ULTIMO messaggio

GARY ULTIMO

ETF Bitcoin Spot: Gary Gensler lancia il suo ULTIMO messaggio

Arriva l'ultimo messaggio di Gary Gensler. E non è granchè accomodante per Bitcoin e crypto.

Preso per la gola – metaforicamente parlando – non ha potuto fare a meno di dire la sua. Parliamo di Gary Gensler, capo di SEC da sempre piuttosto avverso al mondo delle criptovalute e di Bitcoin, che mentre l’entusiasmo è alle stelle per la prossima approvazione, ancora presunta, per carità, ha deciso di pubblicare un lunghissimo post su Twitter / X per invitare tutti alla calma.

Gli investimenti in crypto, ricorda il buon Gary, sono molto rischiosi. E ha ricordato alcuni dei suoi cavalli di battaglia nella sperticata lotta a una classe di asset che mai avrebbe voluto vedere all’interno dei mercati che controlla.

Parole rassegnate di chi è stato sconfitto, chissà se dai tribunali o dalla storia, oppure un messaggio che ci invita a rimanere con la guardia alta fino a quando non ci sarà l’ok definitivo da parte di SEC? Cerchiamo di capire insieme cosa ha scritto e perché.

Il messaggio di Gary Gensler post… Bitcoin ETF

Con gli aggiornamenti arrivati poche ore fa, possiamo dire di esserci o quasi con l’approvazione degli ETF Bitcoin Spot. E mentre tutti hanno messo le metaforiche bottiglie in fresco, ecco Gary Gensler che torna a parlare su X del tema che tanto lo appassiona, ovvero del mondo delle criptovalute.

Alcune cose da tenere a mente se state considerando di investire negli asset crypto. Chi offre servizi o investimenti in crypto asset potrebbero non essere in regola con le leggi vigenti, incluse le leggi federali sui contratti di investimento. Gli investitori devono comprendere che potrebbero essere deprivati di informazioni chiave e di altre importanti protezioni in connessione con il loro investimento.

E ha poi aggiunto:

Gli investimenti in crypto asset possono essere straordinariamente rischiosi e sono spesso volatili. Un numero importante di piattaforme sono diventate insolventi. Gli investimenti in asset crypto continuano ad essere soggetti a rischi importanti.

E poi:

I truffatori continuano a sfruttare la crescente popolarità dei crypto asset per attirare gli investitori retail in truffe. Questi investimenti continuano a essere pieni di offerte truffaldine di coin, schemi piramidali e Ponzi e furti in senso stretto, con i promotori che fuggono con il denaro degli investitori.

Un messaggio che in realtà ricalca quanto Gary Gensler aveva già detto in più occasioni e che conferma come, nonostante gli ETF Bitcoin siano alle porte, non ci sia nulla di cui festeggiare da SEC.

E ora?

Starà a chi legge decidere se si tratta di un messaggio di resa oppure di qualcosa che dovrebbe tenerci con il fiato sospeso ancora per qualche ora o qualche giorno, fino a quando questi ETF saranno approvati.

Nel frattempo alle prime luci dell’alba sono arrivati gli aggiornamenti che tutti aspettavano – anche con un po’ di anticipo – e tutto sembra essere pronto per…

Iscriviti
Notificami
guest

4 Commenti
Più votati
Più nuovi Più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Domenico
Domenico
3 mesi fa

Tutto dice che si sia arreso e siccome deve approvare manda gli ultimi messaggi disperati per non fare investire in crypto.

Klaus Marvin
Klaus Marvin
3 mesi fa

Caro Gensler anche i titoli azionari sono spesso rischiosi e volatili e anche in questi settori ci sono state delle truffe a non finire che qualcuno ha già dimenticato o fatto finta di dimenticare e inoltre i mercati volatili sono sempre stati i più interessanti anche se in taluni casi di devono usare le dovute cautele. Tornando a noi, il potenziale rally dovuto alla notizia dell’approvazione dell’ETF potrebbe portare alla zona di resistenza psicologica di 50.000 dollari e la reazione del mercato è sconosciuta e non è da escludere un momentaneo declino da fatti di vendite e realizzazioni di profitti.

francesco
francesco
3 mesi fa

poverino, sto criminale mi fa quasi pena…

ghibly79
ghibly79
3 mesi fa

Dice tutta roba generalmente vera ma.. non ha nulla a che vedere con Bitcoin, quindi non è in contraddizione con una eventuale approvazione degli ETF Bitcoin 😉