Siamo su:

Yahoo FinanceMilano FinanzaAffari italianiAdnkronosilSole24 oreIl Tempo.itAskanews

Home / Maker: massimo storico per il boom del network

Maker: massimo storico per il boom del network

Maker continua a crescere. Ha raggiunto nelle scorse ore un nuovo massimo storico, sopra quota 5.500$. Una corsa per molti inaspettata, che cavalca gli ottimi dati finanziari che sono stati rilasciati dal network soltanto poche ore fa da Sébastien Derivaux.

Una crescita mese su mese e anno su anno incredibile, mentre va in votazione un proposal che potrebbe portare ad ulteriore dominance nel comparto DeFi da parte di questo token e del relativo protocollo. Cerchiamo di capire cosa sta succedendo all’interno del network e perché tutti o quasi stanno accumulando token MKR.

Maker ATH sul mercato
Maker vola grazie a dati mensili molto soddifacenti

Token che troviamo presso la piattaforma broker – legale e sicura – Capital.com (qui puoi aprire un conto virtuale gratuito illimitato), broker con 235+ coppie di criptovalute e piattaforme professionali come MetaTrader e TradingView. Potremo anche integrare servizi di segnali come Trading Central, professionali e analitici al punto giusto anche per i principianti.

Maker: ottimi i dati finanziari

Sébasten Derivaux ha diffuso attraverso il suo account ufficiale Twitter, nella serata di ieri, dati finanziari molto incoraggianti su Maker, che continua a migliorare la sua posizione sul mercato, i volumi di scambio e di liquidità presenti sulla piattaforma e anche le revenue per chi partecipa al progetto.

Financial Report di MakerDao. Un altro mese incredibile. Superati i 12 milioni di guadagno netto ad aprile.

Un report estremamente interessante, i cui dati riassumiamo qui per chi non avesse intenzione di spulciare il pur breve e organizzato report del francese:

  • I guadagni derivati da interessi crescono del 27% mese su mese;

E anno su anno sono cresciuti del 48467%, una crescita che probabilmente nessuno avrebbe avuto capacità di prevedere e che proietta Maker tra i network che garantiscono i maggiori ritorni a chi mette a disposizione liquidità.

  • 100% per il prezzo del token MKR;

Anche qui mese su mese, mentre anno su anno il prezzo è cresciuto di circa 12 volte. Ben oltre le più rosee aspettative e con una progressione inaspettata per tutti, anche per i migliori analisti. Dati incredibili per un protocollo che sta diventando centrale all’interno del mondo della finanza decentralizzata.

  • Crescita degli asset sulla piattaforma;

Che si avvicina, senza tenere conto dei wallet operativi, a 4 miliardi di dollari. Anceh qui con una progressione incredibile mese su mese (27%), segno che cresce anche l’utilizzo effettivo del network del quale MKR è token di riferimento.

  • Crescita della fetta nell’ecosistema DeFi

Con MakerDAO che oggi muove circa l’11% dei volumi dell’intero universo della finanza decentralizzata, mentre il mese scorso era fermo all’8%. Questa crescita va letta in duplice chiave: da un lato cresce l’importanza relativa di Maker, dall’altro cresce in modo esponenziale il volume di scambio, con il comparto che sta vivendo, nel complesso, uno dei migliori momenti della sua pur breve storia.

Dove può arrivare Maker?

Difficile dirlo adesso, ma se dovessero essere confermati questi tassi di crescita anche per il prossimo mese, saremmo davanti a prospettive ancora rialziste anche per MKR, che pure in queste ore si aggira intorno al suo massimo storico.

Chi cerca dei token alternativi sui quali puntare all’interno del mondo DeFi potrebbe sicuramente considerare MKR come una delle migliori scelte. Tutto questo mentre il passaggio al protocollo Liquidity 2.0 renderà il network ancora più efficiente ed attrattivo.

Noi di Criptovaluta.it continueremo a seguire molto da vicino le evoluzioni tanto in senso tecnologico quanto in senso finanziario. Ricordando sempre di esercitare la massima prudenza, soprattutto in piena fase bullish.

Info su Gianluca Grossi

Laureato in Giurisprudenza, è esperto di investimenti in criptovalute. Ha già investito in passato in BitCoin, DogeCoin, Ethereum e XRP.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *