Siamo su:

Yahoo FinanceMilano FinanzaAffari italianiAdnkronosilSole24 oreIl Tempo.itAskanews

Home / Criptovalute in rosso: il crollo è definutivo? Analisi

Criptovalute in rosso: il crollo è definutivo? Analisi

Un altro weekend di paura? Oppure il peggio è già alle spalle e abbiamo semplicemente avuto l’ennesimo flush di posizioni con leva eccessiva? Chi si è svegliato questa mattina e ha verificato il mercato, avrà avuto l’ennesimo brivido freddo. 

Segni meno diffusi ovunque, con molti degli altcoin principali che stanno perdendo più di Bitcoin e che sembrerebbero essere in una situazione, tecnica e fondamentale, peggiore. E con la regina delle criptovalute che comunque è in perdita.

Lettura mercato in crisi - di Criptovaluta.it
Una situazione complicata sul mercato: la nostra lettura

Una situazione di difficile lettura, con tutti o quasi gli operatori di mercato che si stanno chiedendo se e quando questa momento bearish potrà essere considerato finalmente alle spalle. Cerchiamo di capire cosa sta succedendo, partendo però da quello che ormai è un assunto confermato sempre o quasi dai fatti: il weekend è ormai da qualche mese il momento degli orsi. 

E talvolta già da domenica si hanno i primi rimbalzi, che riescono a recuperare in genere nel complesso le perdite accumulate nel weekend. Sarà ancora una volta questo il caso? Cerchiamo di analizzare tutti gli elementi che abbiamo a disposizione, pronti ad intervenire sul mercato con intermediari come eToro (qui per un conto demo gratuito) – che permette di operare su tutti i principali token, anche con strumenti avanzati come il CopyTrading per copiare o spiare i migliori – e con i CopyPortfolios per investire invece su panieri di cripto diversificati. 

Chop, ovvero dei movimenti laterali del mercato

Partendo da quello che possono raccontarci gli specialisti di breve periodo, ovvero i trader incalliti che cercano il guadagno, anche se magari di pochissimi decimi di punto percentuale, possiamo dire che la stagione dell’incertezza non sembra essere ancora finita, ovvero una negoziazione laterale. 

Il prezzo, a partire da quello di Bitcoin che continua ad influenzare grandemente il mercato, si muove lateralmente. Verso la resistenza e poi verso il supporto, in un pendolo che sta avvantaggiando chi ha posizioni liquide ed è pronto a rivedere le proprie strategie anche sul brevissimo periodo.  La direzione, durante l’ultima settimana, sembra essere stata positiva, perché Bitcoin si è allontanato da quello che tutti continuano a ritenere il supporto chiave, ovvero i 30.000$.

Interessante a questo scopo anche l’analisi di glassnode, che rimane uno dei centri di analisi della blockchain del mondo. Secondo il centro studi svizzero, si starebbero creando di nuovo le condizioni per la ripartenza di una bull run, mentre la fase di accumulo sembrerebbe essere finalmente alle spalle. 

Disastro altcoin – Bitcoin continuerà ad accumulare dominance?

La dominance è un fattore che ci aiuta a capire cosa sta succedendo, in senso macro, sul mercato. È il rapporto tra la capitalizzazione complessiva di mercato e il market cap di Bitcoin. È un buon metro per capire anche quanto sia forte il comparto degli altcoin.

La dominance dell’ultimo mese: Bitcoin stacca di nuovo gli altcoin?

La lettura di questo dato è particolarmente chiara. Gli altcoin stanno pagando in modo maggiore questo momento di complessità di mercato. Con BTC che sta recuperando parte della sua dominance dopo aver toccato quelli che sono stati i minimi storici soltanto pochi giorni fa. 

Crash definitivo? Oppure c’è ancora da preoccuparsi?

A nostro avviso e secondo i principali analisti che si occupano di criptovalute – i movimenti laterali continueranno ad essere probabilmente dominanti, con BTC che dovrà però consolidare dei minimi e massimi più alti settimana su settimana. 

Interessante anche questo tipo di analisi, che sembrerebbe puntare, nel complesso, ad una situazione in netto miglioramento per tutto il comparto, con la fase di accumulazione che potrebbe però non essere ancora terminata. E con i movimenti laterali che faranno la fortuna di chi li saprà cavalcare. 

Cosa che potremo fare anche con Capital.com (qui per un conto demo gratuito), intermediario che offre piattaforme avanzate per il trading, come MetaTrader 4 e TradingView – e che integra anche la possibilità di fare trading al ribasso, cavalcando situazioni di questo tipo – sicuramente particolari – sul mercato. 

Occhio a vendere nel panico – meglio crearsi una strategia di medio e lungo periodo

Chi non riesce a sostenere movimenti così importanti anche all’interno della stessa giornata di scambi, dovrebbe provare a creare una strategia di medio o lungo periodo, all’interno della quale fissare il ritorno atteso, la distribuzione tra diversi token – qui ad esempio si può consultare il nostro portafoglio – e l’orizzonte temporale che ci si è dati. 

Agire di impulso, in un mercato di così difficile lettura e dove gli orsi possono sopraffare i tori (e viceversa) anche nel giro di pochi minuti, può essere estremamente deleterio. E chi vende spinto dal panicopotrebbe pentirsene non tra 2 mesi, ma anche tra poche ore. 

Qualche idea per muoversi nel weekend

Almeno stando ai dati che ci sono adesso sul mercato – e a meno di clamorosi stravolgimenti o shock esogeni – difficilmente le perdite continueranno su questi ritmi, anche se la lotta tra orsi e tori (con i primi che tendenzialmente hanno la meglio durante il weekend) continuerà in modo serrato. 

Chi non apprezza i movimenti laterali e vuole attendere un impulso chiaro sul mercato, dovrebbe forse rimanere alla finestra. Con il rischio di perdersi dei prezzi in questo momento molto bassi, questo è chiaro.  Ma la situazione – e chi dice il contrario mente – è almeno sul brevissimo periodo molto complessa. E sicuramente non adatta a chi non è pronto ad incorporare una certa quota di rischio all’interno della propria strategia.

Info su Gianluca Grossi

Laureato in Giurisprudenza, è esperto di investimenti in criptovalute. Ha già investito in passato in BitCoin, DogeCoin, Ethereum e XRP.

2 commenti

  1. Lorenzo Melli Martini

    Orrima analisi, non saprei se aspettarci una discesa come nel 2018 oppure aspettarci un doppio massimo come nel 2013,voi che dite?

  2. Basta guardare il mercato delle opzioni, la lateralità delle crypto continuerà fino alla fine di Luglio, mettetevi l’anima in pace.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *