Siamo su:

Yahoo FinanceMilano FinanzaAffari italianiAdnkronosilSole24 oreIl Tempo.itAskanews

Home / Bitcoin: stasera la prima conferenza dei miner ecologici

Bitcoin: stasera la prima conferenza dei miner ecologici

Arrivano i primi risultati del Bitcoin Mining Council messo in piedi dai principali miner degli Stati Uniti, con la partecipazione straordinaria di Michael Saylor – il CEO di Microstrategy – che guida l’azienda che ad oggi ha il più elevato numero di Bitcoin in cassa.

L’appuntamento è per stasera alle 22:00 ora italiana, quando secondo quanto riportato sempre da Saylor verranno diffusi i primi dati, in un briefing che riguarderà tutto il secondo trimestre del 2021.

Bitcoin Mining Council - 1 luglio 22:00 il primo webinar in diretta
Stasera il primo webinar del Bitcoin MIning Council

Tutto questo arriva in una fase piuttosto complicata per Bitcoin – che dopo una giornata che ha eroso i guadagni della settimana, è tornato ad essere scambiato intorno a quota 33.500$. Ma quanto messo in piedi dal Bitcoin Mining Council ha orizzonti di medio e lungo periodo – teso com’è a controbattere una narrativa che vorrebbe Bitcoin come fonte di inquinamento oltre ogni limite sopportabile per l’ambiente.

Una notizia che potrebbe muovere i mercati – e sulla quale possiamo prepararci ad investire con eToro (qui per un conto demo gratis), intermediario che offre la possibilità di fare trading e investimenti su BTC e su panieri di titoli che lo riguardano tramite CopyPortofolios. eToro è anche l’intermediario che ha inventato il CopyTrading, sistema tramite il quale potremo investire copiando o spiando i migliori player della piattaforma.

Stasera alle ore 22:00 il primo webinar

L’appuntamento per tutti gli appassionati di Bitcoin è per le 22:00 ora italiana, quando avrà il via il primo webinar del gruppo, che sarà concentrato sui progressi in termini di riduzione dei consumi e di implementazione delle rinnovabili da parte dei principali miner del comparto.

L’evento potrà essere seguito direttamente sul canale YouTube del Concilio, che però almeno per il momento non sembrerebbe aver riscosso grande successo. Gli iscritti sono solo 345, con l’evento che è passato relativamente in sordina – senza che però si siano ancora attivati i canali social, fatto salvo per quello di Saylor stesso.

  • Perché è un evento importante

Perché in realtà siamo davanti alla prima mossa ufficiale da parte di un Council che punta a rovesciare la narrativa di un Bitcoin inquinante e che potrebbe essere una minaccia per il nostro ambiente.

Un rovesciamento della narrativa quanto mai importante – essendo questo uno dei punti deboli di BTC almeno in termini di impatto sull’opinione pubblica. Il percorso non prevederà, come è noto, soltanto discussioni pubbliche, ma anche un percorso per l’aumento dell’impiego di energie rinnovabili e di un sistema di report affidabile sull’utilizzo delle stesse da parte dell’industria.

Anche se i massimalisti non vedono di buon occhio l’iniziativa…

I cosiddetti massimalisti di Bitcoin non hanno sposato l’iniziativa di buon grado. Esistono i soliti attriti tra soggetti maggiormente istituzionali – come i grandi miner o MicroStrategy – e gli appassionati di BTC della primissima ora – che anche in ossequio al loro spirito libertario non vedono di buon occhio l’impegno di questi grandi gruppi.

Sta di fatto che con la normalizzazione di Bitcoin come asset e come veicolo di investimento, un passaggio del genere è diventato assolutamente inevitabile. E prima ci faremo i conti, prima saremo in grado di comprendere il passaggio epocale che sta avvenendo proprio davanti ai nostri occhi.

  • Nel frattempo qualcosa si muove anche a El Salvador

El Salvador potrebbe giocare un ruolo chiave nella transizione ecologica di Bitcoin. Il paese sarebbe pronto ad offrire energia geotermica ai miner, nel corso di un’operazione che starebbe assumendo dei contorni piuttosto interessanti.

Segno che non saranno solo i miner negli Stati Uniti d’America a dover combattere questa battaglia e a rendere Bitcoin pulito anche per l’opinione pubblica. Tutto questo mentre sempre negli USA una commissione parlamentare di analisi sulle criptovalute sta dimostrando a chiare lettere di non avere alcuna idea di cosa sia Bitcoin, del suo funzionamento e del suo impatto sul mondo presente e futuro.

Info su Gianluca Grossi

Laureato in Giurisprudenza, è esperto di investimenti in criptovalute. Ha già investito in passato in BitCoin, DogeCoin, Ethereum e XRP.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *