Siamo su:

Yahoo FinanceMilano FinanzaAffari italianiAdnkronosilSole24 oreIl Tempo.itAskanews

Home / Il boom di Hedera Hashgraph tra speculazione e vaccini Pfizer

Il boom di Hedera Hashgraph tra speculazione e vaccini Pfizer

Tra collaborazione con Pfizer che è stata cruciale per l’implementazione del piano vaccinale in UK, al possibile ingresso di altre grandi compagnie nel Council, sembrerebbe essere un ottimo momento per Hedera Hashgraph e per il suo relativo token HBAR.

In un mercato che indica rossi diffusi, HBAR è stata tra le pochissime a riportare un segno più, seppure all’interno di una giornata comunque molto volatile. Cerchiamo di capire cosa sta accadendo dalle parti di questo protocollo, un protocollo che è sin dal suo ingresso sul mercato il più vicino al mondo delle grandi corporation.

HBAR - perché vola sul mercato - l'analisi di Criptovaluta.it
Una buona performance per HBAR – ma il bello deve ancora arrivare

Cercheremo inoltre di capire quali potranno essere le evoluzioni, in termini di prezzo, per il breve, medio e lungo periodo. Questo anche per valutare se sia il momento giusto o meno per fare il proprio ingresso su questo mercato.

Cosa che possiamo fare con la piattaforma Capital.com (qui per ottenere un conto dimostrativo gratuito e illimitato per sempre), con accesso a intelligenza artificiale per l’analisi dell’investimento, MetaTrader 4TradingView e anche il servizio di segnali Trading Central. Quando poi vorremo iniziare a fare trading con capitale reale, ci basterà versare solo 20 euro.

Hedera Hashgraph, tra speculatori e ottime notizie

Sono state 48 ore molto convulse per il prezzo di Hedera Hashgraph sui mercati. Il token ha vissuto di diversi alti e qualche basso, rimbalzando più volte e concludendo la sessione con un buon guadagno a mercato, nonostante le principali criptovalute del settore, come Bitcoin, stiano faticando a recuperare i livelli della scorsa settimana.

Da un lato abbiamo avuto un interesse concentrato degli speculatori, che hanno giocato come al gatto con il topo con gli investitori retail, alternando long e short che hanno contribuito ai movimenti rapidi di prezzo registrati. Dall’altro HBAR continua ad essere oggetto di uscite sui giornali e di notizie complessivamente positive, che lo stanno portando ad essere conosciuto anche da parte di chi è relativamente esterno al mondo delle criptovalute.

È stato il caso di un lungo speciale che ha evidenziato la collaborazione tra NHS (il servizio sanitario nazionale britannico) e Hedera, per tenere traccia delle temperature di conservazione dei vaccini COVID 19. Uno speciale che ha avuto grandissima eco sia in UK sia in Europa, contribuendo alla diffusione della conoscenza del progetto. Hedera, che al suo interno ha, nel ruolo di membri del Council diverse grandi aziende su scala mondiale, si rende appetibile anche per questa particolare organizzazione. Da un lato abbiamo infatti una tecnologia che, almeno in un certo senso, prova a superare la blockchain e dall’altro un sistema che, almeno sulla carta, potrebbe offrire una maggiore stabilità, data la natura dei soggetti coinvolti.

Occhio ai movimenti delle prossime ore – gli speculatori stanno ancora dominando il mercato

Chi vuole entrare in HBAR in qualità di investitore, farebbe bene a valutare con grande attenzione i suoi orizzonti temporali. Perché almeno nel momento in cui vi scriviamo il mercato è ancora dominato da fortissimi movimenti speculativi, che continuano a muoverne il prezzo in modo deciso, tanto al rialzo quanto al ribasso.

Chi crede che Hedera sia un buon progetto sul quale investire, farebbe bene ad organizzare il proprio investimento con orizzonti temporali appropriati. Questo anche alla luce delle prossime novità, in termini di gestione, che potrebbero interessare il protocollo. Sempre ricordandoci del fatto che le criptovalute green – e HBAR fa parte della nostra selezione – potrebbero continua re nella loro scalata all’Olimpo del settore cripto. Staremo a vedere, certi però del fatto che Hedera sarà un progetto del quale continueremo a sentir parlare con sempre paggiore frequenza.

Info su Gianluca Grossi

Laureato in Giurisprudenza, è esperto di investimenti in criptovalute. Ha già investito in passato in BitCoin, DogeCoin, Ethereum e XRP.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *