Siamo su:

Yahoo FinanceMilano FinanzaAffari italianiAdnkronosilSole24 oreIl Tempo.itAskanews

Home / El Salvador approva il fondo Bitcoin | 150 milioni per la transizione

El Salvador approva il fondo Bitcoin | 150 milioni per la transizione

El Salvador è tutto pronto per l’inserimento di Bitcoin tra le valute che hanno corso legale nel paese, insieme al Dollaro USA. Il parlamento ha infatti appena approvato lo stanziamento di 150 milioni di dollari per il fondo che garantirà la pronta convertibilità di BTC contro USD e altri tipi di iniziative.

Questo era l’ultimo passaggio per l’arrivo di BTC, in realtà relativamente scontato, data l’ampia maggioranza sulla quale può fare affidamento il presidente del paese centro-americano Nayib Bukele. Un evento comunque molto importante per il mondo di Bitcoin, dei suoi investitori e dei suoi appassionati.

Fondo da 150 milioni BTC approvato a El Salvador - di Criptovaluta.it
Approvato anche il fondo da 150 milioni

Un evento sul quale si può investire con la piattaforma eToro (qui per ottenere il conto dimostrativo gratuito e con tutte le funzionalità), intermediario di primissima fascia anche grazie a servizi esclusivi fintech come il CopyTrader per la copia dei migliori (e per spiare tutti i loro movimenti), in aggiunta ai CopyPortfolios per investire in panieri cripto strutturati. Per aprire un conto reale bastano 50 USD di investimento minimo.

El Salvador approva il fondo da 150 milioni di dollari su Bitcoin: ecco a cosa servirà

Dell’adozione di Bitcoin come valuta legale a El Salvador abbiamo già parlato abbondantemente all’interno dei nostri approfondimenti. Sono arrivati, come previsto, anche la relativa App wallet, che sarà gestita direttamente dallo stato e che regalerà a tutti i cittadini 30$ di controvalore in Bitcoin. Unico pezzo mancante era il fondo, anche questo previsto dalla legge iniziale, che con 150 milioni di dollari garantirà sempre la conversione di BTC verso USD e viceversa ai prezzi di mercato, senza lag e senza che ci possano essere delle differenze di prezzo tra il momento della richiesta e quello dell’esecuzione.

Il fondo andava però approvato con legge separata, cosa che è avvenuta per l’appunto ieri, in una sessione del parlamento che, con ogni probabilità, passerà alla storia, almeno per gli appassionati di Bitcoin e per i cittadini di El Salvador.

Ecco il momento in cui la legge approvata, con successiva standing ovation del Parlamento, che ha così completato il ciclo di approvazioni delle norme che permetteranno a El Salvador di diventare il primo paese al mondo ad utilizzare Bitcoin come valuta avente corso legale. Un percorso che nessuno avrebbe mai potuto immaginare soltanto qualche mese fa – e che nonostante il FUD scatenato ad arte dal Fondo Monetario Internazionale è andato in porto.

Il trust è stato creato con parte dei 500 milioni di dollari di prestito della CABEI – la banca del Centro America per l’Integrazione Economica. 23 milioni di dollari saranno spesi per il pagamento dell’installazione di ATM che serviranno Bitcoin. 30 milioni del fondo saranno invece utilizzati come incentivo per promuovere l’uso di BTC in tutto il paese.

Una notizia bullish per Bitcoin?

Assolutamente sì. Bitcoin si trova in una fase di movimenti laterali, con il livello di 46.800$ che continuerà a fare da supporto fondamentale per la ripresa della bull run. Per il momento sembra che a trainare il settore saranno gli ecosistemi più vicini alla DeFi, con Ethereum che sta battendo per performance proprio BTC.

Questo tipo di notizie potrebbero contribuire al miglioramento dell’outlook su Bitcoin, che rimane comunque molto interessante in attesa del ritorno di buoni volumi di scambio. Tutto rimane invariato sul medio e lungo periodo: le nostre previsioni Bitcoin parlano chiaro – 100.000$ continua ad essere un obiettivo più che credibile entro la fine dell’anno.

Info su Gianluca Grossi

Laureato in Giurisprudenza, è esperto di investimenti in criptovalute. Ha già investito in passato in BitCoin, DogeCoin, Ethereum e XRP.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *