Siamo su:

Yahoo FinanceMilano FinanzaAffari italianiAdnkronosilSole24 oreIl Tempo.itAskanews

Home / Bitcoin tra USA e Venezuela | Adozione più rapida di quella di Internet

Bitcoin tra USA e Venezuela | Adozione più rapida di quella di Internet

Una settimana, l’ennesima, relativamente complessa per i mercati – con Bitcoin che però, nonostante la pessima aria che tira sui mercati finanziari classici, continua a rimanere in target – nonostante una mini-correzione nelle ultime ore.

Ci sono diverse notizie molto interessanti delle ultime ore che spingono sul gas del prezzo di BTC – cosa che si verificherà con ogni probabilità in un orizzonte spalmato per i prossimi giorni e per le prossime settimane. Il problema dei miner cinesi è definitivamente rientrato – e sotto il profilo dell’adozione ci sono novità altrettanto importanti.

News giornaliere su Bitcoin - l'analisi di Criptovaluta.it
Un’altra giornata di news esplosive su Bitcoin

Una situazione interessantissima da seguire e che con BTC intorno a quota 55.000$ potrebbe essere stimolo interessante per aumentare la propria esposizione. Troviamo $BTC sulla cripto-piattaforma eToro (vai qui per ottenere il conto demo gratuito e con tutte le funzionalità al top), intermediario che offre anche il trading automatico tramite CopyTrader – sistema con all’interno strumenti anche per spiare i migliori trader.

In alternativa possiamo investire su criptovalute e aziende che vi operano tramite i portafogli smart CopyPortfolios. Stile ETF, ma senza costi aggiuntivi. Per chi vuole passare ad un conto reale bastano soli 50$.

I miner? Ormai quasi tutti in America. La fine della grande fuga

L’hashrate di Bitcoin è tornato in quota ed oggi è molto vicino al massimo raggiunto prima del crack cinese che ha costretto anche realtà piuttosto strutturate a darsi alla macchia. La situazione aveva destato più di qualche preoccupazione per gli appassionati ed ora si può dire però completamente rientrata.

Secondo quanto diffuso da Cambridge Centre for Alternative Finance più del 30% dell’hashrate di Bitcoin si trova adesso negli USA, con una crescita anno su anno superiore al 400%. Una buona notizia per Bitcoin? Sì, almeno per chi ha sempre utilizzato la grande quantità di hashrate operativo in Cina come motivo per attaccare $BTC e la sua decentralizzazione.

Non è soltanto questa la vicenda che può permetterci di avere un outlook molto positivo su Bitcoin e dunque anche sul resto del comparto. Perché nelle ultime ore arrivano notizie importanti anche dal fronte dell’adozione. Con la resistenza delle banche che è ormai poca cosa rispetto alla grande crescita di $BTC anche come strumento di pagamento.

All’aeroporto di Caracas si pagherà anche in Bitcoin

Il Venezuela, dati anche i noti problemi di iper-inflazione e di difficoltà di accesso alla valuta straniera è da tempo che ci si sta muovendo verso il mondo delle criptovalute. L’ultima notizia in questo senso arriva dal maggiore aeroporto di Caracas, che secondo quanto diffuso nella giornata di ieri, permetterà l’acquisto di biglietti aerei e di altri servizi proprio tramite Bitcoin.

Saranno accettate anche altre criptovalute come Dash e Petro (che in realtà è un sistema di pagamento digitale in capo al governo). Questo il commento del direttore generale dell’aeroporto Freddy Borges:

Attiveremo un bottone che permetterà il pagamento tramite criptovalute su tutte le piattaforme dell’aeroporto e in tutte le attività commerciali, in coordinamento con Sunacript.

Una mossa sicuramente politica – e che poco ha a che fare con la libertà che le criptovalute possono offrire. Segnale che non piacerà a molti degli avversari del regime venezuelano, ma che dimostra ancora una volta l’estrema duttilità del mondo delle criptovalute anche di fronte a situazioni internazionali complesse come questa.

L’adozione di Bitcoin cresce più velocemente di quella di Internet

Questo il terzo, ma altrettanto incredibile, dato della giornata di oggi. Secondo quanto riportato da FxStreet oggi Bitcoin ha lo stesso numero di utenti internet nel 2005, una crescita che è stata, nel caso di $BTC, molto superiore rispetto al ritmo di internet stesso.

Adozione Bitcoin  contro Internet
Adozione a ritmi incredibili

Ci sono già poi enormi compagnie come MicroStrategyTesla e Square che sono apertamente schierate per l’adozione di questa criptovaluta. Un dato che è chiaramente visibile dall’infografica che abbiamo allegato. Se questa dovesse continuare ad essere la progressione di Bitcoin, nel giro di pochi anni saremmo davanti ad un’adozione estremamente elevata, che permetterà a $BTC di diventare davvero la prima valuta internazionale di questa portata.

Rimaniamo fermi sulle nostre previsioni

Le nostre previsioni Bitcoin rimangono più che valide, almeno alle presenti circostanze di mercato. Dei livelli di prezzo molto alti, già in chiusura di anno, intorno ai quali oggi c’è il maggior consenso da parte degli analisti.

Bitcoin continua a stupire – nonostante siano ancora in molti a voler mettere i bastoni proverbiali tra le ruote. Come JP Morgan ieri e come i governi che, da una bdeblacle delle fiat currencies hanno soltanto da perdere.

Info su Gianluca Grossi

Laureato in Giurisprudenza, è esperto di investimenti in criptovalute. Ha già investito in passato in BitCoin, DogeCoin, Ethereum e XRP.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *