Siamo su:

Yahoo FinanceMilano FinanzaAffari italianiAdnkronosilSole24 oreIl Tempo.itAskanews

Home / Crollo criptovalute oggi | Che succede? Ecco cosa fare…

EVEGRANDE DEFAULT

Crollo criptovalute oggi | Che succede? Ecco cosa fare…

Tanto tuonò che piovve. Si riaffaccia sul mercato la questione Evergrande, con il più grande gruppo immobiliare della Cina che è quasi ufficialmente fallito e che non ha, a questo punto, più alcuna chance di salvezza, se non un intervento in extremis che ormai sembra essere fuori tempo massimo.

La società tedesca DMA ha infatti avviato le procedure per la bancarotta – una società tedesca di consulenza che ha anche dichiarato di aver fatto passare i canonici 30 giorni successivi alla scadenza. Terremoto che ha avuto delle ripercussioni anche sul mercato delle criptovalute.

CROLLO CRIPTOVALUTE ? State calmi – analisi situazione Evergrande / contraccolpo provvisorio?

Mercato cripto che però, a partire da Bitcoin ha tenuto, attestandosi comunque su livelli di prezzo più che interessanti. Segno che la bull run è più forte anche dell’eventuale fallimento di Evergrande? Possiamo intanto prepararci a fare trading in queste specifiche condizioni di mercato con eToro – vai qui per ricevere un esclusivo conto virtuale gratuito e illimitato nelle funzionalità – intermediario che offre la possibilità di investire sulle migliori 40+ criptovalute sul mercato.

Per sfruttare quella che potrebbe essere, con i giusti presupposti, una giornata di recupero verso i massimi, se gli altri mercati dovessero reagire in modo non troppo negativo alle pessime notizie che arrivano dalla Cina.

Che cos’è successo e quanto è vicino il fallimento di Evergrande?

In realtà si è fatta un po’ di confusione nella diffusione della notizia del fallimento di Evergrande. Il gruppo non è ancora tecnicamente fallito, anche se l’avvio delle procedure di DMA non sembrerebbe avere, almeno per il momento, alcun tipo di esito alternativo. Con una piccola sorpresa però, perché il gruppo avrebbe pagato in extremis almeno 2 dei blocchi di interessi e di cedole su 3 che erano in scadenza.

Bitcoin ha accusato il colpo, e mentre si trovava quasi sui 69.000$, è tornato nel giro di poche decine di minuti sotto quota 65.000$, incontrando però poco sopra i 64.000$ un fortissimo supporto, su quale poi si è costruito il movimento notturno, ovvero durante la fase asiatica.

Situazione complessa, con un solo esito possibile, ma il risk off

Quello che avviene su Bitcoin ad ogni grande turbolenza di mercato in gergo viene chiamato risk off e sono operazioni tramite le quali i grandi operatori di mercato provano a liberarsi dei titoli considerati a più alto rischio.

È più che normale che le principali criptovalute, parliamo anche di Ethereum ad esempio, subiscano gli effetti di queste operazioni, essendo ancora asset che presentano un profilo di rischio più alto praticamente di qualunque azione o di altro asset finanziario.

Il fatto che Bitcoin e il resto del comparto abbiano però tenuto, anche prima che si diffondesse la notizia di un pagamento almeno parziale da parte di Evergrande, è un ottimo segnale. Soltanto qualche settimana fa, una turbolenza di mercato di questo tipo sarebbe stata pagata da Bitcoin e dal comparto in modo molto più violento, mentre oggi si è trattato soltanto di una correzione dai massimi storici, tra le altre cose su una quota di prezzo soltanto pochi giorni fa avremmo considerato come molto alta.

Come muoversi sul mercato di oggi

Gli elementi che i mercati stanno cercando di assorbire sono due: lo shock, ennesimo, di Evergrande e l’inflazione che è arrivata dai dati USA, una sorta di segreto di Pulcinella che però i mercati non sembravano aspettarsi in queste proporzioni.

Non ci si aspettano grandi scossoni dalle borse europee e nella primissima mattinata tutti i principali cripto-asset si sono rivelati come più che solidi, gettando le basi per una giornata che sarà dura, ma non una mattanza.

Il punto di prezzo è interessante, in relazione alle previsioni sui prezzi delle criptovalute e qualcuno potrebbe anche approfittarne per fare shopping. Chi si stava lamentando dei 69.000$ raggiunti senza aver potuto fare acquisti, oggi ha la sua seconda occasione.

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *