Home / El Salvador compra 100 Bitcoin | Ennesimo “buy the dip” di Nayib Bukele

El salvador 100 Bitcoin

El Salvador compra 100 Bitcoin | Ennesimo “buy the dip” di Nayib Bukele

Le correzioni non sembrano spaventare El Salvador – paese che detiene già una discreta quantità di Bitcoin e che, anche questa volta, ha tenuto fede al motto buy the dip. Secondo quanto è stato riportato da Nayib Bukele, presidente del paese centro-americano.

El Salvador ha acquistato 100 Bitcoin aggiuntivi, cosa che si aggiunge all’annuncio, di qualche giorno fa, della nascita di Bitcoin City. Con una nota aggiuntiva e che potrebbe riportare il buon umore sui mercati. L’ultimo acquisto di El Salvador aveva poi innescato, dopo pochi giorni, una nuova corsa di Bitcoin.

El Salvador - 100 Bitcoin comprati per il dip
Ancora un “buy the dip” di El Salvador

Si può seguire l’esempio di El Salvador anche con la piattaforma eTorovai qui per ottenere un conto dimostrativo gratuito con capitale virtuale per testare la piattaforma – intermediario che ci permette di investire a partire da 50$, con accesso a tutte le funzionalità top.

Possiamo investire con il CopyTrader – che in un click ci offre la copia dei migliori trader su Bitcoin – oppure con i CopyPortfolios che abbinano $BTC ad altre criptovalute.

Bukele annuncia su Twitter: “Abbiamo comprato altri 100 Bitcoin

Con lo stile flamboyant che lo contraddistingue, Nayib Bukele ha comunicato tramite il suo account Twitter ufficiale di aver acquistato 100 Bitcoin aggiuntivi.

El Salvador ha “comprato il dip”. 100 coin aggiuntivi ad un prezzo scontato. #Bitcoin”

Messaggio che ha innescato uno dei più grandi nemici di Bitcoin, il conosciuto (e non troppo amato) Peter Schiff, che ha commentato:

È una disgrazia per il popolo di El Salvador. Mi chiedo quanti altri dip prima che taglino le perdite e vendano?

Il totale dei coin detenuti ora da El Salvador, a meno di operazioni che non siano state riportate, dovrebbe ammontare a 1220 BTC, che al prezzo attuale a poco più di 66 milioni di dollari. Sicuramente non una somma enorme, in particolare per uno stato, ma comunque un ulteriore passo in avanti per El Salvador, che con Bitcoin si sta muovendo su diversi fronti.

  • Bitcoin City

È stata annunciata qualche giorno fa. Sarà una città senza imposte (se non l’IVA) e che dovrebbe attirare investitori e operatori del settore Bitcoin. Il tutto all’interno di un progetto più ampio che vedrà il paese fare mining di Bitcoin con l’energia vulcanica (e pulita) del quale il paese è ricco.

  • Ospedale per gli animali domestici

I cui lavori sono già a buon punto e che sono stati finanziati, appunto, con i gain che il paese centro-americano ha conseguito grazie proprio a Bitcoin. Un altro vantaggio che il paese si sta godendo per essere entrato sul coin a prezzi decisamente più bassi di quelli di oggi.

Dove arriverà il rapporto tra Bitcoin e El Salvador?

Dipende dai punti di vista. I progetti di Nayib Bukele sono molto ambiziosi, e sono già a buon punto. Si dovrà poi valutare in futuro se il successore dell’attuale presidente di El Salvador vorrà continuare sulla stessa falsa riga.

Nel frattempo i bitcoiners si godono il primo stato che ha scelto di affidarsi a Bitcoin – un banca centrale algoritmica, che non pratica politiche monetarie espansive e che è la moneta più solida di sempre.

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *