Siamo su:

Yahoo FinanceMilano FinanzaAffari italianiAdnkronosilSole24 oreIl Tempo.itAskanews

Home / Banca Centrale Israele pro cripto | Le banche private non potranno più rifiutarle

Israele banca centrale cripto

Banca Centrale Israele pro cripto | Le banche private non potranno più rifiutarle

C’è chi parla ancora di piramide di bit e chi invece, a poche ore di volo da Milano, decide di prendere una strada completamente diversa. È il caso di Israele, paese già molto più attento del nostro alle tecnologie blockchain.

E da ieri anche al mondo delle criptovalute, con un intervento della Banca Centrale del Paese, che ha imposto egual trattamento dei profitti da criptovalute alle banche private. In altre parole, le banche private non potranno più rifiutarsi di operare con clienti che sono nel mondo cripto e che talvolta fanno transitare dai conti i profitti derivanti.

Cripto - banca centrale israeliana
Banca centrale Israele si impone sulle cripto

Ottima notizia per tutto il comparto, sul quale possiamo investire con la piattaforma sicura eToro – vai qui per ottenere un conto di prova gratuito con strumenti PREMIUM – intermediario che include al suo interno 40+ criptovalute scelte tra le migliori del presente e possibilmente del futuro.

Possiamo avere accesso, sempre gratuitamente, a strumenti quali il CopyTrader per copiare le posizioni dei migliori investitori che operano attraverso quella piattaforma, oppure ancora sfruttare i CopyPortfolios, che propongono in un solo titolo diverse cripto. Con 50$ passiamo ad un conto reale.

Nessuna banca che opera in Israele potrà rifiutare clienti cripto

La notizia è di quelle importanti, anche se stiamo parlando di un paese di pochi milioni di abitanti. L’importanza dell’apertura non è però soltanto in termini di volumi che potrebbero essere finalmente transati in libertà. L’ok, anzi l’obbligo arriva direttamente dalla Banca Centrale d’Israele, che ha imposto alle banche private del paese di trattare i proventi delle criptovalute come altri normali trasferimenti.

Via libera dunque automatico a chiunque operi con Bitcoin e con tutte le altre criptovalute, senza che le banche possano più rifiutarsi di offrire i propri servizi.

Tutto questo in un paese che era già tra i più aperti al mondo alle criptovalute e dove di grossi problemi in questo senso – al contrario che in Europa – non se ne sono mai avuti. Cerchiamo di capire i risvolti di questa decisione della banca centrale israeliana e se potrà o meno rendere più diffuse nel paese le criptovalute. Tutto questo fatte salve le libertà della banca di verificare transazioni anche in ottemperanza alle buone pratiche anti-riciclaggio.

Bitcoin e banche: sarà uno dei temi del 2021

Bitcoin è nato, tra le altre cose, proprio per evitare la necessità delle banche. Un traguardo finale, per un sistema che – lo ricordiamo ai nostri lettori – ha tra le sue caratteristiche più importanti quella di poter essere inviato e ricevuto senza terze parti come le istituzioni finanziarie.

Per molti però il passaggio tramite banca, in particolare per chi fa trading su Bitcoin o per chi vuole comunque liquidare posizioni in forte gain continuerà ad essere un passaggio quasi obbligato.

Il fatto che le banche israeliane non potranno più rifiutarsi per principio potrà aiutare gli israeliani ad avvicinarsi a questo mondo senza timori e senza il rischio di ritrovarsi con conti bloccati o nell’impossibilità di ritirare denaro. Un passo avanti? Gli obblighi potrebbero non piacere, ma comunque un atteggiamento più sano da parte delle banche nei confronti di una rivoluzione che è già qui sarebbe comunque dovuto.

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

One comment

  1. La saggezza di Re Salomone da inizio al cambiamento………e l’anno delle cripto inizia domani!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *