Home / Hedera diventa Open Source | Apertura anche nella governance

Hedera diventa open source

Hedera diventa Open Source | Apertura anche nella governance

Novità incredibile dalle parti di Hedera Hashgraph, chain pubblica nata per lo sviluppo di App Decentralizzate, che secondo quanto deciso dal comitato che gestisce il protocollo passerà ad una licenza Open Source, ovvero la Apache 2.0.

Un passaggio fondamentale rispetto al vecchio sistema di open review, che permetteva a tutti di verificare il codice senza però avere l’opportunità di modificarlo. Una svolta che passerà dal riacquisto della proprietà intellettuale che protegge suddetto codice e che potrebbe cambiare per sempre il mondo di Hedera Hashgraph per come lo conosciamo. Ci saranno inoltre dei cambiamenti importanti in termini di governance, dei quali parleremo in questo nostro approfondimento.

Hedera Hashgraph - passaggio ad open source - ecco come
Enormi cambiamenti in Hedera – e intanto $HBAR corre sul mercato

Siamo davanti ad un passaggio che potrebbe avere effetti importanti anche per $HBAR, che è il token di riferimento della chain. Possiamo trovarlo, a scopo di investimento, all’interno della piattaforma sicura Capital.comvai qui per richiedere una demo gratuita con servizi CRYPTO AUTO TRADING Intelligenti – intermediario che ci permette di investire su un totale di 235+ criptovalute e che offre anche accesso alle migliori piattaforme per professionisti.

Qui troviamo infatti, oltre al WebTrader, anche TradingView e MetaTrader – tra le più apprezzate dai professionisti e in grado di offrire il top tanto a livello analitico quanto operativo. Abbiamo anche accesso ad un esclusivo algoritmo di intelligenza artificiale, che analizza i nostri investimenti e li valuta. Bastano 20€ per passare ad un conto reale.

Rivoluzione Hedera – il protocollo diventa Open Source

Sì, il codice di Hedera era già disponibile e poteva essere analizzato praticamente da chiunque, ma tra qualche tempo si avrà anche la possibilità di modificare il codice, secondo quanto permesso dalla licenza Apache 2.0, che prende il nome da uno dei più popolari server web della storia. Una licenza pienamente Open Source e che permetterà a tutti di offrire il loro contributo.

La visione che abbiamo sempre avuto da Hedera è quella di un’organizzazione guidata dai membri del concilio, puntando ad una governance più decentralizzata possibile e che può raggiungere il pubblico sul mercato nel modo più aperto possibile.

Questo il commento di Scott Thiel, che fa riferimento anche agli importanti cambiamenti che si avranno in termini di governance. Sparirà infatti la C-suite, i cui poteri verranno trasferiti all’Hedera Governing Council.

Una svolta verso l’apertura del protocollo e della sua gestione a tutti gli effetti, che permetterà al progetto di attirare nuovi interessati anche dal lato della programmazione della stessa. Obiettivo dichiarato è quello di incoraggiare l’adozione di Hedera, proprio mentre il protocollo si trova al suo picco di accettazione presso il pubblico.

Il futuro di Hedera Hashgraph

Un futuro che si preannuncia come brillante, in particolare perché una parte importante del mondo su chain si sta spostando proprio in questa direzione. Il Web 3, se dovesse effettivamente prendere piede con le proporzioni previste dagli specialisti, potrebbe inoltre contribuire ad un’ulteriore diffusione del protocollo. Il tutto tenendo conto anche della grande crescita che il segmento DeFi e Dapps potrebbe conseguire nel corso del 2022.

La mossa della trasformazione del progetto in Open Source è stata già accolta dalla community in modo molto positivo. E anche dai mercati, con $HBAR che viene scambiato in questo momento in rialzo di circa il 7% rispetto ai valori di ieri.

Il tutto all’interno di un mercato piuttosto piatto, con Bitcoin che continua ad oscillare intorno ai 42.000$ e che continua a condurre danze laterali che potrebbero durare ancora per un po’.

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *