Home / Tezos diventa sponsor del Manchester United | 120 milioni in 6 anni

sponsor tezos

Tezos diventa sponsor del Manchester United | 120 milioni in 6 anni

Calcio e criptovalute. Un binomio che ha messo il turbo nel 2021 e che sta aprendo il 2022 con ancora più voglia di sorprendere.

Questa volta è il turno di Tezos, che diventerà sponsor del Manchester United per quanto riguarda le maglie da allenamento. Uno dei team più importanti di sempre, tra i più vincenti in Europa, con il mondo della blockchain che porta a segno un altro importantissimo colpo nel mondo dello sport che conta.

Manchester UNited e tezos insieme - sponsorship
È cryptomania anche per il Manchester United

Ottima notizia anche per Tezos, criptovaluta che possiamo trovare sulla piattaforma sicura eToroche offre anche lo staking su XTZ in automaticointermediario che ci propone anche servizi esclusivi fintech, che non possiamo trovare altrove.

È qui ad esempio che possiamo sfruttare il CopyTrader – che ci propone la possibilità di copiare i migliori trader, in un solo click e senza costi aggiuntivi. Possiamo inoltre utilizzare anche gli Smart Portfolios, che includono all’interno dello stesso paniere più asset cripto. Anche qui nessun costo aggiuntivo incluso. Con 50$ possiamo passare ad un conto reale.

L’accordo tra Manchester United e Tezos

Un accordo decisamente importante anche sul lato economico, dato che secondo quanto riportato da The Athletic si tratterebbe di un contratto da 6 anni e per 20 milioni di dollari annui, ovvero per un totale di 120 milioni. Accordo imponente, forse impensabile per i team italiani, che non possono portare a casa partnership così ricche neanche per la maglia ufficiale.

Qui parliamo di Training Kit, ovvero del materiale che viene utilizzato dalla squadra per l’allenamento, quello che era occupato almeno fino ad oggi da AON. La partnership con il vecchio gruppo è arrivata a naturale conclusione e non sarà rinnovata, cosa che ha permesso appunto a Tezos di inserirsi all’interno della trattativa e di offrire una cifra molto interessante anche per un team di prestigio internazionale, che è anche uno dei brand più importanti del mondo dello sport a livello globale.

Continua pertanto l’apertura del mondo delle criptovalute al calcio, o meglio, l’apertura del calcio ai ricchissimi sponsor che arrivano dal mondo cripto, che in una fase di relativa crisi a causa della pandemia e delle relative restrizioni non può che dare il benvenuto all’enorme liquidità di cui progetti cripto e anche exchange sono dotati.

Il calcio attirerà altre sponsorship di questo livello

Di questo siamo certi. Basti guardare all’impegno di Socios con Inter, Roma, Milan e Juventus in Italia, sebbene sia presente soltanto sulla maglia della prima.

Discorso poi diverso anche per Binance, che è presente sulle maglie di Porto e Lazio e che si sta impegnando anche in altri sport con un certo seguito. Cosa della quale, lo ricordiamo ai nostri lettori, parleremo domani con Lucia Quaglia e Lorenzo Capone proprio di Binance, nel nostro appuntamento quotidiano a Casa Sanremo, in diretta alle 18:00 su tutti i nostri canali social.

Tutto questo con la convinzione che l’espansione di exchange ma anche protocolli cripto nel mondo delle sponsorizzazioni del calcio non è finito qui – e che nel 2022 continueremo a vederne delle belle.

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *