Home / Bitcoin, El Salvador e Fitch | L’agenzia abbassa il rating a CCC

RATING FITCH CCC

Bitcoin, El Salvador e Fitch | L’agenzia abbassa il rating a CCC

Le agenzie di rating possono essere strumento di pressione politica? Oppure svolgono il loro lavoro sempre in modo indipendente? È un quesito che non nasce con Bitcoin ma che comunque è tornato prepotentemente alla ribalta dato quanto è avvenuto tra Fitch ed El Salvador.

Fitch ha infatti effettuato un downgrade – ovvero un abbassamento da B- a CCC. Qualcosa di atteso per molti, data la situazione preoccupante per il debito pubblico del paese, ma che vede anche $BTC al centro della questione. Non sono dietrologie nostre, ma citazioni dirette del documento di Fitch.

RATING FITCH CCC

Una situazione preoccupante? È più complesso di così – e ha dei risvolti importanti e positivi anche per Bitcoin – sul quale possiamo investire anche con la piattaforma sicura eTorovai qui per ottenere un conto gratis di prova con il TOP degli strumenti – intermediario che ci offre anche la possibilità di investire su altre 49+ criptovalute.

All’interno di questo broker sono presenti anche strumenti quali il CopyTrader, un sistema di trading automatico tramite la copia delle posizioni dei migliori investitori. In alternativa possiamo scegliere di investire all’interno con gli SMart Portfolios, che operano come panieri in stile ETF, ma che non hanno costi aggiuntivi incorporati. Con 50$ possiamo passare ad un conto reale.

Fitch contro l’esperimento Bitcoin di El Salvador

Una delle possibili chiavi di lettura di quanto avvenuto da Fitch è questa: Bitcoin sta creando dei problemi ai vecchi Soloni dell’economia classica e per questo motivo viene attaccato da ogni angolo. Una lettura interessante, anche se parziale: partiremo proprio da questa.

Secondo quanto riportato da Fitch, che ricordiamo essere ai nostri lettori una delle agenzie di rating più importanti del mondo, la situazione preoccupante di El Salvador è legata anche all’adozione di Bitcoin come valuta avente corso legale, nonché agli acquisti che il presidente Nayib Bukele ha fatto per conto dello stato che governa.

Secondo il punto di vista di Fitch, l’indebolimento delle istituzioni e la concentrazione del potere intorno alla presidenza ha aumentato l’instabilità delle policy future – e l’adozione di Bitcoin come legal tender ha aggiunto incertezza sul programma IMF che offrirebbe liquidità per il 2022 e 2023.

Questo il dispaccio diffuso da Fitch che aggiunge qualche succulento particolare alla vicenda. In realtà non è Bitcoin in se ad essere un problema, ma il fatto che la sua adozione come valuta avente corso legale ha in realtà innescato già delle reazioni da parte di IMF.

Il tutto all’interno di una situazione dove El Salvador ha bisogno, quasi disperato, di liquidità per i prossimi 2 anni. Le necessità finanziarie del paese stanno infatti aumentando, motivo che ha portato anche alla nascita dei Bitcoin Bonds, una sorta di alternativa ai canali classici di finanziamento.

È Fitch ad essere contraria a Bitcoin?

Non necessariamente. Almeno secondo quanto diffuso dal gruppo, questi si limiterebbe a valutare le condizioni attuali dell’economia salvadoregna, nonché la situazione del suo importante debito pubblico. Bitcoin sarebbe pertanto un problema in quanto inviso a IMF e non per altre questioni.

È questo che ci rende ottimisti sul futuro di Bitcoin all’interno dell’economia di El Salvador. Quella di IMF è infatti una reazione politica tout court e non ha alcun tipo di base economica.

Occhio però: questo non vuol dire che non ci saranno guai grossi per El Salvador: siamo infatti davanti ad un paese che avrà per i prossimi due anni necessità di finanziamento superiori alla quantità di denaro che si raccoglierà tramite i Bitcoin Bonds.

I Bitcoin Bonds basteranno per salvare El Salvador?

Ammesso che abbia effettivamente necessità di essere salvato, la risposta è complessa. Certo, la cassa non è delle migliori e gli ambiziosi piani di Nayib Bukele avranno bisogno di essere finanziati, ma il prestito di IMF non sarebbe comunque risolutivo – se dovessero essere confermati gli importanti bisogni del paese.

I Bitcoin Bonds rimangono una buona alternativa (coprirebbero gran parte del denaro in ballo con il Fondo Monetario Internazionale) – in particolare se le sottoscrizioni dovessero arrivare copiose. Quel che è certo è che El Salvador si sta preparando ad una partita importante – e che Bitcoin sarà una delle armi a disposizione del paese.

Info su Gianluca Grossi

Capo-redazione ed analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *