Home / Crollo criptovalute: nuovo allarme? | Perchè preoccuparci stavolta? Analisi

Cripto analisi guerra

Crollo criptovalute: nuovo allarme? | Perchè preoccuparci stavolta? Analisi

Petrolio alle stelle, giù SPX500, azionari in generale e anche Bitcoin e cripto. Continua il grande nervosismo sui mercati, sia per quanto Fed si appresterebbe ormai a fare, sia per le notizie – se così vogliamo chiamarle – che arrivano dall’Ucraina.

Massimo nervosismo, che ha visto però tanto Bitcoin quanto Ethereum tenere su supporti importanti, senza che si sia innescato il panico.

Crisi criptovalute e azionario - l'analisi di Criptovaluta.it
Venti di guerra in Ucraina e mercati giù

Complessivamente un buono stato di salute del settore, sul quale possiamo investire con la piattaforma sicura eTorovai qui per ottenere il conto virtuale gratuito che offre CRYPTO TRADING AUTOMATICO grazie a strumenti come il CopyTrader, che permette la copia dei migliori investitori che operano attraverso questa piattaforma.

Abbiamo anche a disposizione gli Smart Portfolios, che permettono di investire su $BTC in abbinamento ad altri cripto asset. Nel listino ne sono presenti 49+, con la possibilità di organizzare anche portafogli ben diversificati. Con 50$ possiamo passare al conto reale di trading.

Bitcoin, inflazione, azioni, guerra: i grandi temi che ci terranno occupati per un po’

La situazione generale sui mercati non è delle migliori. Abbiamo l’inflazione che morde, e della quale abbiamo parlato già più volte sulle pagine di Criptovaluta.it.

Inflazione che dovrebbe innescare reazioni da parte delle banche centrali che puntano tutte verso una recessione le cui proporzioni sono, almeno per il momento, difficili da calcolare.

Bitcoin ha comunque guadagnato nel corso di una settimana di paura e delirio, con un venerdì chiuso però in negativo dato che si sono aggiunti ulteriori elementi negativi all’outlook.

  • Venti di guerra in Ucraina

Il fulmine a ciel sereno è arrivato dalla Casa Bianca, che ieri ha parlato candidamente della certezza (poi diventata alta probabilità) di invasione russa ai danni dell’Ucraina. Una possibilità che secondo la stampa occidentale sarebbe quasi certezza appunto e che è stata sufficiente per innescare il panico su tutti i mercati.

  • Petrolio ai massimi dal 2014

Questa situazione ha spinto ancora più in alto i prezzi del petrolio, che sono ai massimi dal 2014. Anche questa non è un’ottima notizia per l’andamento delle borse. La crescita, già barcollante e meno intensa di quanto ci avevano raccontato le banche centrali.

In una situazione del genere era più che ragionevole aspettarsi un piccolo sell off anche di quello che, in queste situazioni, viene trattato a tutti gli effetti come un asset di rischio.

Prezzi del petrolio i più alti dal 2014
Il petrolio è ai prezzi più alti dal 2014

La buona notizia: tengono i supporti

I supporti fondamentali hanno però tenuto e chi si aspettava un crash per il mondo cripto è stato smentito. Certo, chiudere così la settimana non è stato piacevole, ma i segnali che arrivano dal mercato di Bitcoin sono, almeno a nostro avviso, incoraggianti.

Tutto questo tenendo conto anche della buona performance complessivo di questa categoria di asset durante tutta la settimana.

Gli eventuali rischi del weekend

Il weekend si presenta come altamente imprevedibile, come spesso accade nel comparto delle criptovalute e di Bitcoin. Durante la notte, quando a fare trading ci sono quasi soltanto gli asiatici, il prezzo è sceso anche se in modo relativamente contenuto.

Azionario Bitcoin - confronto
Correlazione ancora una volta evidente con l’azionario

Ci sarà da stare a guardare, in particolare nel pomeriggio, cosa accadrà al risveglio di New York, con la volatilità che potrà essere sfruttata da chi preferisce il trading di breve periodo.

E nel caso di prezzi più bassi rispetto a quanto abbiamo visto nel corso della settimana, potrebbe esserci l’occasione di fare acquisti per il lungo periodo con l’exchange Crypto.comvai qui per aprire un conto gratis che offre anche 25$ di bonus ESCLUSIVO – intermediario che ci offre acquisto diretto e anche wallet digitale dove tenere le nostre cripto per il lungo periodo.

Lo spazio di manovra delle banche centrali è nullo

Qualcosa del quale in pochi parlano apertamente, perché forse contribuirebbe a gettare ancora più nel panico almeno le borse. Ritirare almeno in parte l’enorme liquidità con la quale sono stati inondati i mercati non sarà facile. La ripresa che si millantava qualche settimana fa non c’è, così come non c’è molto spazio per comprimere l’occupazione.

Sarà un gioco di equilibri, molto difficile tanto per Fed quanto per BCE. Con Bitcoin che avrà la sua grande occasione di proporsi come asset alternativo e porto sicuro in momenti di grande incertezza. La correlazione con gli asset di rischio non sempre c’è stata nell’ultima settimana, segno forse che il momento dell’affrancamento non è poi così lontano.

Bitcoin come asset alternativo al dollaro?

È la suggestione più forte – e anche questa una di quelle che non si leggono sulla stampa tradizionale. Tra le sanzioni che gli USA hanno minacciato di applicare ci sono anche restrizioni al mercato del dollaro USA per la Russia. Con una differenza geopolitica importante oggi: ci sono alternative. Qualche stato ci ha già guardato e, pur non scrivendone noi il nome, siamo certi che i nostri lettori potranno giungere alla medesima conclusione.

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

12 commenti

  1. Più che asset alternativo io lo vedo solo speculativo! anche perchè mi sembra che ormai ha fallito più volte su questo lato, va bene così io non holdo un cent. più crolla meglio è… 🙂

  2. Sono d’accordo con te Mirko
    Ormai il Btc ha fallito come asset rifugio
    E lo ha dimostrato una marea di volte con questi crolli devastanti.

  3. Commento solo per par condicio.
    In primo luogo più scende e meglio è una definizione errata dello short, perché lo short ha un limite che è valore zero, mentre il long è teoricamente infinito.
    Poi vendere e ricomprare significa che stai accumulando e quindi presumibilmente il tuo intento è speculare, oppure holdare, io dubito che riconverti tutto il guadagno in fiat.
    Poi bitcoin non può aver fallito come bene rifugio perché per la massa non lo è ancora diventato.
    Speculare su qualunque altra cripto per convertire poi in bitcoin, questo sì perché bitcoin è Poi alla fine l’unica vera criptovaluta.

  4. Fatevi di *****, e’ molto piu’ sicura!

  5. Crolli!?😂 Smettetela di venire a scrivere str… su questo sito.

  6. Ma chi scrive che il Bitcoin ha fallito come asset alternativo vada a investire in BTP o in qualche azione spazzatura chissà che magari ci guadagna di più

  7. Se la moneta fiat varrà sempre di meno causa inflazione, btc varrà sempre di più. Per quanto ognuno possa avere pareri tutti personali su btc questa è l’unica conseguenza a fatti che nessuno può opinare. Non è questa la definizione di bene rifugio? La scarsità dello stesso lo renderà sempre più prezioso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *