Home / Canada mette sotto inchiesta crypto wallet | Ma non può nulla…

Cripto canada

Canada mette sotto inchiesta crypto wallet | Ma non può nulla…

Lo avevamo annunciato in anteprima ieri su Twitter e oggi arrivano le conferme. Il governo canadese ha dato mandato a RCMP di investigare su più di 30 wallet cripto, che sono legati alle donazioni per il Freedom Convoy.

Una mossa mai vista prima, per intensità e per gravità, che ha già innescato una serie di proteste importanti anche tra chi vive lontano dal Canada. Qualcosa di cui abbiamo già parlato su Criptovaluta.it e che apre a nuovi e inquietanti scenari di repressione finanziaria.

Cripto sotto inchiesta in Canada - ma lo stato può poco
Il Canada prova ad attaccare le cripto – ma può fare poco o nulla

Il tutto però è un’ottima notizia per il mondo cripto, che sta vedendo testata sul campo una delle funzionalità più importanti che incorpora. Con effetti anche sull’adozione a cascata che può innescare in termini di adozione. Possiamo investirci con eTororichiedi qui un conto virtuale per crypto trading automatico – ne sono presenti più di 50, sulle quali potremo investire anche con strumenti molto avanzati.

Parliamo ad esempio delle funzionalità di analisi tecnica che sono incluse all’interno del WebTrader che questo intermediario mette a disposizione. Abbiamo poi a disposizione sempre il CopyTrader, che ci permette di investire copiando il top dei trader sul mercato. E possiamo iniziare ad investire con soli 50$ con un conto reale.

Leggi anche: eToro opinioni

La svolta repressiva di Trudeau colpisce anche le criptovalute

L’antefatto dovrebbe essere ormai noto a tutti. Ci sono veementi proteste ed occupazioni nella capitale canadese, alle quali il primo ministro Justin Trudeau ha risposto, per tramite del suo governo, prima bloccando i fondi raccolti da chi protesta tramite GoFundMe e poi tentando una sortita nel mondo di Bitcoin e in quello delle criptovalute in generale.

Come avevamo detto ieri su Twitter, erano 36 i wallet sotto inchiesta, che sono stati immediatamente blacklistati. In altre parole, è fatto divieto alle istituzioni finanziarie registrate in Canada interagire con questi wallet. La conferma è ora arrivata da un documento interno che sta circolando su internet, che riguarda la RCMP, ovvero la Royal Canada Mounted Police alla quale è stato conferito mandato di inoltrare tali indirizzi agli intermediari per bloccarne le transazioni verso il mondo della finanza regolamentata.

Ci sono indirizzi Bitcoin, ma anche di Cardano, di Ethereum, di Litecoin e Monero. Una situazione che però ci dice molto sull’attuale Status delle criptovalute, anche per questioni politicamente rilevanti.

Le criptovalute sono una valida alternativa per sfuggire al mondo della repressione finanziaria

Qualunque ne siano le ragioni, condivisibili o meno, nessuno avrebbe mai sospettato una stretta di questo tipo. Dall’altro però abbiamo la risposta solida di tutto il mondo cripto, con anche Monero che si è schierato in modo netto contro queste operazioni. La cosa più importante è che in realtà poco potranno fare le authority, perché i wallet rimangono comunque privati, senza possibilità di accesso da parte della polizia o di chiunque non ne abbia le chiavi. Potranno rendere più difficile la trasformazione in valuta fiat, ma null’altro.

E questo è uno dei motivi che avevano spinto alla nascita di Bitcoin, motivo che vedremo riproporsi esattamente in questi termini tra poco, con l’arrivo delle CBDC anche se in fase di test sulle principali economie mondiali.

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *