Home / Crollano Bitcoin e criptovalute | I mercati pagano la crisi Russa ma…

Crollo Cripto e Azioni con russia

Crollano Bitcoin e criptovalute | I mercati pagano la crisi Russa ma…

Dopo aver tenuto intorno ai 38.000$Bitcoin durante la sessione asiatica, quando in Italia è piena notte, ha continuato a perdere quota, per fermarsi poi sopra i 36.400$.

Una situazione che ha ovviamente coinvolto anche le altre criptovalute, con Ethereum che è tornato di poco al di sopra del supporto fondamentale a 2.500$. Una situazione non idilliaca, che però ha anche un’altra chiave di lettura, a poche ore da un forte deterioramento della situazione geopolitica mondiale, in particolare tra RussiaUcraina e USA.

Venti di guerra - giù Bitcoin e cripto
I venti di guerra in Russia buttano giù i mercati

Una correzione che ha tenuto impegnati anche i mercati classici, con le cripto che però, almeno per ora, sembrerebbero aver trovato un discreto supporto. Possiamo investire su questa situazione incerta (ma ricca di opportunità) anche con la piattaforma sicura e più utilizzata eToro – vai qui per ottenere un conto virtuale gratuito con servizi di analisi premium – intermediario che ci propone 50+ criptovalute e il top in termini di strumenti anche operativi.

Possiamo scegliere di operare con questo intermediario per sfruttare il CopyTrader, che ci permette di investire con la copia dei migliori trader sulla piattaforma, in aggiunta alla possibilità di spiare ogni loro movimento di mercato. Possiamo inoltre operare con gli Smart Portfolios nel caso in cui preferissimo un investimento in stile ETF ma senza costi aggiuntivi di sorta. Con 50$ possiamo passare ad un conto reale.

Giù le cripto, ma anche le borse: pesa la situazione nel Donbass

La situazione geopolitica è rapidamente scemata, dopo settimane di tensioni, con il discorso in diretta di Putin che ha riconosciuto formalmente le repubbliche di Donetks e Lugansk, un annuncio che non solo ha fatto precipitare i mercati USA poco prima della chiusura, ma che ha spinto per una sessione asiatica tutto fuorché incoraggiante.

Anche Bitcoin, insieme al resto del comparto cripto, ne ha risentito in modo importante. Ha toccato i minimi di 36.400$ per poi partire con una breve, ma non troppo intensa, ripresa. La situazione è la peggiore che si potesse immaginare, ma come avevamo già annunciato sul nostro profilo Twitter alle prime luci dell’alba, in realtà l’andamento del mercato in quanto tale c’entra davvero poco.

A dominare è pertanto la geopolitica, accompagnata da una situazione macro anche questa tutto fuorché incoraggiante, con la minaccia di un rialzo repentino dei tassi che è diventata concreta e che ha contribuito anche in questo caso ad affossare il mercato delle criptovalute insieme a quello delle azioni.

La nostra chiave di lettura non convince? Shanghai è a -1%Hong Kong quasi al -3%Tokyo quasi al -2% e Taiwan a 1,4%, una situazione di chiarissima lettura e che procede in parallelo con quanto sta avvenendo anche nel mondo di Bitcoin.

Come uscire da questa situazione: quanto c’è da preoccuparsi?

I mercati dovrebbero avere già scontato le evoluzioni in Russia ed Ucraina e dovremmo aspettarci ulteriore debolezza – ed eventuali crolli – soltanto nel caso in cui la situazione degenerasse con un invasione effettiva del territorio ucraino, con l’esercito russo diretto verso Kiev. Un’ipotesi che almeno per il momento sembra possa essere ancora scongiurata.

Dall’altro lato dovremo vedere come procederà la sessione europea e, cosa più importante, quella USA, che torna ad aprire dopo un weekend molto lungo, con le borse chiuse ieri per il President’s Day. Certo, regna ancora un enorme nervosismo, perché la situazione russa va ad aggiungersi a prezzi già stellari per le materie prime energetiche e ad una ripresa che ormai sembra essere un bluff.

La tenuta sopra i livelli di cui sopra di Bitcoin, ma anche di Ethereum è però per molti un buon segnale. E i prezzi attuali una finestra per entrare su livelli di prezzo interessanti. Cosa che possiamo fare con Coinbase – vai qui per aprire un conto gratis – intermediario che offre accesso all’acquisto diretto di criptovalute, che potremo poi anche spostare su un wallet privato. Certo, la situazione è rischiosa, ma tenere molto al di sopra dei minimi dell’anno scorso è un messaggio di speranza.

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

2 commenti

  1. grazie per il tuo lavoro! pagina incredibile!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *