Home / Wallet Bitcoin con lettore impronte | La soluzione di Block innesca polemiche

Bitcoin Wallet Block

Wallet Bitcoin con lettore impronte | La soluzione di Block innesca polemiche

Qualcosa si muove per il wallet Bitcoin di Jack Dorsey, qualcosa che sta creando già il solito turbine di polemiche, testimonianza di una community viva e che ama discutere, anche con toni piuttosto accessi.

Sul tavolo, un recap è necessario per chi non ha seguito dagli albori la vicenda, c’è il nuovo wallet per Bitcoin che Block, società che fa capo a Jack Dorsey, starebbe mettendo a punto. Un prodotto che è stato preannunciato come rivoluzionario da chi lo sta seguendo e che è già riuscito a creare un certo hype tra gli appassionati e non.

Block BItcoin Wallet con lettore
Bitcoin Wallet con fingerprint – ecco cosa pensa di fare Block

Siamo comunque davanti ad una buona notizia per l’ecosistema, per un motivo molto semplice: tutti possono implementare il corredo funzionale per Bitcoin nel modo in cui preferiscono e sarà poi il mercato a decidere. Una dimostrazione di libertà (piaccia o meno il corso che potrebbe prendere talvolta) che è nel cuore dell’idea stessa di Bitcoin come protocollo. Possiamo investirci con la piattaforma eTorovai qui per ottenere un conto virtuale gratis con FINTECH e STRUMENTI TOP – intermediario che ci offre la possibilità di operare oltre che su $BTC anche su altri 55+ asset cripto.

Sempre tramite questo intermediario abbiamo a disposizione uno strumento potente come il CopyTrader, sistema che offre trading automatico con la copia dei migliori trader che sono sulla piattaforma. Abbiamo a disposizione anche gli Smart Portfolios, panieri cripto che propongono un investimento in stile ETF. Con 50$ potremo passare ad un conto reale.

Bitcoin wallet con dati biometrici? Non piace a tutti

La questione fondamentale è questa: il wallet di Block non vorrà affidarsi a pin, password e passphrase, strumenti complicati da utilizzare e da ricordare, in particolare per chi non vuole gestire in modo complesso la propria sicurezza. Soluzione? Un lettore di impronte digitali che sarebbe direttamente integrato nel dispositivo per accedere alle key dei propri Bitcoin.

Una soluzione sicuramente rapida (siamo abituati ad utilizzarla già sul cellulare) che non obbliga nessuno a ricordarsi alcunché, ma che per chi è molto attento alla privacy costituirebbe un vulnus importante dell’intero apparato. Posizione che forse non tutti condivideranno, ma che è comunque solida, interessante e che probabilmente andrebbe ascoltata prima di compiere una scelta.

Sta di fatto che data la potenza di fuoco di Block con ogni probabilità la sua soluzione per un wallet, che tra le altre cose non includerà uno schermo, questa soluzione avrà sicuramente un buon numero di sostenitori. Così come va sottolineato il fatto che Block si è detta al corrente delle problematiche che questa soluzione comporterebbe e che prevederà anche dei meccanismi per fare opt out.

Siamo al corrente delle limitazioni e che avremo bisogno di aggirarle. Mentre costruiremo il prodotto, valuteremo metodi di accessi alternativi che il consumatore potrà scegliere. E, ovviamente, i dati sull’impronta digitale non usciranno mai dal dispositivo.

Una posizione anche questa interessante e che siamo sicuri che agiterà altre discussioni. In una community viva, dove ognuno può dire la sua, scegliere la propria implementazione senza che ci siano delle fratture insanabili per il protocollo stesso.

Block rivoluzionerà davvero il mondo dei wallet?

Si tratterà di un approccio aperto anche in termini di codice e questa potrebbe essere una novità importante per il mondo dei wallet, il quale in larga parte oggi basa parte della sua sicurezza sulla segretezza del funzionamento interno.

Staremo a vedere, una volta che il prodotto sarà disponibile sul mercato, come si collocherà nel contesto variegato dei wallet Bitcoin. Per ora non possiamo che dare il benvenuto all’ennesimo concorrente, sapendo che dalla scelta ampia e articolata hanno sempre da guadagnarci soltanto i consumatori e gli appassionati.1

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *