Home / Algorand raddoppia gli sforzi pro Ucraina | Donazioni private raddoppiate da $ALGO

Algorand Pro Ucraina

Algorand raddoppia gli sforzi pro Ucraina | Donazioni private raddoppiate da $ALGO

Uno sforzo in più da parte di Algorand, o meglio, da parte della foundation che ne regola lo sviluppo economico e commerciale. Il gruppo ha infatti annunciato nel weekend che contribuirà al 100% con tutte le donazioni che avverranno per tramite della community.

Destinatari delle donazioni saranno i diversi relief fund del governo ucraino, in uno sforzo, secondo la Algorand Foundation verso il sostegno delle iniziative di carattere umanitario.

Algorand raddoppia le donazioni degli utenti per l’Ucraina

Una mossa di pubbliche relazioni importante, con Algorand che si conferma uno dei gruppi leader anche della discussione pubblica. Possiamo trovare $ALGO anche sulla piattaforma sicura ed avanzata Capital.comvai qui per ottenere il conto di prova sempre gratis con TUTTI gli STRUMENTI PRO – intermediario che ci offre il top in termini di piattaforme di analisi ed operative, insieme a servizi esclusivi di analisi tramite intelligenza artificiale.

Abbiamo accesso a MetaTrader 4, con il top degli strumenti di analisi e per la gestione degli ordini e anche a TradingView, accessibile via web e integrabile con la piattaforma proprietaria di Capital.com. Con 20€ possiamo accedere al conto reale che include anche intelligenza artificiale in script che analizza il nostro portafoglio e segnala errori.

Algorand vuole più donazioni all’Ucraina: ecco come le spingerà

Algorand è una delle chain che si possono usare per donare all’Ucraina e per contribuire allo sforzo del governo per dotarsi di attrezzatura e, ormai da qualche giorno, anche per il relief di carattere umanitario.

Una delle possibilità che è però rimasta al palo, con le donazioni che nell’ultima settimana, almeno su Algorand, si sono abbassate notevolmente. E per questo motivo la Algorand Foundation ha deciso di intervenire, andando ad offrire un match 1:1 delle donazioni che avverranno su rete Algorand.

In altre parole per ogni $ALGO donato all’Ucraina da privati la fondazione farà un’altra donazione di pari importo. Questo fino al raggiungimento del cap di 1 milione di algo, ovvero ai prezzi attuali poco meno di 1 milione di dollari. Questo nell’intento chiaro di aumentare le donazioni tramite Algo e dunque di ottenere anche un discreto ritorno in termini di PR. Una mossa importante, che schiera politicamente Algorand tramite il suo centro di controllo e che avrà con ogni probabilità conseguenze importanti anche sulla percezione del brand.

Criptovalute protagoniste nel conflitto ucraino

Abbiamo già approfondito diverse volte questo aspetto sulle nostre pagine e vale la pena di tornare sull’argomento, dato che purtroppo il conflitto continua e i bisogni della popolazione ucraina crescono.

Bitcoin ed Ethereum hanno giocato un ruolo fondamentale all’interno del conflitto, con un fiume di donazioni che ha appunto raggiunto direttamente il governo ucraino e anche diverse associazioni umanitarie, a partire dalla Croce Rossa.

Un caso d’uso importante, che conferma quella che è l’utilità principale delle valute cripto, ovvero quello di essere molto difficili da censurare e di permettere trasferimenti di denaro anche in situazioni estreme.

Situazioni estreme che ora sono a pochi chilometri da casa nostra, con gli ucraini che hanno enorme difficoltà ad accedere al sistema bancario classico, sia che rimangano nel paese sia che provino ad uscirne. Un buon segnale per questo mondo, ingiustamente a nostro avviso attaccato dalla politica europea, che vi intravede la possibilità di traffici illeciti e poco più. Tutto questo mentre proprio al Parlamento UE sarà un mese molto caldo per tutto il comparto.

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *