Home / Il futuro dei biglietti eventi | La carica dei NFT

NFT per ticketing

Il futuro dei biglietti eventi | La carica dei NFT

La vendita di biglietti dei concerti passa per un sistema che ad oggi mostra più di un punto debile. Saranno i Non Fungible token a rivoluzionare il mercato, ponendo solide basi per eliminare bagarinaggio e contraffazioni.

Il 12% degli acquirenti avrebbe avuto almeno una volta a che fare con titoli falsi, stando alle dichiarazioni di Ryan Kenny, CEO di SeatlabNFT. Il problema rappresenterebbe tuttavia la punta di un iceberg ben più profondo, con l’attuale mercato dell’accesso al divertimento in cui pochissime aziende si spartiscono un business miliardario.

NFT - analisi di cosa possono offrire
NFT – ecco un altro campo di applicazione reale

Un business miliardario che potrebbe rendere i network che supportano NFT ben più richiesti di quanto lo siano oggi. E potremo investirci anche preventivamente con eTorovai qui per ottenere un conto virtuale gratuito con STRUMENTI TOP per il TRADING – che offre tutti i token relativi alle migliori chain che supportano NFT.

Al suo interno possiamo anche trovare quanto concerne il trading automatico, grazie a quanto viene offerto tramite il CopyTrader. E per chi vuole fare di testa propria, è comunque disponibile il WebTrader interno che ci propone la possibilità di investire con il top degli strumenti di analisi. Ci bastano poi 50$ per passare ad un conto reale.

NFT, vita reale e Concerti: ecco come

Quello dei NFT è un universo che sempre più spesso, e in un numero crescente di occasioni, trova concreta applicazione nella vita reale. Dal Gaming allo sport, fino a implementazioni da parte di colossi del trasporto aereo come Emirates, di cui vi abbiamo già parlato, il business degli eventi non poteva certo restare alla finestra.

SeatlabNFT, marketplace di biglietti per eventi basato esclusivamente su blockchain, è uno degli attori in campo pronti ad approfittare di sviluppi in questa direzione. Secondo il CEO Ryan Kenny, il 12% di chi partecipa regolarmente a concerti, avrebbe acquistato almeno una volta dei biglietti falsi.

È prassi consolidata e trasversale inoltre, quella del bagarinaggio: in qualsiasi nazione e per qualsiasi evento, non manca chi fa incetta di biglietti per rivenderli poi a prezzi gonfiati, appena fuori dai cancelli.

Quello appena descritto tuttavia è anche un espediente che permette a chi non ha trovato il biglietto nei canali ufficiali, di assistere comunque al concerto. In questa ottica volendo, non ci sarebbe nulla di male, al netto di speculazioni dei singoli.

Quello che colpisce di più invece, è la totale indifferenza degli oligarchi dell’intrattenimento di fronte a questo ed altri fenomeni speculativi. L’industria dei ticket muove qualcosa come 30 miliardi di dollari, ed è in mano a poche aziende che godono così di una posizione dominante, su un mercato così remunerativo.

Tali aziende mostrano spesso (compiacente?) indifferenza di fronte a fenomeni di scalping, e scarso quando non nullo interesse nel proteggere gli interessi degli acquirenti frodati.

Cosa può fare il mondo NFT per i biglietti

In un quadro del genere, migrare verso un sistema basato su NFT potrebbe risolvere in un sol colpo il problema di scalper e bagarini, che va inevitabilmente a colpire proprio coloro ai quali lo show è rivolto, ossia gli spettatori.

Il biglietto digitale nominativo aprirebbe inoltre l’opportunità per legare al titolo anche una serie di esperienze di contorno, così come sta accadendo ormai da tempo in altri settori del più ampio business dell’intrattenimento.

In questa sede abbiamo già ampiamente parlato di cosa sono e come funzionano le criptovalute nel mondo dell’intrattenimento, musicale o sportivo. E delle innumerevoli applicazioni che possono trovare nel quotidiano. Il calcio è l’esempio più lampante, con la Roma che fa customizzare il bus della squadra dai propri tifosi.

Sempre rimanendo nella Capitale, anche i tifosi della Lazio hanno già trovato applicazione concreta dei NFT nel seguire la propria squadra. Dietro la SS Lazio come sappiamo c’è Binance, che a quanto pare ama il calcio anche oltre frontiera, avendo messo le mani su più di una Lega fuori dall’Italia.

Info su Paolo Sorgi

Appassionato di NFT, metaverse e cripto legate ai motori, Paolo segue per criptovaluta.it anche il settore del gaming e della musica legata alla blockchain.

Iscriviti alla newsletter

2 commenti

  1. Comunque socios e chiliz fanno molto di più che customizzare il bus della squadra. I possessori di fan tokens incontrano star come Del Piero, Eto’O, Maldini; vanno a giocare al Camp nou, hanno biglietti vip negli stadi; caschi dei piloti di F2 ecc

  2. Non mi è chiaro come poter investire in questo mercato, come funziona? Devo comprare delle azioni?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *