Home / Samsung nel mining Bitcoin? | Parte la produzione di chip a 3nm

Samsung Bitcoin CHIP

Samsung nel mining Bitcoin? | Parte la produzione di chip a 3nm

Anche Samsung nell’agone dei chip per fare mining Bitcoin? Così sembrerebbe, con il gruppo coreano che va ad aggiungersi ad Intel e chissà, magari anche ad altre realtà di spessore nel prossimo futuro.

Si tratterebbe di un passo in avanti importante per il mondo di Bitcoin, che andrebbe così a superare il suo collo di bottiglia principale, quello che secondo molti, tra le altre cose, è la minaccia principale alla vera decentralizzazione di Bitcoin ad ogni livello.

Anche questo è un ottimo segnale per un $BTC che continua a soffrire sui mercati e che oggi sta combattendo per rimanere sopra i 19.000$. Possiamo investirci con la piattaforma eTorovai qui per ottenere un conto virtuale gratuito con il TOP degli STRUMENTI di TRADING – intermediario che offre un nucleo importante di strumenti principalmente finanziari per fare investimenti su Bitcoin, oltre che su 75+ cripto asset.

Un intermediario che ci offre la possibilità di investire al top anche in modo automatico, grazie al CopyTrader che offre la copia integrale delle posizioni dei migliori trader, così come la possibilità di spiare come stanno investendo. E abbiamo gli Smart Portfolios per chi vuole un paniere in stile ETF sul quale operare per quote. Con 50$ possiamo passare ad un conto reale.

Samsung starebbe producendo chip da 3nm utili anche per il mining Bitcoin

A quanto ci pare di aver capito, si tratterebbe ancora di qualcosa in fase embrionale o se vogliamo in fase di test. Una produzione di prova per chip da 3nm, ai quali sarebbero interessati partner come PanSemi, che si occupa di manifattura di ASIC, nonché Qualcomm. Chip da 3nm che avrebbero consumi particolarmente bassi e che potrebbero mettere in parallelo quantità maggiori di transistor.

Parte la produzioen chip Samsung
Chip Samsung: già produzione di prova

Chip che per l’appunto potrebbero essere usati anche per il mining Bitcoin, andando così ad aggiungere sul mercato maggiore offerta, in un marketplace che vede pochissimi produttori controllare quasi la totalità della produzione.

Si tratterebbe di un’ottima notizia per il mining Bitcon, che oggi trova uno dei colli di bottiglia per un’effettiva orizzontalità proprio nelle difficoltà di accesso al mondo dei chip per il mining.

L’arrivo di Intel ad inizio anno è stato uno dei passaggi più interessanti per quanto riguarda questo aspetto del funzionamento di Bitcoin ed ora con Samsung il campo di possibilità potrebbe ulteriormente allargarsi, nella speranza che questo processo si allarghi anche ad altri produttori in grado magari di sostenere produzioni più importanti anche sul piano quantitativo.

Non solo per il mining

Secondo quanto sta emergendo in termini di rumors, non si tratta di un progetto nato specificatamente per il mining, ma uno di quelli che potrebbe avere applicazioni anche altrove. Applicazioni per il momento difficili da anticipare, ma comunque benvenute perché offriranno a Samsung altre ottime motivazioni per andare a spingere su questo tipo di produzione.

Staremo a vedere come si evolverà la situazione, certi che il mondo di Bitcoin, anche in una fase non entusiasmante per il prezzo, continuerà ad allargarsi e ad arricchirsi anche grazie all’intervento di aziende di questo calibro.

Info su Gianluca Grossi

Capo-redazione ed analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

One comment

  1. Quarto healving nel 2024.
    Just hold it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *