Home / Il grande impressionismo in NFT | Arriva la collezione del Museo di Boston

IMPRESSIONISMO NFT

Il grande impressionismo in NFT | Arriva la collezione del Museo di Boston

Il Museum Of Fine Arts di Boston metterà in vendita Non Fungible Token di alcune tra le più importanti opere dell’impressionismo francese conservate nei suoi saloni dagli albori del ventesimo secolo. L’operazione permetterà la diffusione di opere d’arte altrimenti difficilmente fruibili, data la natura delicata dei loro pastelli.

Parte del ricavato sarà destinato al recupero di alcune opere risalenti allo stesso periodo, e riconducibili alla medesima corrente artistica. Insieme agli americani spunta un nome prestigioso in ambito arte on chain: saranno i francesi di LaCollection.Io a gestire gli aspetti tecnologici di un’operazione che promette di essere a impatto zero.

Un altro tassello per il mondo dei NFT, con i migliori token del comparto che si trovano sulla piattaforma eTorovai qui per ottenere un conto di prova gratis con tutti i migliori strumenti di TRADING – intermediario che ci permette di investire al top su 75+ cripto asset e che ci permette di accedere anche a servizi esclusivi fintech.

Abbiamo infatti gli Smart Portfolios per chi vuole investire su panieri cripto e il CopyTrader per chi invece vuole operare con il trading automatico, che ci permette di copiare i migliori trader su eToro e anche di spulciare nei loro portafogli. Con 50$ possiamo passare ad un conto reale.

Il grande impressionismo in NFT

L’impressionismo ha trovato in Francia nomi d’eccellenza, la cui fama è è arrivata ai giorni nostri fulgida e vibrante come i tratti che caratterizzano le loro opere. Corrente che ha trovato massima espressione sul finire del diciannovesimo secolo nelle opere di Monet, Renoir, Degas e tanti altri. La loro straordinaria capacità di catturare il qui e ora ha influenzato pesantemente il percorso che l’arte avrebbe intrapreso da quel momento in poi.

Una parte significativa di tali opere finì ben presto per confluire nelle prestigiose sale del Museum Of Fine Arts di Boston, con l’istituzione mussale che ha deciso di dare nuova vita ai preziosi pastelli sotto forma di Non Fungible Token. In programma la vendita di alcuni NFT appartenenti alla collezione americana, grazie alle sinergie poste in opera con LaCollection.Io.

Iniziativa importante a Boston per impressionismo NFT
Un’altra iniziativa tra Arte e NFT

In vendita, e in parte all’asta, la riproduzione digitale dei dipinti che più raramente sono stati esposti nei saloni del MFA. I pastelli, risalenti a un periodo che va dal 1860 al 1910, portano le firme di Millet, Monet e Degas, solo per citarne alcuni. La collezione troverà spazio anche in una mostra digitale che si terrà in Francia a partire da fine luglio.

Siamo felici all’idea di collaborare con MFA a un progetto del genere. I nostri grandi artisti troveranno finalmente un’esposizione a livello mondiale, cosa resa fino ad oggi poco praticabile per via della delicatezza dei pastelli. Oggi finalmente possiamo mostrare al mondo intero queste straordinarie opere, che dagli Stati Uniti torneranno in Francia grazie all’impiego di tencologie innovative.

Queste le parole di Jean-Sébastien Beaucamps, fondatore e CEO di LaCollection.io, piattaforma di riferimento per i Non Fungible Token legati al mondo dell’arte. Piattaforma che è anche da sempre impegnata sotto il profilo ambientale, e che ha stretto accordi con B-Corp EcoTree per compensare le emissioni derivanti dal suo ecosistema Ethereum per il conio dei NFT.

Ventiquattro opere a disposizione

Il programma di distribuzione dei collezionabili è ampio e decisamente articolato: le 24 opere sono disponibili in prevendita dal 26 giugno scorso, con le vendite vere e proprie che inizieranno il 14 luglio. I NFT avranno un costo a partire da poco meno di 300€, prezzo destinato inevitabilmente a salire per gli esemplari che andranno all’asta. Sono previste anche una serie di ricompense extra e mistery box in caso di acquisti multipli.

Il mondo dell’arte torna felicemente sulle nostre pagine: abbiamo già assistito alla rinascita di Dalì grazie all’impegno di IDEAL, museo di Barcellona fortemente indirizzato in direzione cripto. Sempre dalla Spagna, più precisamente dalla Catalunya, ci arrivano notizie di un metaverso in fieri dedicato alla conservazione e alla divulgazione della cultura locale. Metaverso che diventa appetibile anche per il Vaticano per rendere le sue prestigiose collezioni alla portata di tutti.

Questa volta ci troviamo di fronte a un quadro transoceanico, che unisce idealmente l’Europa e gli Stati Uniti in un’operazione che rende finalmente possibile la fruizione di opere altrimenti destinate al buio per poter essere conservate. E da Boston a New York il passo è breve.

Info su Paolo Sorgi

Appassionato di NFT, metaverse e cripto legate ai motori, Paolo segue per criptovaluta.it anche il settore del gaming e della musica legata alla blockchain.

Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *