Home / Steve Aoki prepara il suo metaverse | Musica su chain e NFT

AOKI METAVERSE

Steve Aoki prepara il suo metaverse | Musica su chain e NFT

Il popolare DJ e produttore Steve Aoki lancia A0K1VERSE, metaverso dedicato alla sua opera che permetterà ai fan di interagire con l’artista, guadagnare ricompense sotto forma di Non Fungible Token.

Una personalità eclettica che abbraccia la musica a tutto tondo, ma soprattutto un grande aggregatore: Steve Aoki sa cosa significa creare una comunità e crede nelle straordinarie potenzialità che il metaverso ha da offrire sotto questo aspetto.

Altro segnale della forza del comparto, sul quale possiamo investire anche con eTorovai qui per ottenere un conto virtuale gratuito con tutti gli strumenti di TRADING PREMIUM – intermediario che ci permette di investire su 75+ token cripto molti dei quali legati proprio al mondo dei NFT e del metaverse.

Abbiamo inoltre strumenti unici quali il CopyTrader, per la copia integrale dei migliori investitori sulla piattaforma, nonché strumenti come gli Smart Portfolios, per operare nel comparto anche puntando su azioni del settore insieme alle migliori criptovalute. Con 50$ possiamo passare ad un conto reale.

Chi è Steve Aoki

DJ e produttore di fama internazionale, Steve Aoki nasce a Miami nel 1977 da padre e madre giapponesi. Una laurea in sociologia, una in studio del femminismo e la militanza nella band hardcore-punk This Machine Kills come cantante prima di darsi anima e corpo all’house-progressive. A 19 anni fonda Dim Mak Records, la sua prima etichetta discografica. Il resto è storia: remix di successi e brani inediti lo portano a collaborare con Linkin Park, Empire of the Sun, Adam Lambert e tanti altri.

Artista Web 3 - AOKI
Non il primo artista… Web3

Una spirale ascendente di successo che lo porta a contare oggi qualcosa come 4 miliardi di stream. Artista eclettico, visionario e dalla magnetica personalità, Aoki decide di capitalizzare la sua popolarità sul metaverso che porta il suo nome.

A0K1VERSE si presenta così: un nuovo ecosistema che unisce metaverso e mondo reale. Un luogo virtuale in cui i fan possono vivere esperienze a stretto contatto con l’artista. Come usuale per progetti di questo tipo, gli appassionati godranno di accesso anticipato a drop e prevendite, biglietti gratuiti per i concerti, merchandising, accesso esclusivo alle performance live sulla piattaforma e tanti altri benefit.

Piattaforma che ha emesso un totale di 50.000 NFT, la metà dei quali destinati a diventare ricompense extra per i fan. Il primo drop ha fruttato al DJ qualcosa come 4 milioni di dollari, esperienza alla quale si devono aggiungere le collaborazioni con la casa d’aste Sotheby’s e con Todd McFarlane, celebre fumettista col quale Aoki ha messo in piedi un marketplace NFT basato su Solana.

Sina dalla nascita di Dim Mak Records ho capito quanto sia importante il concetto di comunità per il mio mondo. Ho sempre curato i miei progetti in quest’ottica, ora è il momento di sfruttare il metaverso per offrire alle nostre comunità ciò che le stesse richiedono. I miei fan potranno accedere a progetti NFT da godere nel digitale, ma anche a esperienze nella vita reale.

Una personalità eclettica e decisamente avvezza a tutto ciò che di buono può arrivare da blockchain e criptovalute. Un artista innovativo non solo sul piano della produzione musicale, ma anche per quanto concerne lo sfruttamento delle nuove tecnologie.

Musica e metaverso ancora una volta insieme

Quello di Steve Aoki è un fulgido esempio di come l’industria musicale e dell’intrattenimento in genere possano sfruttare le tecnologie on chain, e non è l’unico. Di esempi in questo senso ormai ne contiamo a centinaia. Possiamo citare ad esempio il caso Eminem-Snoop Dogg che sono riusciti a portare i loro avatar BYAC sugli schermi di YouTube.

È meno recente ma altrettanto gustosa la notizia di Jay Kay che su The Sandbox ha trovato un luogo dove esibirsi con i suoi Jamiroquai e ingaggiare rapporti sempre più stretti con i fan della band. Ora tocca a Steve Aoki fornire ai suoi seguaci un saggio delle sue qualità artistiche in chiave Web3, e sfruttare i ritorni di quello che sembra essere un business decisamente remunerativo.

Info su Paolo Sorgi

Appassionato di NFT, metaverse e cripto legate ai motori, Paolo segue per criptovaluta.it anche il settore del gaming e della musica legata alla blockchain.

Iscriviti alla newsletter

9 commenti

  1. PENSO CHE BTC ANDRÀ A ZERO! PER 2 SEMPLICI MOTIVI

    1) BTC NON È UNA RISERVA DI VALORE,MOTIVO È CROLLATO COME L’AZIONARIATO PERCUI NON È COME L’ORO

    2) BTC HA IL GROSSO PROBLEMA DEL CONSUMO ENERGETICO,HO FATTO DEI CALCOLI SU NICEHASH E PRATICAMENTE CHI STA FACENDO MINING DI BTC “STA PERDENDO SOLDI” E NON POCHI,PERCUI IL MINING NON È PER NIENTE PROFITTEVOLE ANZI È DECISAMENTE PERDENTE,FORSE GLI UNICI CHE STANNO CONTINUANTO A GUADAGNARE COL MINING SONO LE GRANDI SOCIETÀ DI MINING MA SICURAMENTE SPICCIOLI E SONO APPESI IN UN FILO.

    ADESSO IO DICO SE NESSUNO PIÙ CONTINUA A MINARE BTC LA RETE PERDE VALORE E LA SICUREZZA,PERCUI IL PREZZO DI BTC CROLLERÀ A ZERO TIPO TERRA LUNA.

    MA NESSUNO NE PARLA, MI DIVERTIRÒ QUANDO CI SARÀ IL PIÙ GRANDE DISASTRO ECONOMICO, PERCHÉ I POLLI DEVONO ESSERE MANGIATI.

    MI DISPIACE SOLO PER I RAGAZZINI MOLTO GIOVANI CHE ANCORA NON CONOSCONO LA VITA.

    • Eh meno male sei venuto tu a svegliarci gran conoscitore di vita.

      Magari dicevi così di btc anche 5 anni fa, vero? Fa male al fegato vedere btc dove sta oggi , vero?

    • la mamma di antonio

      Io adoro quelli che scrivono in caps. Lo sanno che equivale a urlare, non preoccupatevi, non gli si è solo incastrato il tasto…. Li adoro per un motivo molto semplice: sai già che non capiscono una fava, non devi dargli nemmeno il beneficio del dubbio; insomma non sprechi tempo per “classificarli”.
      Questo ad esempio scrive due tesi di cui una non ha alcun senso (“non è una riserva di valore”… nulla è una riserva di valore nel mondo moderno, amico mio, nememno l’ex-tanto decantato l’oro; si apra un grafico del prezzo dell’oro negli ultimi 50 anni e poi ci tolga l’inflazione, sempre se è in grado di capire di cosa si sta parlando) e la seconda è palesemente sbagliata (ma lui non lo sa, perchè non sa una mazza di come funziona il mining, la difficoltà che cambia, l’halving eccetera eccetera eccetera… ma non sprecherò certo il mio tempo per spiegarglielo).
      E’ un po’ come se io andassi da mio figlio Antonio e gli volessi spiegare come si vince a Fortnite quando non conosco nemmeno le armi che ci sono… lo farei ridere per mezz’ora. Ma questi che scrivono in caps si credono dei geni, credono di aver capito tutto e quindi previsto tutto, gli manca solo un tassellino piccolo piccolo… non si chiedono mai perchè sono 12 anni che bitcoin cresce. Nonostante il mining, nonostante il fatto che non è una riserva di valore, nonostante i ban, nonostante il fud, nonostante tutto. Per loro 12 anni non contano: se in questi 6 mesi sta scendendo vul dire che è chiaro, andrà a zero. Non sanno che è sceso per 2 anni di fila, non sanno che è stato dato per morto 32 volte, non sanno nulla: leggono 2 notizie di cronaca, si fanno la loro idea da disinformati e vengono a scrivercela in caps. Ma la cosa tragicomica è che ci creoono davvero! Non hanno quei 3 neuroni in croce per chiedersi “com’è che bitcoin non è ancora morto, passando da 1 dollaro a 20mila?!?” Per loro i cicli non esistono: gli investimenti intelligenti sono quelli che crescono sempre… per 12 anni di fila, certo 😀

      Un tempo cercavo di aprir loro la mente, poi mi sono stufata. Ora gli dico solo “Have fun staying poor”. O magari due soldi da parte li hanno, e li tengono in banca, o forse comprano un bot con rendimento 1% quando l’inflazione reale sta al 10… e sono convinti di guadagnarci… poi fra 10 anni scopriranno che non hanno quasi più nulla, e si chiederanno il perchè… e allora verranno a chiederci info su bitcoin eth e soci… e noi gliele faremo pagare a caro prezzo, altro che forum gratuiti 😀
      E gli faremo rileggere frasi tipo “MI DIVERTIRÒ QUANDO CI SARÀ IL PIÙ GRANDE DISASTRO ECONOMICO, PERCHÉ I POLLI DEVONO ESSERE MANGIATI”… inizia a comprare becchime, se posso darti un consiglio. Con me ti va bene che sono vegetariana va 🙂

      NO ANTONIO CHE FAI METTI GIU’ IL TELEFONO… HO CAPITO CHE HAI CERCATO “NUMERO TELEFONO DI DIEGO” IN GOOGLE MA NON PUOI CHIAMARLI TUTTI, SONO 23.534 DIVERSE UTENZE… FACCIAMO COSI’, LASCIAGLI IL TUO NICK DI FORTNITE, “BulboKiller09.BTCponzi.CryptoAzero.ShadowDeathXxX”, TI CONTATTERA’ LUI SE CREDEEEEEEEEE

  2. Certo che alcuni interventi denotano la poca intelligenza di chi interviene.
    Si perché venire qui a scrivere che bitcoin andrà a zero è come passare davanti a un branco di leoni famelici nella savana travestiti da gazzella zoppa e sanguinante, cioè sei fottuto in partenza.
    Poi va beh per carità c’è la libertà di pensiero e di espressione che hanno i poco intelligenti……

  3. NO SIGNORA MAMMA DI ANTONIO NON PICCHI SUO FIGLIO PER COLPA DI DIEGO, STAVOLTA ANTONIO NON C’ENTRA NIENTE.

    • la mamma di antonio

      al contrario, spero che si possano incontrare…. poi li filmo, sai quante risate? 😀

      NO ANTONIO LA FARINA E’ SI POLVERE BIANCA MA NON SI PUO’ TIRARE SU COL NASO MA DA CHI LO HAI SENTITOOOOOOOOOOOOOOOOOooOoooO

      • Ma diego è anche un pochino suo figlio? Ci dica la verità signora

        • Eh no, allora mi sorge un dubbio!
          Signora no ha mai fatto analizzare l’acqua di rete della zona in cui vive?
          Secondo me è presente del cromo esavalente, oppure qualche parassita che ospita il cerebro.

          • la mamma di antonio

            Ehi ehi ehi, ma state mettendo in dubbio la mia integrità?!?! Per chi mi avete preso??? Dove credete che abiti, in una favelas?!? Che vada col primo che passa?!?

            … qui si compra solo roba solida, BTC ETH e qualche altra selezionata, niente shitcoin o memecoin 😛

            NO ANTONIO SCERZO METTI GIU’ QUELLA SEDIA NON HO MAI COMPRATO CRYPTO GIUROOOOOOOoooooOOoOoooo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *