Home / Tiffany lancia collezione Cryptopunks | Gioielli veri, ma solo per…

CRYPTOPUNKS INSIEME AI NFT

Tiffany lancia collezione Cryptopunks | Gioielli veri, ma solo per…

Tiffany & Co ha annunciato il lancio di una collezione NFT mista: sarà composta da collezionabili digitali e gioielli fisici a firma Tiffany’s, com’è meglio nota la storica azienda americana. Si tratta di un’edizione limitata a 250 unità, vendute al prezzo di 30 Ethereum ciascuna.

La collezione prende il nome di NFTiff, e rappresenta l’ennesimo passo dell’evoluzione in chiave Web3 del prestigioso gioielliere. Disponibili in esclusiva per i possessori di CryptoPunks, i token saranno rilasciati il 5 agosto prossimo.

Un’altra mossa “esclusiva” per il mondo dei NFT che conta, quello che comanda prezzi anche milionari. E sul quale possiamo investire anche indirettamente con Capital.comvai qui per ottenere un conto virtuale gratuito con CAPITALE DI PROVA ILLIMITATO – intermediario che ci permette di investire al top su 476+ token cripto, molti dei quali legati proprio al mondo NFT.

Al suo interno troviamo anche strumenti di trading avanzati come MetaTrader 4 e TradingView, da abbinare al mondo del WebTrader che include anche intelligenza artificiale. Con 20€ possiamo passare ad un conto reale.

CryptoPunks e Tiffany: cosa c’è in ballo?

Nata come Tiffany, l’azienda che oggi conosciamo per via dei suoi gioielli vede la luce a Manhattan nel 1837. Il fondatore Charles Lewis Tiffany apre a breve al socio John B. Young, e il brand prende il nome di Tiffany & Co. Il nuovo corso vede il gioielliere potersi concentrare esclusivamente sul suo campo d’azione, abbandonando così la vendita di cancelleria e altri articoli che ha sostenuto l’attività nei primissimi periodi.

Da questo momento in poi l’azienda inizia a macinare un successo dietro l’altro, e soprattutto non manca di mostrare al mondo il suo carattere innovativo. A Tiffany & Co si deve l’istituzione del titolo 925/1000 per la stima dell’argento, e l’introduzione sul mercato di materiali all’epoca sconosciuti ai fabbricanti di gioielli e preziosi.

Fedele alla sua vision, Tiffany’s inizia a sondare le potenzialità di blockchain e tecnologie derivate dalla primavera di quest’anno. A marzo ha adottato un’opera d’arte sotto forma di NFT a firma Tom Sachs come immagine profilo dell’account Twitter ufficiale. Qualche settimana dopo, il dirigente Alexandre Arnault è stato omaggiato di un ciondolo che riproduce il CryptoPunk # 3167 in suo possesso.

La notizia di oggi chiude idealmente un cerchio intorno al brand di lusso e all’altrettanto esclusivo club CryptoPunks, scelto come partner dell’iniziativa. La collezione NFT di cui vi parliamo infatti sarà riservata esclusivamente ai possessori dei token che da tempo rappresentano il non plus ultra del lusso virtuale on chain.

Doppiamente esclusiva

Una collezione esclusiva al quadrato, perché ai comuni mortali non sarà permesso accedere al drop in programma per il prossimo 5 agosto. I 250 token saranno venduti al prezzo di 30 Ethereum ciascuno, e saranno accompagnati da un gioiello appositamente creato per l’occasione.

Collezione esclusiva e innovativa allo stesso tempo, in perfetto stile Tiffany’s, che promette di portare i Non Fungible Token a un livello superiore. In effetti quanto è stato fatto per Alexandre Arnault, vicepresidente esecutivo di prodotto e comunicazione, assume a questo punto le sembianze di un esperimento ben riuscito.

NFT ESCLUSIVI CRYPTOPUNKS
Ancora esclusività targata NFT

I possessori di CryptoPunks vedranno così riprodotto il proprio esclusivo token sotto forma di ciondolo di lusso. Un’operazione che dimostra inoltre come il comparto stesso del lusso sia insensibile agli andamenti altalenanti dei mercati.

I principali brand continuano a investire in criptovalute e tecnologie ad esse affini, come ci dimostrano gli innumerevoli casi che trattiamo quotidianamente. Per citarne qualcuno, abbiamo visto il gruppo Kering investire cifre importanti per assicurare al brand una presenza massiva nel metaverso, ambiente che orami non può più essere ignorato dalle aziende del lusso.

Non molto tempo fa vi abbiamo raccontato della partnership tra John Richmond e Shiba Inu, mentre più di recente abbiamo visto Franck Muller lanciare un’esclusiva collezione NFT dai toni decisamente glamour.

Info su Paolo Sorgi

Appassionato di NFT, metaverse e cripto legate ai motori, Paolo segue per criptovaluta.it anche il settore del gaming e della musica legata alla blockchain.

Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *