Home / Las Vegas porta la sua storia in NFT | Warhol, Jagger e non solo!

LAS VEGAS IN NFT

Las Vegas porta la sua storia in NFT | Warhol, Jagger e non solo!

A Las Vegas verranno battuti all’asta NFT riconducibili ad alcune tra le più iconiche figure della scena pop di tutti i tempi. Tra queste spuntano i nomi di Mick Jagger, Tina Turner, Andy Warhol ed altre leggende della musica, dell’arte, dello sport e dell’intrattenimento.

Outlaw NFT Auctions andrà in scena il 12 ottobre all’interno di W3BX, crypto kermesse che animerà la capitale mondiale del divertimento presso il Wynn Las Vegas, prestigioso albergo da 4.000 suite e un campo da golf da 18 buche.

Sì, il mondo NFT e quello delle celebrity del mondo della musica e dei film procede sempre più di pari passo. Incredibile dimostrazione di forza di un settore che continua ad espandersi e a correre nonostante il bear market abbia ridimensionato le quotazioni di quasi tutti i progetti.

Potremo investire anche indirettamente sul settore NFT anche con eTorovai qui per ottenere un conto virtuale gratuito con il meglio che il mercato ha da offrire – un intermediario che ci permette di investire su 78+ cripto token, molti dei quali di riferimento al mondo dei NFT e anche dei metaverse.

Sempre tramite questo straordinario intermediario possiamo fare trading automatico con il CopyTrader, sistema di copia dei più bravi investitori in un solo click, con la possibilità anche di andare a ficcare il naso tra i loro investimenti più recenti. Abbiamo poi gli Smart Portfolios, investimenti tematici in paniere, che operano in stile ETF. Con 50$ possiamo passare al conto reale di trading, tutto capitale che potremo impiegare poi nelle nostre operazioni.

Viva Las Vegas, ora anche per i NFT

Las Vegas, la capitale del gioco d’azzardo, del vizio e del lusso diventa con W3BX opulenta rappresentate di Bitcoin e criptovalute. Una conferenza della durata di quattro giorni che tra gli altri eventi ospiterà Outlaw NFT Auctions, asta ibrida live e online con focus su cimeli della cultura pop contemporanea.

Un’asta NFT per la precisione, e che comprenderà dei pezzi di sicuro interesse per i cacciatori di feticci appartenuti alle celebrità, o ad esse riconducibili. Tra questi figura un Versace che Tina Turner indossò nelle sue fortunate tournée a partire dai primi anni ’90.

NFT WARHOL ma non solo
Anche Las Vegas cede al fascino dei NFT

E se parliamo di icone della musica il nome di Mick Jagger salta fuori da solo, di diritto. L’inossidabile cantante dei Rolling Stones è stato raccontato dalla visionaria opera di Andy Warhol, che nel 1975 lo ritrasse in una raccolta di serigrafie che raggiunse di lì a breve delle quotazioni di un certo rilievo. Gli originali valgono oggi oltre 100.000 dollari, e saranno battuti insieme al token che ne certifica su blockchain unicità e autenticità.

Altro pezzo di un certo calibro è il contratto col quale Nelson Skalbania legò Wayne Gretzky agli Indianapolis Racers, dando vita all’incredibile carriera della futura leggenda dell’hockey, ai tempi ancora minorenne. Per gli appassionati NHL, una figurina del campione nella stagione 1978 con i Racers è in vendita su eBay per circa 40 dollari.

Collezione da sballo per gli appassionati

Un prezzo certamente inferiore rispetto a quello con cui bisognerà esporsi per portarsi a casa un cimelio così importante, non fosse altro per la rarità del pezzo. La figurina di cui sopra è un reperto che farà gola agli appassionati, ma ne circolano diverse decine di copie. Il contratto firmato da Wayne Gretzky e che porta anche la firma del padre che in quell’occasione faceva da tutore al figlio minorenne, invece, potrebbe facilmente raggiungere quotazioni elevate.

Magari non arriveremo ai 3.300 Ethereum raggiunti di recente dal CryptoPunks #2924, uno dei collezionabili digitali più costosi di tutti i tempi, ma guardando ai prezzi base delle serigrafie che ritraggono Mick Jagger non siamo di fronte a un’asta per comuni mortali.

D’altronde stiamo parlando di leggende viventi della cultura pop a noi contemporanea, personaggi che nel corso delle rispettive carriere hanno trasformato in oro qualsiasi cosa sia passata per le loro mani. Logico aspettarsi quotazioni stellari, almeno in linea con quanto sta raccogliendo Bowie on the Blockchain, asta NFT in memoria del compianto artista che devolverà il ricavato in beneficienza.

Quello che non ci aspettavamo invece sono state le polemiche sterili e inutili che hanno accompagnato il lancio dell’iniziativa, rivolte proprio verso i Non Fungible Token, per l’occasione prestati a una nobile causa.

Info su Paolo Sorgi

Appassionato di NFT, metaverse e cripto legate ai motori, Paolo segue per criptovaluta.it anche il settore del gaming e della musica legata alla blockchain.

Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *