Home / La Croce Rossa USA con i NFT | Campagna per le vittime dell’uragano

CROCE ROSSA NFT

La Croce Rossa USA con i NFT | Campagna per le vittime dell’uragano

La Croce Rossa americana ha lanciato un’asta NFT per supportare le popolazioni colpite dall’uragano Ian, in collaborazione con Marlon Pruz, artista digitale statunitense che ha donato la sua opera alla causa. I 10.000 Non Fungible Token saranno venduti sulla piattaforma Sweet al prezzo di 14,99 dollari l’uno.

A quasi un mese dal disastroso evento gli uomini e le donne della Croce Rossa sono ancora al lavoro per fornire aiuti sanitari e beni di prima necessità alle popolazioni colpite, ma l’opera dei volontari ha bisogno di un supporto economico importante. Criptovalute e cause umanitarie, ancora una volta insieme.

Piacciano o meno i NFT, sono diventati un canale importante per certi tipi di iniziative. Iniziative che a loro volta fanno da sponsor alla tecnologia per un circolo che, almeno a nostro avviso, è da definirsi virtuoso. Possiamo investire sull’interno ecosistema dei NFT anche con Capital.comvai qui per ottenere un conto virtuale gratuito con INTELLIGENZA ARTIFICIALE e STRUMENTI TOP – un intermediario che ci consente di investire su 476+ progetti cripto molti dei quali proprio di infrastruttura al mondo dei NFT.

Sempre tramite Capital.com possiamo fare trading con MetaTrader 4 o TradingView, oppure organizzarci con il WebTrader che include anche il top dell’intelligenza artificiale per fare analisi. Con 50$ possiamo passare al nostro conto reale.

La Croce Rossa e gli aiuti su blockchain

Poco meno di 15 dollari: una cifra per molti esigua, ma che per le popolazioni colpite dall’uragano Ian diventa oro. È quanto basta per aiutare la Croce Rossa americana nella sua opera di supporto ai tanti cittadini dell’East Coast che hanno perso tutto, e che ora hanno bisogno di aiuto. L’artista Marlon Pruz ha realizzato una collezione di 10.000 NFT che saranno venduti su Sweet. I proventi serviranno a finanziare le operazioni dei volontari che sono all’opera dagli ultimi giorni del del mese scorso.

Un’altra iniziativa benefica a base di NFT

L’opera di Marlon Pruz, appositamente progettata per lo scopo, ci aiuterà a raccogliere i fondi necessari per continuare a portare aiuto alla popolazione. La Croce Rossa dipende strettamente dalle donazioni e dal sostegno dei volontari e della comunità, per poter fornire cibo, riparo e conforto a quanti sono rimasti senza nulla dopo l’uragano.

Queste le parole di Selma Bouhl, vicepresidente del marketing presso la Croce Rossa americana. Parole a cui fanno eco quelli di Betsy Proctor, che dai piani alti di Sweet sottolinea come Marlon Pruz abbia immediatamente risposto presente donando la sua arte a questa importante causa.

Mentre scriviamo i volontari stanno servendo pasti caldi a un alloggio temporaneo alle popolazioni che risiedono nelle aree più colpite. La Croce Rossa ha dispiegato ingenti risorse in termini di uomini e mezzi, con cucine da campo e mezzi d’emergenza al lavoro ormai dal 30 settembre scorso.

Non è la prima volta, e non sarà l’ultima

L’uragano si è abbattuto con forza devastante: venti fino a 250 Km/h hanno lasciato dietro di sé oltre 100 vittime, soprattutto in Florida, e hanno causato danni per una cifra che supera i 50 miliardi di dollari. Danni ingenti e vittime anche a Cuba e nella Carolina del Nord.

All’azione distruttiva del vento Bitcoin e criptovalute rispondono con una cordata in favore della Croce Rossa, che ha chiamato a raccolta Marlon Pruz e Sweet, piattaforma già nota nel comparto e che spesso finisce tra le nostre news.

Così come ci ritroviamo spesso a parlare della blockchain come potente strumento che, nelle mani giuste, piò fare la differenza quando serve aiuto in tempi rapidi. E qui ci sono diverse mani all’opera, tutte autorevoli: quelle di Marlon Pruz che ha prestato la sua opera gratuitamente, quelle dei volontari della Croce Rossa americana, infaticabili portatrici di sostegno concreto, e quelle digitali di Sweet, che ha ideato una strategia commerciale degna di nota.

Il 10% dei proventi sul mercato secondario sarà donato in perpetuo alla causa, indipendentemente da chi compra o vende i Non Fungible Token. È impossibile non commentare con entusiasmo tutta l’operazione, che magari potrà essere presa a esempio dai volontari canadesi di BCSARA, altra organizzazione di soccorritori che da tempo ricorre a Ethereum e Bitcoin per sostenere il suo operato.

Info su Paolo Sorgi

Appassionato di NFT, metaverse e cripto legate ai motori, Paolo segue per criptovaluta.it anche il settore del gaming e della musica legata alla blockchain.

Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *