Home / Bitcoin: analisi e test 21k | Arrivano i dati SHOCK da miner e exchange

ANALISI CRYPTOQUANT BITCOIN

Bitcoin: analisi e test 21k | Arrivano i dati SHOCK da miner e exchange

Dopo una settimana piuttosto positiva per Bitcoin, che torna in modo stabile sopra i 20.000$, può essere utile analizzare, con i dati forniti da CryptoQuant, diversi aspetti del mercato che potrebbero non solo raccontare cos’è successo, ma anche aiutarci a capire cosa potrebbe accadere sul breve periodo nel futuro. Dati non sempre di facile lettura, ma che comunque ci raccontano, come vedremo, di una situazione piuttosto interessante e con toni decisamente positivi.

Analizzeremo la situazione delle riserve degli exchange, così come il comportamento dei miner – alcuni dei quali in crisi – così come altri dati on chain e non che possono aiutarci a comprendere la fase del mercato all’interno della quale ci troviamo.

Potremo prendere posizione sul mercato anche tenendo conto di quali sono i dati che andranno ad emergere, potrà farlo con Capital.comvai qui per ricevere un conto virtuale gratuito con intelligenza artificiale inclusa (perfetto per crypto auto trading) – piattaforma che è tra le più solide per quanto riguarda il mondo delle operazioni speculative su coin e token e che ci propone tutti i migliori strumenti per fare trading sul mondo cripto.

Al suo interno sono infatti disponibili anche piattaforme solide e professionali come MetaTrader 4 e TradingView, con il top del mercato che è disponibile anche sul WebTrader interno, dotato anche di intelligenza artificiale. Bastano solo 20€ per passare al conto reale, denaro che poi potremo investire nelle cripto, in Bitcoin oppure negli asset classici offerti da questo broker.

Bitcoin sopra i 20.000$: cosa ci raccontano le analisi onchain

Sono precise? Non sempre. Sono un almanacco nel quale leggere il futuro? Non necessariamente. Ma i dati che arrivano dall’analisi onchain possono essere comunque strumenti chiarificatori per quanto riguarda il momento di breve periodo di Bitcoin.

Bitcoin analisi dati
Dati che non sono magici, ma comunque un’utile lettura
  • Sì, gli exchange continuano a perdere Bitcoin

È un dato di fatto: gli exchange stanno continuando a perdere Bitcoin. In altre parole sono sempre di più i Bitcoin che vengono portati fuori. In realtà però, come è chiaro dal grafico che ci viene offerto da CryptoQuant, non sembra ci sia questa grande correlazione tra prezzo e fuga dei $BTC dagli exchange.

Andamento riserve exchange Bitcoin
L’andamento delle riserve degli exchange, in blu

I più ottimisti vedono in questo trend qualcosa di medio e lungo periodo, che a modo suo potrà alleggerire la pressione di vendita. Non è sempre detto: spostare i propri Bitcoin di nuovo nei centri di scambio è questione di pochi minuti. Rimarrà comunque molto interessante per farsi un’idea valutare le ragioni di questo trend, con diverse possibilità che sono effettivamente sul tavolo per spiegare questo specifico movimento.

  • Le riserve dei miner

Data la situazione di Core Scientific è anche interessante vedere come stiamo procedendo le riserve dei miner. Anche in questo caso il dato è di CryptoQuant, che ci limiteremo a prendere per buoni e ad analizzare.

Miner vendite agosto
Da agosto fino ad oggi ancora vendite importanti per i miner

Rispetto a questa estate il calo c’è stato ed è stato concreto, sebbene rimangano ancora quantità interessanti di Bitcoin nelle casse di chi si occupa di mining Bitcoin. Altra cosa interessante è vedere come in realtà prezzo e dotazioni dei miner si siano mosse con un alto tasso di correlazione. Il che vuol dire che è vero che parte della pressione di vendita è arrivata negli ultimi mesi proprio da questa categoria di partecipanti all’ecosistema di Bitcoin.

  • Le difficoltà dei miner sono reali

Altrettanto interessante il prossimo grafico, che indica l’andamento delle riserve dei miner di Bitcoin rispetto al resto dei Bitcoin. Un calo praticamente perpetuo e inarrestabile, senza però che la curva assuma delle pendenze eccessive.

quantità totale
In calo anche la quantità detenuta sul totale

E sarà quello da scongiurare nei prossimi giorni, con la crisi di Core Scientific – che ricordiamo essere il miner con la più alta concentrazione di hashrate al mondo – che è stata comunque completamente ignorata dal mercato, indice anche questo di un buon momento di forza dell’intero comparto.

La situazione non è grave, anzi…

Se dovessimo chiudere la nostra analisi con i dati che abbiamo raccolto e mostrato poco sopra, ne uscirebbe un quadro piuttosto edificante per Bitcoin, che ha attraversato una situazione complicata non solo sul lato macro – colpito come tutti gli asset dalle condizioni generali dei mercati – ma anche al suo interno, come dimostrano i dati che riguardano principalmente i miner.

Meno importanti, almeno ad opinione di chi vi scrive, i dati che riguardano la quantità di Bitcoin che sta abbandonando gli exchange. È importante e il trend è chiaro, ma questo tipo di movimenti raramente hanno avuto dei risvolti immediati sui mercati. Sono sì un ottimo segno, ma il trend può essere invertito in modo rapido nel caso di crisi.

Per quanto riguarda la prossima settimana, saranno comunque altri dati a governare l’andamento di Bitcoin. Il prossimo 2 novembre ne sapremo di più sull’aumento dei tassi negli USA, evento che potrebbe fare da catalizzatore ad ulteriori movimenti di mercato.

Info su Gianluca Grossi

Capo-redazione ed analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

23 commenti

  1. personalmente ritengo i dati on-chain quantomeno interessanti, a differenza delle righette e dei triangolini tracciate su grafici, anche se il loro valore predittivo è limitato ed esclusivamente a lungo termine, e nemmeno sempre (ovviamente non può prevedere esventi esogeni). Li guardo più come un “in questi mesi i miner, stanno vendendo, interessante”, pouttosto che “la gente tiene sempre meno btc sugli exchange, interessante, cosa potrebbe esserci sotto?”

    Occhio però alle false correlazioni: personalmente ad esempio sono dell’idea che nei prossimi mesi/anni molti più btc arriveranno sugli exchange di quanti ne usciranno, eppure il prezzo di btc salirà… e come è possibile?!? Semplice, mass adoption di piccoli privati 🙂 Sempre più gente comprerà 600 euri di bitcoin, ma non avrà un hardware wallet su cui metterli, li terrà nel proprio conto sull’exchange… gli exchange avranno sempre più richiesta, quindi dovranno comprare bitcoin “da fuori” (otc) e tenerseli in saccoccia. A meno che gli exchange non facciano i furboni e vendano btc che non hanno (da qualcuno mi aspetto pure questo), con susseguente scandalo nel caso la gente volesse ritirarli in massa e fallimento dell’exchange.
    [PUBBLICITA’ PROGRESSO: non tenete le vostre crypto sull’exchange, comprate un hardware wallet da 50 euro e mettetele lì. Se proprio siete pigri/tirchi/spaventati dalla tecnologia almeno scegliete exchange grossi ed evitate come la peste gli exchange piccoli se avete in mente di lasciare le crypto sull’exchange per mesi/anni]
    Quindi attenti a pensare “+ btc sugli exchange = male per il prezzo”, non è per nulla detto!

    Ora come ora temo sia la costante vendita di btc da parte dei miner (devono pur pagarla, ‘sta corrente elettrica) che tiene il prezzo di btc abbastanza ancorato da mesi… richiesta ce n’è (pochetta), ma anche offerta, insomma. Guardando però il bicchiere mezzo pieno appena ‘ste schifose condizioni esterne finiscono (inflazione prevalentemente: la guerra ho l’impressione sia già stata digerita e inoltre si avvicini a una fine, e i prezzi dell’energia probabilmente continueranno a scendere dopo le folli speculazioni dei mesi scorsi, perchè lo stoccaggio di tali fonti energetiche costa, e costa molto, puoi stoccare fino a un certo limite, poi è più quello che perdi) la richiesta di btc salirà, il prezzo di btc salirà, i miner dovranno vendere meno per coprire i costi, ci sarà meno offerta di btc, il prezzo salirà e via così. Se l’inflazione inizia a scendere davvero, quello sarà il vero catalizzatore che aspettiamo, attualmente il resto è rumore di fondo, guerra inclusa. Se poi l’inflazione scende DI PIU’ di quanto previsto btc me lo vedo fare tranquillamente un +20% in una settimana.
    Eth invece un +50%, col fatto che dal merge in poi sono stati creati un’inezia di nuovi eth, 1400, e quindi la supply non aumenterà quasi mai più… e vabbè col fatto che i layer2 di ethereum ormai sono abbastanza maturi per mettere a sedere qualunque altra “eth killer”, da stoppana a cardano a qualunque chain non abbia 1) transazioni immediate 2) transazioni a costo ZERO (le uniche chan che potrebbero esplodere, forse anche più di eth per via del gaming e delle sue necessità)
    ma ve l’ho detto, sono un inguaribile ottimista, non prendete i miei per consigli su cosa fare: è solo quello che faccio io 🙂

    • Mitico Kalus ciao!
      D’accordo anch’io con J…..
      però devo dire una cosa, se io prendessi una pentola vuota che sta su di un fornello spento e facessi il gesto di lanciarvi l’acqua addosso voi cosa fareste?
      Scappereste oppure fareste un gesto di protezione, ma non sapevate che l’acqua non c’era e comunque sarebbe stata fredda perché il fuoco non è mai stato acceso.
      Ecco spiegato perché le righette sui grafici funzionano.
      Ciao Jacopo ti abbraccio, l’ho sempre detto che i chimici hanno molta più fantasia dei fisici…..😃😃

      • Voi chimici a fantasia siete messi benissimo, è vero; ma purtroppo questo non basta per creare esempi che siano coerenti col fenomeno che volete descrivere, al posto che totalmente campati per aria.
        Ma sono buono e a scopo puramente didattico ti do una mano.
        L’esempio corretto che avresti dovuto fare è il seguente: se ogni giorno io prendo una pentola, a volte vuota a volte piena, contenente acqua a volte calda a volte fredda, e poi te la tiro addosso, è utile che al prossimo lancio tu ti ricordi cosa era successo 2 mesi e 3 giorni fa? O che al massimo ti ho tirato 534 centilitri, un anno fa? O che in media nell’ultimo mese ti ho tirato 237 centilitri di acqua a 56 °C? O che in media negli ultimi 3 mesi ti ho tirato 256 cl a 65°C? Non è forse _vagamente_ più interessante notare che oggi hanno appena chiuso l’acqua perchè stanno facendo dei lavori? Oppure vedere che ci sono gocce d’acqua sulla padella, quindi probabilmente è piena? Oppure osservare che sale del vapore, quindi c’è dentro acqua calda?
        Ed ecco quanto l’analisi tecnica è utile ai miei occhi rispetto all’osservazione degli eventi macro 🙂

        A onor del vero è pur vero che esiste un foltissimo gruppo di persone che reputa questi confronti utili, e può anche essere che siano degli illuminati loro e invece un pirla io eh, chiariamo… ma la scienza è un’altra cosa. Sebbene la chimica sia una materia decisamente inferiore alla fisica, non parliamo alla matematica poi, non svalutarla così mettendola sullo stesso piano dell’analisi tecnica! Già il nome mi fa rabbrividere, ma vabbè… io la chiamo “osservazione empirica che confronta in maniera del tutto arbitraria rette tangenti orizzontalmente a una porzione di grafico con altre rette questa volta crescenti o decrescenti tangenti a una diversa porzione del grafico in un intervallo scelto sempre arbitrariamente e si dà poi una parvenza di razionalità calcolando alcune medie, eseguite su intervalli scelti totalmente a c**** di cane. Nella sua versione più evoluta introduce anche figure geometriche quali triangoli e parallelogrammi, attingendo per la descrizione di tali figure a un lessico decisamente evocativo (solitamente inglese) come “bear flag”, “death cross”, “head and shoulders”, “bullish pinnacle”, “dead cat bounce” e tutto lo zoo e gli oggetti di uso comune che sono presenti nelle cucine delle persone”.

        Ma c’è libertà di pensiero, e se vi piacciono le righette evviva le righette, chi sono io per sconsigliarvi di credere alle righette?!? Ognuno crede in ciò che vuole (santa banana quant’è vera questa frase) 😀

        • Vero la fisica è bellissima ed è vero che non è scienza l’analisi tecnica, non lo è perché come tutta l’economia non risponde a leggi matematiche che descrivono i suoi fenomeni e soprattutto non è ripetibile ovunque nell’universo, esempio, la gravità, c’è sulla terra sulla luna sul sole e su Marte ecc ecc, con accelerazioni diverse ma c’è e c’è una legge che la descrive.
          Detto questo io intendevo dire semplicemente che il mercato è composto da milioni di persone e che tendono a tenere un certo comportamento a una data esperienza o a un’azione sempre uguale, sempre molto simile e quindi funziona, semplicemente per psicologia umana…….in realtà è molto interessante.
          Poi certo è fuori da ogni dubbio che l’analisi fondamentale batte tutto, ma bisogna avere centinaia di informazioni continue rispetto a quelle che ti può dare a colpo d’occhio un grafico.
          Comunque sei un mito……però di là verità tu fai goal, ma io sono quello che ti passa la palla😃

          • ma dai, io ti butto lì che la fisica è superiore alla chimica e non t’incazzi?!? Uffa 🙁
            Cmq io credo che attualmente il comportamento di milioni di persone (dotate ciascuna di capitale mdoesto) muova i mercati molto meno di quanto lo muovano i grandi gruppi che investono. Ahimè le persone vanno a ruota, ingigantendo semmai i movimenti del mercato… ma quando questi finiscono/si invertono non dipende dal gregge di pecore, almeno al momento attuale, dipende ancora dai grossi. Le righette ti danno qualche info confusionaria sul gregge, ma non è su quello che devi fare affidamento.
            My 2 cents, come al solito 🙂

            (senza le tue provocazioni/assist sarei molto più serio e meno divertente, lo ammetto :D)

          • Esempio banale: Amazon che 2 giorni fa perde il 20% in qualche minuto, quando il mercato era CHIUSO per i comuni mortali (si era in “afterhours”, o come cacchio si chiama, che se ho capito bene è un periodo in cui gli istituzionali possono comprare/vendere azioni e i privati no). Se non è uno scam la borsa io non so cosa sia 😀
            Con le crypto compra/vende chiunque a qualunque ora del giorno, sabato e domenica inclusi!

            (sì, sono allegro perchè eth sta pompando anche oggi, si capiva? XD)

  2. Ciao Jacopo, grazie per questo bel commento, sono d’accordissimo con te sul fatto di tenere i BItcoin o altre cripto su un proprio Wallet e ancora di più sul fatto che il prezzo di ETH sia molto sottovalutato. Per quanto riguarda Solana e Cardano fanno parte di quelle cripto che sono qui per rimanere ma non le vedo come possibili killer di ETH. Buona giornata e naturalmente un saluto al mitico Gianluca, Giorgio e Luigi.

  3. Bravo Giorgio, spiegazione ed esempio molto convincente da insegnamento anche per i bambini nelle scuole. Criptovaluta.it pensaci, potrebbe essere la volta buona che nelle scuole insegnino qualcosa di veramente utile per il futuro. Buona giornata.

  4. E perché dovrei incazzarmi Jacopo, è la verità, la fisica è la materia scientifica per eccellenza.
    Certo che eth pompa, ha breccato la resistenza e le medie mobili esponenziali 😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂

    • Ci sono i memetoken che fanno un +50% in un giorno (doge e floki, shiba “solo” 20%)… qualcuno ha breccato qualcosa perchè dal grafico di 3 giorni fa si capiva?!? O magari è Elon che s’è comprato twitter e *puff* come per magia il muro di ordini sell su questi shitcoin è scomparso? Qualcuno sarà anche rimasto, per carità, ma non certo tutti 🙂
      Doge è tornato ai livelli di aprile, spezzando decine delle vostre “resistenze”… che altro non erano che rette orizzontali, presenti solo nelle vostre fantasie 😛

      eth e btc eran già 3 giorni che salivano, trascinandosi dietro anche robaccia (stoppana *coff*). La differenza è che stoppana nell’ultimo mese era già a 35, poi è andata giù e ora è rislaita a 33 (chi ha detto che è il momento giusto per disfarsene? io no, eh!), eth stava a 1400 e ora è a 1640. Si capiva dall’analisi tecnica una cosa simile? O, come diceva mio nonno, “in april tàca anca ‘el maneg del baìl” (in aprile germoglia anche il manico del badile?), ovvero dopo buone notizie sale tutto indistintamente, chi più chi meno?

      E tu piantala di provocarmi che poi io ti rispondo pure -_-

    • che poi, santabanana… dire “ha breccato la resistenza quindi pompa” è come dire “devo mangiare qualcosa QUINDI ho fame!” al posto che “ho fame QUINDI devo mangiare qualcosa”… va che confondere tra loro cause e conseguenze è molto pericoloso -_-””

      • 🤣🤣🤣🤣🤣sei uno spasso.
        Luigi non c’ha ancora cazziato quindi vado avanti e ti spiego la logica che c’è dietro e che fai finta di non capire…
        Perché btc non ha ancora superato i 21k?
        Semplice perché tutti i trader, non io che muovo biscotti e caramelle, ma ci muove capitali, a 21k vende.
        I tori si sono posizionati un po più in su di 21k con stop loss magari del 10% se vogliono tradare lungo.
        Ma, se la candela daily chiude la giornata sopra i 21k è un segno allora tutti long e comprano fino alla prossima resistenza.
        Possiamo sapere se domani romperà i 21k?….NO! Se no entravano tutti all in su btc…..è psicologia di mercato cazzo……sei un fisico la zucca ce l’hai ……non ostinarti a fare il bastiancontrario as fuck come dici tu!!!

        • State buoni. Noi siamo criptovaluta.it quindi un sito dove si può dire sempre la propria, posto democratico e libero.

          Continuate pure, il confronto è la miglior medicina.. almeno da noi!

        • questa sarebbe una spiegazione? ero più convinto prima oO

          “se la candela daily chiude la giornata sopra i 21k è un segno”… hai mai pensato al fatto che la “candela daily” è daily solo per te e per chi ha il tuo fusorario? 😀 E che viviamo in un mondo dove le crypto sono scambiate a tutte le ore, in tutto il mondo? Stesso identico discorso delle medie, settimanali, mensili e a 300 giorni (questa in particolare mi fa pisciare sotto: perchè proprio 300 giorni e non 365? Te lo dico io: perchè una o due volte anni fa btc avrà rimbalzato sulla media a 300 giorni, e da allora qualcuno si è convinto che la media a 300 giorni fosse incredibilmente significaticva, e giù a usare la media a 300 giorni. Se avesse rimbalzata su quella a 200 oggi sareste qui a seguire la media a 200 giorni. Perchè proprio 200 e 300? Perchè sono numeri tondi, fanno effetto… ma solo perchè noi contiamo in base 10, ahimè. 200 e 300 hanno lo stesso identico valore di 147 e 276 😀
          Un po’ come se domani pestassi una merda e dentro di me pensassi “attento al 29 del mese, si pestano le merde!” 😀
          Vi attaccate a numeri calcolati su intervalli di tempo assolutamente casuali (le ore 00:00 del vostro fuso), ma che a voi paiono significativi. Non lo sono, ahimè, se non nella vostra testa XD

          Ma soprattutto: perchè se la candela daily chiude sopra i 21k è un segno? E’ un segno de che? E’ un segno che bitcoin sta salendo, certo! Non serviva scomodare la candela daily per capirlo! E allora vuol dire che salirà anche domani?!? E chi te lo dice??? La candela daily? Il fatto che btc stava salendo e allora il muro degli ordini sell è scomparso perchè i venditori sapevano di poter vendere a un prezzo superiore 20 minuti dopo?

          Sai cosa ti farebbe bene Giorgio? Aprire un qualunque exchange, possibilmente non troppo grosso, scegliere una coppia abbastanza volatile, non btc/usdt ma chennesò wax/eth e stare per un paio d’ore a fissare l’orderbook, guardando con quale velocità compaiono e spariscono ordini anche enormi. Io un paio di anni fa l’ho fatto per 3-4 ore al giorno, e ammetto che è lì che sono passato dai miei primi 20 euri al migliaio, combattendo coi bot (ero su kucoin). Non è difficile: se la gente vende a 300 e compra a 290 tu vendi a 299.9 e poi compri a 290.1. Su kucoin è figo perchè puoi mettere un ordine nascosto, quindi i bot credono di avere in gioco l’ordine migliore e non ti vanno sopra (con ordini visibili è impossibile, appena fai l’ordine ne esce in mezzo secondo uno migliore del tuo). Seguendo un po’ l’orderbook capirai come le cosiddette “resistenze” sono lì ora e scompaiono 3 secondi dopo, quando le condizioni macro sono cambiate.

          D’ora in poi cmq ti chiamerò “Candela Daily”, o solamente Daily, m’hai fatto morire 😛

          Ultima domanda (provocatoria, lo so, scusatemi): ma tutti i maghi dell’analisi tecnica com’è che non sono già tutti multimiliardari e ci distribuiscono le loro preziosissime perle? Se tu sapessi come va il mercato perderesti tempo a dirlo agli altri? O sono solo dei filantropi? 🙂
          I miliardari qui sono solo quelli che sono entrati 10 anni fa nel mondo cripto… o magari qualcuno che ha iniziato da poco ma ha imbroccato un paio di leve 50x di fila. Come quando vai al casino, metti tutto sul 17 ed esce il 17. Poi lo fai di nuovo ed esce ancora. Bravo, sei miliardario, adesso puoi insegnare agli altri a diventare miliardari pure loro 😛

          Senza offesa Giorgio… ma la vediamo esattamente agli antipodi (o meglio, io da una parte e tutti voi analisti tecnici dall’altra)

          • 😂😂mi hai strappato una risata al mattino presto, daily va bene mi piace come soprannome e non sono un analista tecnico, magari lo diventerò, ci sto lavorando.
            Però devo correggerti, la candela daily chiude allo stesso momento in tutto il mondo, siccome il mercato cripto non chiude mai è stato scelto come convenzione l’orario di Greenwich……..credo, gli analisti di criptovaluta.it possono confermarlo?
            Mi sembra sia così……ora vado a fare un giro nel bosco ciao a tutti amici…

          • lo hai appena detto tu: quell’orario è stato scelto [dall’essere umano] come CONVENZIONE… ergo non ha alcun valore “oggettivo”! A quell’orario in alcune parti del mondo sono le 20, in altre le 24, in altre le 12… il concetto di “giornaliero” può avere senso per la borsa americana, che apre e chiude, molto meno per il mondo crypto. Mi spiego: se portassimo avanti di 12 ore quest’orario di “chiusura” della giornata e rifacessimo tutti i grafici delle crypto con questa nuova convenzione, verrebbero fuori grafici molto diversi da quelli attuali! E una buona metà delle vostre analisi – quelle sul corto periodo – sarebbero da cestinare seduta stante!

            Perchè un giro completo sono 360 gradi e non 100 gradfi oppure 1000? E’ un’altra convenzione: ti sei mai chiesto da dove deriva? Magari un giorno te lo spiego (è facile cmq, basta googolarlo) 🙂

            cmq io da piccolo volevo fare il venditore di palloncini (quelli riempiti di elio), perchè ogni volta che i miei mi portavano al parco ‘ste cose che andavano verso l’alto quando tutto andava verso il basso mi rapivano… poi ho cambiato idea. Adesso tu vuoi diventare analista tecnico… non preoccuparti, poi magari cambierai (o ti farò cambiare) idea 😛
            Con tutto il rispetto per i venditori di palloncini & gli analisti tecnici, sia chiaro!

  5. Caro Jacopo avevo già previsto questa tua risposta e mi ero già preparato la controrisposta.
    Tutto è una convenzione, chi lo dice che l’anno solare inizia il primo gennaio?
    È una convenzione accettata da tutti e tutti si comportano di conseguenza, anche a me non sta bene, perché l’anno solare io lo farei iniziare il 21 aprile all’equinozio di primavera…..anzi i miei auguri di buona fine e buon inizio aspettateli in quella data…….

    • non tutto è convenzione. Il periodo di rivoluzione della Terra intorno al Sole non è una nostra scelta: l’ha deciso il BigBang (o il Creatore, a seconda di come la si pensi). Noi abbiamo scelto invece di inventare il secondo (coi suoi multipli giorno e minuto ecc) per la misurazione del tempo: dunque tale periodo risulta essere 365 giorni, 5 ore, 48 minuti e 46 secondi. Bel numero demmerda, eh? Ma rotazione e rivoluzione terrestre non sono sincronizzate, ahimè, sempre per le scelte del BigBang
      Può avere senso guardare cosa fanno le crypto in un periodo temporale di un anno, perchè ogni anno le nostre attività si ripropongono in maniera periodica e tutto ciò è sempre dovuto all’orbita terrestre (lavoro/vacanze, clima, festività eccetera sono tutte attività basate su questo).
      Come giustamente dici non ha però alcun senso far iniziare gli anni il primo gennaio: i vostri grafici “yearly” cambiano totalmente se li fate iniziare e finire il 1° giugno. Certo, danno in maniera sintetica un’idea di cosa hanno fatto le crypto se le osserviamo in intervalli di tempo molto grossi. Da qui a dire che questo ha valore predittivo per il futuro…. pffffff.
      L’osservazione daily o settimanale è invece totalmente priva di significato, a mio modo di vedere le cose… o quantomeno rimane comoda per avere una vaga idea generale del comportamento PASSATO, stop. E’ l’osservazione dei fenomeni che hanno causato quei movimenti di prezzo la vera cosa utile (ma difficile) da osservare: erano fenomeni endogeni/esogeni? Sporadici o che si ripeteranno? In aumento o in diminuzione relativamente alla loro intensità? Per fare esempi: mass adoption, movimento degli istituzionali, leggi in materia, percezione comune, andamento degli altri asset di rischio, comportamento delle banche, adozione statale legal tender, commodity o security in America, “buoni crypto” venduti da Walmart o su Amazon (arriveranno pure quelli a breve, fidatevi)… potrei andare avanti per 4 giorni 😀
      Guardare un grafico senza sapere da dove proviene e credere che i valori del grafico abbiano una anche solo minima capacità predittiva per i valori futuri è come credere che se lanciando un dado è uscito “2” allora al prossimo lancio sarà un po’ meno probabile l’uscita di un “2” rispetto agli altri numeri. Che è una troiata colossale (armatevi di pazienza e fate le prove… o se preferite scrivetevi un programmino, ne ho già fatti un paio in python per convincere i più scettici), e fategli fare la prova per 2 milioni di volte. Purtroppo questa è una convinzione che ho trovato radicata anche in persone di notevole acume, ma digiune di matematica.

      Cmq siamo a un punto morto Daily, come sempre io ho ragione e tu hai torto 😀 se t’ho convinto bene, sennò pace, vivremo entrambi bene lo stesso credo 😉

      Ciapssss!

      • Non mando avanti mai la discussione con te per aver ragione, ma solo il piacere della discussione stessa, come facevano i grandi filosofi greci che giravano in cerchio per ore discutendo di un fatto.
        Detto questo, in realtà, se ci fosse un giudice super partes avrebbe dichiarato la tua sconfitta per KO tecnico negli ultimi due scambi.
        E ti dico il perché.
        Non è una convenzione il periodo di gestazione umana o il periodo di rivoluzione della terra, ma questo poco importa nel ragionamento.
        Quello che conta è il riflesso psicologico che tutti noi abbiamo ad un fatto e non c’entra la matematica in questo, sono i condizionamenti che ci danno le convenzioni che noi abbiamo creato.
        Non ho citato prima l’invenzione o meglio la suddivisione del tempo che noi abbiamo fatto in secondi minuti e ore, l’hai fatto tu.
        È una convenzione che tu inizi a lavorare alle 8 e 00 minuti del mattino è una convenzione per tutti eppure funziona.
        Ci sono convenzioni che resistono da migliaia di anni come le religioni, che per alcuni hanno un senso e per altri no, ma funzionano.
        Te e io abbiamo la grande fortuna di poter vedere il mondo così com’è perché ce l’ha insegnato la scienza, se ora dicessi che il muro di casa è costituito per lo più da vuoto e che la percezione del pieno, solido e freddo ce lo danno solo la repulsione degli elettroni degli elementi che costituiscono la nostra mano con quelli che costituiscono quelli del muro e che il nostro sistema nervoso centrale si è evoluto per darci questa sensazione che è poi pura illusione cosa direbbe la gente?
        Che è falso che non è vero, ma è così, perché lo direbbero?
        Per convenzione, per esperienza quotidiana, per ciò che vedono e tangono.
        Quindi…….boh…….che cazzo ho detto????🤣🤣🤣🤣🤣😂

        • non sono sicuro di aver capito la tua catena di ragionamenti… ma nel caso avessi interpretato giusto: tu credi davvero che i mercati siano mossi prevalentemente dalla psicologia della gente, e dunque capirla con le righette ti può aiutare a prevedere l’andamento del mercato? davvero? la gente ora come ora nel mondo cripto fa solo effetto pecora, ingigantendo i movimenti di chi ha davvero i fondi. E chi ha davvero i fondi indovina cosa guarda per fare soldi? Proprio il sentimento comune… per andargli CONTRO. Ma non fa le sue mosse ogni ora, sennò sarebbe facile (basterebbe accodarsi ed andare contro al senso comune): le fa quando vuole lui… mica avvisandoti prima 😀

          vogliamo parlare di KO tecnico? guarda quanto hai guadagnato negli ultimi 6 mesi di trading, con le migliori righette e triangolini della storia, e guarda quanto ha guadagnato uno che dopo aver sentito che elon musk comprava doge ha messo in doge tutto quello che aveva, in leva 50x. In 10 minuti di “studio” e un giorno di attesa ha moltiplicato per 50 quello che aveva. Da mille euro a 50mila, mica male eh? Certo, doveva uscire al momento giusto (doge sta andando giù adesso), ma un 30x era assolutamente fattibile.
          Dimmi, si vedeva dalle righette che doge stava per fare un +100%? Sì?
          E indovina se domani il tuo token che shilli qui e là viene abbandonato dall’università in favore di un altro progetto (parlo a caso) quanti secondi ci mette ad andare a zero? Pochi. E le righette l’avevano previsto? Certo 🙂

          • Allora, risposta si a tutta la prima parte, ti do assolutamente ragione sulla seconda e l’ho già detto.
            Per la terza non scherzare, vuoi paragonare doge con ankr?
            Ma te la sei studiata?
            Ha ponti con eth, poligon, solana, avalanche……non oggi ma alla prossima bull run io lo quoto tra il dollaro e il dollaro e mezzo, magari anche qualche centesimo in più, scommessa personale…..consigli finanziari?
            No Costanzo direbbe consigli per gli acquisti e la pubblicità è legale………

          • Attento ai ponti (bridge), sono la parte vulnerabile del mondo crypto <—- l'ha detto vitalik uno/due anni fa e da quel giorno ne sono stati già hackerati 6-7. E' il motivo per cui storco ancora il naso quando qualcuno dice che il futuro saranno le crypto intra-chain… al momento le ritengo troppo rischiose, e personalmente considero tutto quello che ho in questo settore (qualcosa ho) come a medio-alto rischio, ahimè. Non vuol dire stanne lontano, certo, ma non innamorartici troppo

  6. Ciao Jacopo, non sono sicuro di aver usato il termine giusto con ” ponte ” il mio linguaggio blockchain non è così forbito come il tuo e quello di Gianluca, lui è la persona più indicata a spiegare cos’è ankr….comunque è una vera e propria piattaforma defi, su cui sviluppano anche praticamente tutte le altre piattaforme più importanti……puoi mettere in stake senza spostare dal wallet……ti consiglio di dare un’occhiata sul loro sito ankr protocol….poi magari mi dirai la tua.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *