Home / Bitcoin e crypto: solo speculazione | Parla Banca Centrale di…

SPECULATORI BITCOIN

Bitcoin e crypto: solo speculazione | Parla Banca Centrale di…

Torna alla carica il capo di Bank of England, la banca centrale d'Inghilterra. E dice che...

Basterebbe ascoltare una sola intervista per sentirle tutte. A parlare sono i governatori delle banche centrali – questa volta nello specifico Andrew Bailey di Bank of England. E dato che neanche i governatori delle potenti banche centrali riescono a sottrarsi alla moda del tormentone estivo, torna a cantare una canzone che abbiamo ascoltato un po’ tutti.

La canzone è quella di Bitcoin e crypto che non sarebbero valuta – ma soltanto degli investimenti estremamente speculativi. La soluzione? Neanche a dirlo denaro digitale migliorato – o nella lingua dei piani alti le CBDC. Semplice, no?

Un tormentone che avete sentito anche da Christine Lagarde, da Mario Draghi, da tanti altri (ma non Jerome Powell, che ritiene invece almeno gli stablecoin valuta a tutti gli effetti). Ma cosa ha detto Andrew Bailey? Il discorso è certamente interessante e va pertanto analizzato.

Criptovalute e Bitcoin? Altro che moneta. Sono investimenti speculativi

Di tutt’erba un fascio. E forse sarebbe lecito aspettarsi, almeno da un governatore di una banca centrale così importante, un ragionamento più di fino. Ma questo abbiamo e di questo dovremo discutere. L’opinione è la seguente: Bitcoin e crypto, non importa di quale natura, non hanno le caratteristiche della moneta, ma sono al massimo investimenti estremamente speculativi.

I fondamenti della moneta sarebbero due e per qualche motivo non sarebbero garantiti dal mondo crypto e Bitcoin. Il rpimo è quello della singleness, come la chiama Mr. Bailey:

A prescindere da dove deteniamo il nostro denaro, in conti bancari, in banconote o monete – possiamo essere certi che avrà lo stesso valore. Le sterline nel mio conto bancario sono uguali a quelle nel tuo conto bancario. In altre parole, la moneta è scambiabile allo stesso valore.

E verrebbe qui da chiedersi in quali contesti 1.000 satoshi o un intero Bitcoin siano diversi da indirizzo a indirizzo, ma sarebbe forse chiedere troppo. Passiamo pertanto alla seconda: la finality. Ovvero…

Il secondo fondamento è quello della finalizzazione del pagamento. Che significa che quanto paghiamo per qualcosa, possiamo essere sicuri che il pagamento sia effettivamente avvenuto.

Anche qui di curiosità sollevate ce ne sarebbero diverse. I pagamenti tramite carta richiedono giorni per essere finalizzati – e prevedono anche per il negoziante il rischio di annullamento ex post. I bonifici impiegano tempo ad essere finalizzati così come ogni altra forma di pagamento elettronico. Dopo 6 blocchi (questo è lo standard più diffuso), possiamo ritenere ragionevolmente una transazione in Bitcoin scolpita nella pietra di cui sono fatti i secoli. Amen.

Siete solo degli speculatori, no?

La soluzione? Una CBDC

A Mr. Bailey va comunque riconosciuto di non aver criticato Bitcoin e crypto senza aver proposto una soluzione. Tutt’altro. La soluzione c’è, si chiama denaro digitale migliorato e altro non è che una CBDC, una valuta digitale emessa dalle banche centrali, che secondo Bailey i cittadini potranno usare tutti i giorni, certi di avere una valuta pienamente funzionale.

Che poi IMF la ritenga una grande occasione per la programmabilità del denaro – e anche per spingere gentilmente i cittadini verso diversi comportamenti deve essere ancora ignoto a Mr. Bailey, perché altrimenti si sarebbe certamente scagliato contro l’assenza di singleness, come l’ha chiamata lui.

Due pesi due misure? Mancanza di informazioni? Psy-op per cominciare a oliare gli ingranaggi che dovranno portare ad una sterlina digitale? La risposta la lasciamo a voi – e potrete comunicarcela anche sul nostro canale Telegram.

Iscriviti
Notificami
guest

4 Commenti
Più votati
Più nuovi Più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
ghibly79
ghibly79
11 mesi fa

Completo delirio, pugni menati alla cieca nella disperazione come ho scritto in un altro commento. In particolare le farneticazioni sulla finality, specialmente se riferite a Bitcoin: la finality in tempi brevi, completa e credibile è proprio uno dei cavalli di battaglia principali di Bitcoin, rispetto al sistema fiat stratificato (e a tante altcoin dove non è del tutto credibile perchè hardforkabili a piacere, ma comunque meglio che ad esempio sulle carte di credito) dove la “finalità” è riservata ai grossi settlement tra banche e banche centrali, mentre praticamente non è disponibile per i retail.
Neppure nel real time gross settlement layer la finalità è proprio completa a dire il vero, dato che una banca centrale ha sempre la possibilità di “congelare” i fondi (che di fatto equivale ad annullare tutte le transazioni), come avvenuto per le riserve in dollari della Russia.
Il ribaltamento della realtà. Poveri ciarlatani impauriti, snake oil sellers con la loro propaganda random sulle loro surveillance shitcoins.

Last edited 11 mesi fa by ghibly79
Coviddi
Coviddi
11 mesi fa
Reply to  ghibly79

Accurato. Soprattutto l’ultima frase.

Klaus Marvin
Klaus Marvin
11 mesi fa

Gran parte dei guadagni finanziari si basa sulla speculazione solo che loro vogliono associare la speculazione alle cripto come una cosa negativa. Ma parlano proprio loro che la speculazione per loro è uno stile di vita, infatti basano tutto sulla speculazione ma per far del male al popolo, per impoverirlo, basta vedere come stanno speculando sull’ l’inflazione raccontandoci un mucchio di frottole ma nel frattempo chi si è indebitato per acquistare una casa con il tasso variabile non ha più lacrime per piangere e credetemi sono moltissime persone che quando avranno finito di pagare il mutuo la loro casa varrà la metà di quello che avran pagato e saranno i più fortunati perchè molti non la potranno pagare e la vedranno messa all’asta e questa è speculazione negativa per il popolo ma diventa speculazione positiva per loro per cui se potete non acquistate nulla a debito nemmeno la macchina. dovete ragionare all’inverso di quello che ci hanno sempre insegnato, lo so che non è facile ma dobbiamo renderci conto che la prima casa è un debito perchè necessiterà sempre di manutenzioni nel tempo e indebitarsi per acquistare un debito è la cosa peggiore da fare ma se volete proprio farlo scegliete il tasso fisso e se al momento non è conveniente lasciate perdere e sappiate aspettare. E non parliamo della speculazione sul clima. E’ vero stanno cambiando molte cose con l’unione europea ma cambiano in peggio..

Coviddi
Coviddi
11 mesi fa

Il problema sarà quando non tutti potremo sederci in terra e dire al datore: “No, cazzo. Io sta roba non la voglio. Inoltre è una variazione unilaterale delle condizioni contrattuali finora applicate, se non lo dici tu a loro lo dico io a te.”

Bitcoin non so se lo fixa, questo. 😕