Home / Attacco a crypto e DeFi negli USA | Proposta anti investitori

ANCORA USA DEFI

Attacco a crypto e DeFi negli USA | Proposta anti investitori

Arriva un'altra proposta negli USA. Questa volta l'attacco è alla DeFi.

Come avevamo preannunciato ai nostri lettori, ecco arrivare l’ennesima proposta di legge. Questa volta però non vorrebbe normare il comparto nella sua interezza. L’obiettivo sarebbe infatti quello di obbligare i progetti DeFi ad adeguarsi alle normative anti-riciclaggio e KYC. Non si può obbligare uno smart contract a chiedere i documenti a chi lo utilizza?

Poco male secondo questa proposta di legge. Ci dovranno pensare gli investitori nel progetto che hanno somme considerevoli investite. La soglia? 25 milioni di dollari, che devono essere investiti nello sviluppo del progetto. Un approccio che in molti hanno già definito come potenzialmente fatale per la finanza decentralizzata negli USA.

Questo chiaramente a patto che ci sia consenso intorno a quella che è una proposta di legge bipartisan – come molte di quelle che sono arrivate già in Senato o direttamente nella camera inferiore. Una cosa è certa: il cavallo crypto è così imbizzarrito che tutti vogliono provare a domarlo.

Investi più di 25 milioni? La responsabilità è tua

La questione chiaramente non interesserà i privati cittadini e gli investitori retail, che difficilmente sono in grado di partecipare con tali somme ai progetti in fase di lancio. Probabilmente però riguarderà diversi VC e società che investono nella DeFi.

Parliamo di un limite fissato a 25 milioni di dollari, superato il quale si sarebbe responsabili di ogni eventuale mancanza, per il protocollo, di misure anti-riciclaggio, KYC, etc.

Un po’ come se gli azionisti di maggioranza di una banca fossero responsabili delle violazioni della banca stessa – situazione chiaramente impensabile nel mondo della Finanza Tradizionale.

La proposta porta la firma di Mark Warner, Mitt Romney e Mike Rounds e dovrà competere con le proposte di leggi passate, presenti e future con le quali sarà letteralmente inondato il congresso.

La proposta di legge rafforza gli strumenti del Dipartimento del Tesoro per la protezione della sicurezza economica e nazionale. I cartelli della droga, i trafficanti di esseri umani e simili non dovrebbero avere la possibilità di utilizzare le piattaforme DeFi per sfuggire alla giustizia – le loro vittime meritano di più.

Questo il commento di Jack Reed, che ha presentato la legge e che è al contempo membro della Commissione Bancaria al Senato USA.

Una legge che punta a strozzare la DeFi in quanto tale?

Probabilmente sì, dato che l’unico effetto che avrebbe sarà la mancata partecipazione di grandi investitori USA a certe raccolte di capitali. Prendere la DeFi per il portafoglio, eliminando la possibilità di utilizzo per tutti gli americani – e difficilmente per i cartelli della droga e per la criminalità organizzata.

Questo chiaramente a patto che ci sia del consenso che andrà a raccogliersi intorno a questa proposta, che per quanto bipartisan (hanno firmato almeno un democratico e un repubblicano) potrebbe incontrare difficoltà nel raccogliere consensi.

Ma come abbiamo detto in apertura, ci sarà una sorta di gara a mettere il nome sulla legge che normerà il settore negli USA. Con ogni probabilità, però, non sarà questa. Per quanto ci sia anche l’ex candidato presidenziale Mitt Romney a firmarla.

Iscriviti
Notificami
guest

3 Commenti
Più votati
Più nuovi Più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
ghibly79
ghibly79
9 mesi fa

“dato che l’unico effetto che avrebbe sarà la mancata partecipazione di grandi investitori USA a certe raccolte di capitali” ma nemmeno, ci possono investire comunque per vie traverse, così come hanno sempre fatto nella finanza tradizionale.
E la dao di turno metterà il solito geofence a livello di frontend per gli utilizzatori USA, che è totalmente inutile.
Veramente ma a cosa servono ormai gli spettacoli comici, siamo a livelli di intrattenimento su tutto un altro livello qui.

Giorgio
Giorgio
8 mesi fa
Reply to  ghibly79

Tutta propaganda da servire all’uomo della strada che nelle cripto non c’è ancora entrato, che raccoglie le sue informazioni da striscia o dalle iene.
Quello che non sa cos’è bitcoin né una defi e tanto meno un mixer che citi nel commento dopo.
L’affare si farà ma quando lo dicono loro e alle loro condizioni per i soggetti che non sono ancora dentro e che forse ahimè non entreranno mai.

ghibly79
ghibly79
9 mesi fa

Peraltro non si capisce neanche come credono che i criminali utilizzino la DeFi per “sfuggire la giustizia”: l’unico strumento utile è un mixer, perchè se utilizzano un dex resta tutto tracciato, oltre a mancare la fiat off ramp.