Home / Solana a 20 centesimi | L’incredibile affare di una volpe in galera

SOLANA 20 CENT

Solana a 20 centesimi | L’incredibile affare di una volpe in galera

Una cifra incredibile, che per noi comuni mortali non è mai stata possibile...

Forse in pochi ricordano che ai tempi che furono, che non sono poi così lontani, Solana era chiamata in certi circoli Sam Coin, ovvero la crypto di Sam Bankman-Fried. Il motivo è cristallino: SBF è stato tra i principali finanziatori e investitori nel progetto. In pochi però si sarebbero immaginati di trovarsi davanti a un affare di questo livello.

Sam si è portato a casa $SOL a 20 centesimi a pezzo. Una somma certamente interessante, tenendo conto dei livelli di prezzo che poi sono stati raggiunti da questo progetto. Curioso anche un altro fatto, che riguarda invece i fondi con i quali tali acquisti sono stati portati a termine.

Parleremo di questo – e anche del futuro di Solana lontano da FTX e SBF – sul nostro canale Telegram – canale dove troverai tanti come te che sono appassionati di crypto e che le discutono ogni giorno, tutto il giorno.

20 centesimi a coin: il grande affare di SBF con Solana

Dal processo a SBF non stanno venendo fuori troppi dettagli. Nonostante sia stato Sam a prendersi lo scenario nel corso delle ultime due giornate di dibattimento, c’è stato davvero poco di succoso del quale discutere.

C’è stato però qualcosa su Solana, progetto che doveva parecchio proprio all’accoppiata Alameda + FTX, che è stata responsabile, oggi è sotto gli occhi di tutti, di buona parte dell’ascesa di questo ecosistema.

Quello che però in pochi sapevano è stato il prezzo di acquisto del token da parte dell’allegra brigata che faceva capo a Sam Bankman-Fried: parliamo infatti, secondo quanto riportato dall’ex enfant prodige del mondo crypto, di circa 20 centesimi di dollaro USA per unità acquistata.

Altra questione molto interessante: alla domanda sulla provenienza dei fondi per acquistare Solana, SBF ha balbettato più volte, chiudendo con un credo che si trattasse di fondi di Alameda, a confermare un quadro che vede una gestione piuttosto allegra della contabilità tra le due società, mai di fatto separate.

Per Solana il peggio è comunque passato

Per Solana il peggio sembra essere comunque finalmente alle spalle. Il progetto, che pur temeva per la sua stessa sopravvivenza, oggi è tornato ad un buono stato di salute e nonostante la minaccia del fallimento di FTX è riuscito a rimettersi in piedi e a tornare a sviluppare, a crescere (se vogliamo) e a offrire delle prospettive per il futuro.

L’intera storia, poco edificante per tutti i soggetti coinvolti, sarà soltanto un brutto ricordo – e per il prossimo ciclo, con ogni probabilità, l’avranno dimenticata tutti o quasi.

Iscriviti
Notificami
guest

4 Commenti
Più votati
Più nuovi Più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Maurizio
Maurizio
6 mesi fa

Articoli ottimi

Luigi Pesci
Luigi Pesci
6 mesi fa
Reply to  Maurizio

Grazie mille

fake scam
fake scam
6 mesi fa

che scam solana

Luigi Pesci
Luigi Pesci
6 mesi fa
Reply to  fake scam

In che senso, ci scusi? Può gentilmente argomentare la sua profonda analisi?

Grazie