Home / Banca svizzera apre a Bitcoin e Ethereum per investimenti

Bitcoin Banca Crypto

Banca svizzera apre a Bitcoin e Ethereum per investimenti

Un'altra importante banca entra nel mondo di Bitcoin e Ethereum.

Ancora le banche sul mondo Bitcoin e Ethereum. Questa volta è una banca cantonale della Svizzera a avviare l’offerta di servizi nel mondo che su Criptovaluta.it seguiamo tutti i giorni. Si tratta di St. Galler Kantonalbank, che in collaborazione con SEBA ha deciso di avviare servizi di custodia e trading sui due principali asset di questo comparto.

L’offerta sarà – almeno per il momento – limitata ad alcuni clienti selezionati, cosa che però non riduce la portata della notizia: nonostante la stampa mainstream abbia parlato di fuggi fuggi da parte delle rispettabili banche classiche dal mondo crypto, in realtà sta avvenendo l’esatto contrario.

Dell’ascesa delle banche nel mondo crypto parliamo anche nel nostro Canale Telegram, canale dove troverai la nostra redazione, insieme a tanti altri specialisti e appassionati del mondo crypto pronti a aiutarti con news in tempo reale e analisi. Non mancare!

Un’altra banca vuole Bitcoin e Ethereum: ecco cosa ha in mente di fare

La notizia è lineare: St. Galler, banca cantonale svizzera, ha deciso di collaborare con SEBA al fine di poter offrire ai propri clienti accesso al mercato Bitcoin e Ethereum. Si tratta di una decisione importante, in un paese che comunque è tra i più aperti a livello globale al mondo crypto.

Ora cosa succede Banca Svizzera
Si parte con le prime due!

Si partirà da queste due crypto, per poi allargare, dice la banca, l’offerta anche a altri asset del comparto nel caso in cui dovesse esserci domanda da parte dei clienti. Si tratterà inoltre di possibilità di acquisto spot, e dunque dell’effettivo asset sottostante.

A offrire i servizi sarà SEBA, banca crypto già parecchio attiva principalmente in Svizzera, che si è detta entusiasta della nuova collaborazione.

Siamo davvero felici di poter supportare St. Galler Kantonalbank con il nostro expertise, che permetterà loro di allargare l’offerta di servizi sui digital asset. St.Galler Kantonalbank e SEBA hanno siglato un accordo quest’anno, dopo un breve progetto di implementazione e la banca è ora pronta a offrire crypto a un gruppo selezionato di clienti. In prima battuta saranno Bitcoin e Ethereum, le altre seguiranno a breve.

Questo il commento di Christian Bieri di SEBA a The Block. Anche SGKB ha deciso di commentare la notizia con toni particolarmente entusiastici.

Grazie alla nostra cooperazione con SEBA, abbiamo implementato un setup iniziale lineare, che permette di imparare e di crescere allineati alle necessità dei nostri clienti.

*Che tipo di banca è SGKB**

È una delle 24 banche cantonali della Confederazione Svizzera. Opera da poco meno di 160 anni e offre anche servizi di investimento con accesso ai mercati per i propri clienti.

Le banche cantonali sono in genere legate al cantone di appartenenza sia in termini di proprietà, sia in termini di clientela. Si tratta di un passo in avanti, anche per la credibilità del nostro settore, piuttosto importante.

Vi aggiorneremo non appena se ne saprà di più anche sulla quotazione di altre criptovalute.

Iscriviti
Notificami
guest

1 Comment
Più votati
Più nuovi Più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
francesco
francesco
6 mesi fa

non vorrei che si rivelasse una bad news col senno di poi… mi spiego: il canton san gallo ha mezzo milione di abitanti, e tolti anziani e bambini, butto li una cifra un po a caso, restano forse 300’000 potenziali clienti. diciamo 100’000 dato che non tutti hanno il conto presso la SGKB ovviamente. se faccio una carrellata dei miei amici in svizzera penso che uno su 10 (scarso) detiene ho ha avuto cripto in passato. significa che 10’000 persone potrebbero essere interessate. aggiungo che le nostre banche cantonali hanno una clientela principalmente retail e di conseguenza non ci sono grandi capitali a disposizione per investimenti a rischio elevato. ciò che temo è che non ci sarà un grande interesse con conseguente (parziale?) marcia indietro da parte della banca. risultato? testate giornalistiche che sbandiereranno a caratteri cubitali il flop creando fud come solo loro sanno fare……

detto questo, io ho iniziato a comprare btc nel 2018 su swissquote, banca svizzera online. all’epoca c’erano solo btc ed eth se non mi sbaglio, alle quali si sono aggiunte molto presto altre cripto come ltc, zrx, xtz, xrp. al momento ne hanno listate 35. la differenza con SGKB è che swissquote ha un bacino d’utenza decisamente piu ampio, in svizzera ed all’estero, ed è indirizzata principalmente agli investitori, non ai retail che ci versano lo stipendio…