Home / Crypto: volano i volumi, anche tra i retail. Ecco cosa significa

RETAIL VOLUMI

Crypto: volano i volumi, anche tra i retail. Ecco cosa significa

Robinhood dichiara una crescita anormale dei volumi. Ma dov'è la verità?

È il ritorno dei piccoli investitori retail? Il dato che è stato diffuso da Robinhood sembrerebbe andare in questo senso. L’App di investimento che offre, tra le altre cose, Bitcoin e crypto, ha comunicato un aumento del trading sulle crypto del 75% rispetto al mese precedente.

Il dato fa riferimento a novembre, che si è appena chiuso, ed è certamente incoraggiante, in particolare dopo mesi di volumi estremamente bassi. Tuttavia, come sempre accade quando si parla di percentuali, è bene anche analizzare le grandezze di riferimento. Il 75% di 0 è comunque zero. E anche il 75% di volumi particolarmente bassi non è poi questa gran cifra.


Vieni a discutere con noi, sul nostro Canale Telegram, di tutte le ultime novità del mondo crypto. Chi è nel nostro canale Telegram riceve in anteprima tutte le notizie più importanti del mondo crypto, anche a livello mondiale.

Volumi su da Robinhood, ma cosa è cambiato davvero nel mondo crypto e Bitcoin?

La notizia è in verità assai breve: Robinhood ha dichiarato volumi del 75% più alti a novembre rispetto al mese precedente. È un’ottima notizia, perché è segnale del ritorno di una particolare categoria di investitori, i retail, che erano rimasti ben lontani da questo mercato a partire dal novembre 2022, e con maggiore intensità durante il 2023.

Il 75% è una percentuale che, letta senza alcun riferimento, potrebbe però far festeggiare più del dovuto. La prima cosa da tenere a mente è che parliamo di un intermediario di piccola entità sul totale. La seconda è che i volumi di ottobre, come vediamo nel grafico allegato, sono stati comunque pessimi.

Con il grafico davanti ci sono almeno 2 considerazioni da fare: la prima è che sì, c’è stato un importante aumento di volumi anche sugli exchange classici. Il secondo è che a quanto pare una parte dei volumi si sono trasferiti altrove, se è vero che Robinhood ha fatto +75%, a fronte di un più modesto ma comunque importante +55% circa per gli exchange tradizionali.

Ci potrebbe essere una terza spiegazione: Robinhood raccoglie un pubblico forse meno esperto di crypto e che non ama passare dagli exchange per gli acquisti. E dunque avrebbe raccolto un aumento maggiore di volumi.

Qualcosa nel mercato sta cambiando

Che i volumi aumentino è quasi sempre una buona notizia. Quello che ci preme però evidenziare in questa nostra analisi è che probabilmente in fase di avviamento un cambiamento importante della tipologia di investitori che guardano alle crypto e Bitcoin.

Cosa intendiamo dire? Intendiamo dire che con l’arrivo degli ETF ad essere solleticati saranno principalmente gli appetiti di una classe di investitori che forse mai si era avvicinata con decisione al mondo crypto e BTC. E anche questa sarebbe un’ottima idea.

Per il resto delle considerazioni, attenderemo eventuali conferme dai dati di Dicembre, che confermeranno (o meno) la maggiore solidità dei volumi sui mercati crypto.

Iscriviti
Notificami
guest

1 Comment
Più votati
Più nuovi Più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Domenico
Domenico
4 mesi fa

Non posso crederci che una grossa azienda come Crypto sia stato così superficiale da farsi ragirare con dei movimenti da parte di persone disoneste che lucrano sulla povera gente che spera di guadagnare quel po’ di denaro per stare un po’ meglio io non farò più nessun investimento e sconsiglierei ad amici di farlo . gradirei essere contattato da un vostro manager per spiegare l’accaduto saluti