Home / SBI: Pool mining di Bitcoin per tutti!

SBI: Pool mining di Bitcoin per tutti!

E in Giappone si apre seriamente alla partecipazione al mining anche per il pubblico generalista. SBI, che dall’agosto 2017 opera nel paese e anche all’estero delle mining farm che si occupano di Bitcoin, Bitcoin Cash e Bitcoin SV, ha infatti attivato un programma che permetterà al pubblico generalista di partecipare, tramite investimenti, alle operazioni.

sbi mining pool
La grande notizia di SBI: presto tutti potranno minare in pool con uno dei giganti del mining internazionale

Un pool mining al quale risparmiatori ed investitori giapponesi (e non) potranno partecipare per piccole quote, senza la necessità di acquistare hardware costoso e che li renderebbe partecipi del grande aumento di valore di queste criptovalute.

Non è ovviamente l’unico metodo che abbiamo a disposizione se vogliamo partecipare alla crescita di cryptocoin come Bitcoin. Chi ci segue da tempo sa già che non serve hardware, ma soltanto un conto presso un buon broker. eToro (qui per iscriversi al conto dimostrativo gratis) permette di detenere BTC direttamente oppure tramite CFD, con tutti i migliori strumenti di analisi per gli asset finanziari. Il tutto con la sicurezza di un gruppo che si è appena quotato al NASDAQ, la prima borsa del mondo.

Cosa potranno fare i giapponesi e a chi è aperto il servizio?

I termini del servizio non sono stati ancora diffusi. Tutto quello che sappiamo, per adesso, è che SBI metterà a disposizione del pubblico parte della sua potenza di calcolo, tramite contratti di diversa durata.

Investitori privati e istituzionali potranno partecipare al mining di Bitcoin pur senza possedere alcun tipo di hardware dedicato e anche con il proprio computer.. Potranno così partecipare ad un pool per Bitcoin che ad oggi è 11esimo al mondo per potenza.

SBI ha inoltre aggiunto ai partner Northern Data, che sarà responsabile della gestione dei dati prodotti e dei canali di partecipazione per investitori grande e piccoli. Non è questa la prima delle opportunità di questo tipo che vengono a crearsi grazie a soggetti conosciuti e molto riconoscibili sul mercato. Già Foundry di Digital Currency Group è stato aperto al pubblico.

Conviene partecipare a questo tipo di operazioni?

Dipende. Il rischio è paradossalmente più alto di quello che avremo investendo direttamente su Bitcoin. A rendere questo tipo di interventi e di investimenti convenienti o no dipende da due fattori:

Il mining di Bitcoin funziona storicamente meglio con macchine dedicate. Si può partecipare anche con la propria CPU o GPU, con il rapporto tra energia consumata e tra calcoli offerti al pool che gioca però a nostro sfavore.

  • Costo dell’elettricità

Per noi italiani, che paghiamo tra le elettricità più care al mondo, fare mining da casa nostra non è mai o quasi conveniente. Anche quando si dovesse partecipare a pool molto strutturati, come appunto nel caso di quelli aperti da SBI.

Per noi rimane un investimento relativamente poco intelligente, soprattutto oggi che abbiamo effettivamente a disposizione altri modi per investire su BTC e sulle altre criptovalute. E per chi dovesse pensare di acquistare hardware dedicato… buona fortuna. Grazie al boom di prezzo di Bitcoin le richieste inoltrate oggi a mercato saranno evase tra mesi.

Info su Gianluca Grossi

Laureato in Giurisprudenza, è esperto di investimenti in criptovalute. Ha già investito in passato in BitCoin, DogeCoin, Ethereum e XRP.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *