Siamo su:

Yahoo FinanceMilano FinanzaAffari italianiAdnkronosilSole24 oreIl Tempo.itAskanews

Home / Cosa sta succedendo a Siacoin? Cresce lo storage via blockchain

Cosa sta succedendo a Siacoin? Cresce lo storage via blockchain

Ci dovremo abituare a molte di queste corse. Siacoin non è esattamente una novità per i lettori di Criptovaluta.it, continua a crescere su tassi molto elevati, confermando il grande momento di forma per tutto il settore degli utility coin.

Siacoin fa parte di un nuovo – almeno per i mercati – trend di blockchain che utilizzano questa tecnologia per offrire servizi diversi del semplice sistema di pagamenti. E che non sono neanche collegati al trend della finanza decentralizzata.

Anche Siacoin al centro del trend positivo: ecco perché

Siacoin è anche una delle 239 criptovalute offerte a listino da Capital.com (qui per un conto di prova gratuito), broker che offre sistemi professionali per l’investimento, come MetaTrader 4 e TradingView. Con l’aggiunta del servizio di segnali Trading Central.

Il boom incredibile dei token di utilità

Abbiamo iniziato a conoscere le tecnologie blockchain per il trasferimento di denaro. È per questo motivo che è nato Bitcoin ed è per lo stesso motivo che sono nate, almeno fino ad Ethereum, le altre criptovalute.

Soltanto successivamente la blockchain ha iniziato a trovare applicazioni diverse. Lo storage è una di queste, con Siacoin che fa parte del gruppo di Storj e anche di Filecoin, anch’essa coinvolta da una grande bull run negli ultimi tempi.

Anche il mondo degli investitori sembra essersi finalmente accorto di questo specifico comparto, con FIL, la vera antagonista di SIA, che fa parte del nucleo di criptovalute sulle quali investe anche Grayscale.

E questo trend positivo per tutto il comparto – giusto ieri abbiamo segnalato anche quello di Theta, che però si occupa di video – ha coinvolto anche Siacoin. Un buon motivo per rimanere attenti su questo token, che troviamo, come abbiamo appena visto, anche dai migliori broker.

Le prospettive di Siacoin

Con ogni bull run, molti dei nostri lettori ci chiedono se sia il caso o meno di intervenire sul mercato, ovviamente al fine di ottenere dei profitti di breve periodo. Ripetiamo a questo scopo il discorso che facciamo sempre o quasi quando si tratta di una criptovaluta emergente che ha avuto un grande aumento di valore in pochi giorni o poche ore.

Ovvero che bisognerebbe puntare sempre e soltanto su criptovalute di prospettiva, che possano effettivamente avere una crescita organica di medio e lungo periodo. Cavalcare i trend di breve periodo, soprattutto in un periodo di grande volatilità come questo, non può che esporre a rischi che non tutti sono in grado di sopportare.

Il caso di Filecoin deve essere di monito per tutti. Dopo aver raggiunto un livello di capitalizzazione incredibile, ci sono state delle violente correzioni, che hanno comportato per chi era entrato tardi sul mercato perdite considerevoli. Che potranno però essere assorbite con una adeguata strategia di medio e lungo periodo.

Il progetto è in salute – e tutti possono partecipare

Siacoin è un progetto in salute. Ad oggi conta 3,4 PB di capacità totale, con quei 500 provider di Storage e con più di 600 TB già utilizzati. Numeri piccoli rispetto ai grandi provider di Storage commerciale, ma comunque il segnale che qualcosa si sta muovendo.

Il sistema di Siacoin è intelligente, perché in grado di far incontrare domanda e offerta di questa specifica utility, con SIA che rimarrà il token per pagare questo tipo di servizio. E con numeri di questo tipo, ormai in crescita costante da diverso tempo, non rimane che essere fiduciosi sul futuro del progetto.

Info su Gianluca Grossi

Laureato in Giurisprudenza, è esperto di investimenti in criptovalute. Ha già investito in passato in BitCoin, DogeCoin, Ethereum e XRP.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *