Siamo su:

Yahoo FinanceMilano FinanzaAffari italianiAdnkronosilSole24 ore

Home / OMG Network: analisi del boom e analisi di lungo periodo

OMG Network: analisi del boom e analisi di lungo periodo

OMG Network, altro progetto direttamente collegato (tecnologicamente) ad Ethereum, vive delle ore di boom, che lo riportano entro le prime 90 criptovalute per capitalizzazione. Un’accelerazione di prezzo che in pochissimi si attendevano, anche tra gli specialisti di token a bassa capitalizzazione.

Una run che porta OMG di nuovo vicino a quota 10$ per singolo token e sopra il miliardo di dollari di capitalizzazione, per un progetto del quale, nonostante sia in circolazione da più di qualche anno, si parla sempre meno. Il tutto all’interno di un ecosistema, quello di Ethereum, che si fa sempre più complesso e che vede molti progetti collaterali cavalcare l’onda del suo nuovo massimo storico.

OMG nuovo bull run boom
OMG vola, ma deve tutto o quasi ad ETH?

OMG, questo il ticker del token, è disponibile anche su Capital.com (qui per aprire il conto dimostrativo illimitato gratis), broker che lo offre in modalità CFD, sia al rialzo che al ribasso. Con la possibilità aggiuntiva di investire tramite MetaTrader 4 e TradingView, oppure di utilizzare la piattaforma proprietaria che integra anche un sistema avanzato di intelligenza artificiale.

Che cos’è OMG Network e perché è collegato strettamente ad Ethereum

Abbiamo già detto che dietro il recente boom di OMG Network c’è la scia dei nuovi massimi storici di Ethereum, con il protocollo di Vitalik Buterin che continua una corsa inarrestabile, nonostante qualche complicazione tecnologica che sarà risolta, progressivamente, nei prossimi mesi.

Problemi “tecnici” in termini di scalabilità e di commissioni che possono essere parzialmente superati proprio ricorrendo a network di layer 2 come OMG. Senza entrare troppo nel dettaglio del funzionamento di OMG, possiamo dire che questo opera come uno strato aggiuntivo sopra la blockchain di Ethereum, che permette di trasferire valori e token. Il tutto aggiungendo un possibile output di migliaia di transazioni al secondo e con commissioni che sono 1/3 di quelle praticate ad oggi da Ethereum. Pur mantenendo un ottimo livello di sicurezza e con il pieno supporto per Smart contract e App Decentralizzate.

I due progetti, sebbene viaggino su scala completamente diversa, sono collegati con i loro destini e OMG, data l’enorme rilevanza che Ethereum sta assumendo all’interno dei mercati, non può che approfittarne e attirare capitali e investitori proprio per le soluzioni che offre.

Il problema vero? Il passaggio ad Ethereum 2 potrebbe rendere inutile OMG, o quasi

Sebbene quanto affermiamo non sarà accettato di buon grado dai sostenitori (e dagli investitori) di OMG, è un fatto incontrovertibile e che apre a scenari relativamente foschi per il futuro di questa blockchain. Ad oggi OMG offre un sistema che permette di scalare e abbassare i costi di utilizzo di Ethereum. Cosa che però questo network potrebbe raggiungere con il passaggio al London Upgrade in Luglio e poi definitivamente a Ethereum 2.0 nel 2022.

Tutti i punti di forza attualmente offerti da OMG, ovvero transazioni più veloci e meno costose anche in termini di energia, nonché una maggiore attenzione all’impatto ambientale, saranno implementate direttamente in Ethereum. Rendendo forse non obsolete, ma quantomeno ridondanti le funzionalità di OMG. Tutto questo mentre i temi caldi rimangono quelli dei Token Non Fungibili, che pure si gioveranno di commissioni generalmente più basse, nonché della Finanza Decentralizzata, che anche a causa delle grandi difficoltà dimostrate da Ethereum negli scorsi mesi, si è in parte accasata altrove.

OMG è un investimento di breve periodo: ma occhio a cavalcare l’onda

OMG è, sic stantibus rebus, un investimento di breve periodo. Questo a meno che gli sviluppatori e i leader del progetto non riusciranno a caratterizzarlo in altro modo nei prossimi mesi. Ed è una lotta contro il tempo: la sofferenza dei Layer 2 che non riusciranno ad offrire di più di quanto farà Ethereum 2.0 sarà inevitabile.

Questo non avrà impatto sul breve e brevissimo periodo, durante il quale OMG potrà continuare a giovarsi di un momento di straordinaria forma di Ethereum. L’investimento è di quelli rischiosi e non è detto che porterà ai frutti sperati. Ma con i broker che abbiamo consigliato nel corso della nostra guida di oggi, possiamo comunque anche posizionarci correttamente su eventuali correzioni. Potremmo sbagliarci, ma i presupposti per un OMG forte sul lungo periodo sembrano, almeno per il momento, fiacchi.

Info su Gianluca Grossi

Laureato in Giurisprudenza, è esperto di investimenti in criptovalute. Ha già investito in passato in BitCoin, DogeCoin, Ethereum e XRP.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *