Siamo su:

Yahoo FinanceMilano FinanzaAffari italianiAdnkronosilSole24 oreIl Tempo.itAskanews

Home / Dogelon Mars, Oggi è Boom! Perchè? Conosciamola meglio

Dogelon Mars, Oggi è Boom! Perchè? Conosciamola meglio

Un altro, ennesimo clone di Dogecoin? Nelle ultime ore sta tenendo banco – con una crescita molto interessante in termini di capitalizzazione, Dogelon Mars, progetto che ricorda molto da vicino Shiba Token, del quale abbiamo parlato nelle scorse ore.

Di cosa si tratta esattamente? In primo luogo di un token ERC 20, che può essere scambiato su Uniswap e che prova a sfruttare almeno in parte la popolarità di Dogecoin e anche di Elon Musk. Può essere conveniente investirci? Oppure si tratta dell’ennesimo meme token, che lascia il tempo che trova e che non dovrebbe essere considerato come possibile investimento?

Dogelon Mars - dogecoin clone - analisi
Scopriamo cosa c’è dietro Dogelon Mars e se conviene investirci

Cerchiamo di vederci chiaro, anche analizzando quanto il progetto riporta sul suo sito ufficiale. Perché di progetti che riprendono in tutto o in parte Dogecoin – e il suo carico di meme – ne stanno spuntando come funghi, non tutti però con delle prospettive adeguate di medio e lungo periodo.

Che cos’è Dogelon (ELON) e perché dovrebbe interessarci?

Dogelon si presenta sul mercato come un fork di Dogecoin, secondo il sito ufficiale “nello stesso senso in cui una forchetta è fork di un cucchiaio”, con un gioco di parole appunto tra forchetta e fork, che come è noto si dicono nello stesso modo in inglese. Si parte dunque con dell’umorismo, cosa sicuramente ereditata dal ben più noto Dogecoin, per un progetto che gira su rete Ethereum e che possiamo scambiare tramite il più popolare degli AMM di quell’ecosistema.

Ci sono diversi punti che possono essere ritenuti interessanti per chi vuole avvicinarsi a questo token. Analizziamoli uno per uno:

  • Dogelon è una “valuta del popolo”

E anche in questo caso si fa riferimento a quanto è stato detto, più e più volte, su Dogecoin. Dogelon sarebbe nato anch’esso per il popolo, con un attenzione particolare per chi è stato truffato in passato da progetti legati al mondo delle criptovalute.

  • Il creatore si chiama Elon, ma non è quell’Elon

Decisamente divertente anche l’equivoco sul nome del creatore. Si chiamerebbe Elon, ma siamo piuttosto certi del fatto di non avere davanti quell’Elon Musk padrino di Dogecoin. Il riferimento al nome del CEO di Tesla è anche nel ticker della criptovaluta. ELON appunto.

  • Il nome? È quello della capitale di Marte

O meglio, il nome che il fondatore del progetto attribuirebbe ad una futura capitale di Marte. Anche qui il riferimento a Elon Musk, a Space X e al progetto di rendere l’umanità una specie multi-planetaria è piuttosto chiaro.

  • Come Shiba Token…

Metà della supply è permanentemente lockata nelle liquidity pool di Uniswap. Mentre l’altra metà sarebbe stata trasferita a Vitalik Buterin, il factotum di Ethereum. È qualcosa che avevamo già visto con Shiba Token. QUesta volta però l’attenzione sarà anche nell’aiuto a chi è stato truffato da criptovalute scam. Perché l’invito è di donare parte dei token ai nostri conoscenti e amici che hanno perso denaro in questo tipo di operazioni.

Crescita esponenziale e grande attività sui social

L’account Twitter del progetto è seguito da oltre 25.000 persone. Numeri importanti per un progetto che circola da pochissimo tempo e che non sembrerebbe, almeno sulla carta, avere grandi prospettive future. L’hype che si è creato nelle ultime settimane intorno a Dogecoin ha contribuito a spingere qualunque cosa gli assomigliasse. Cosa che è capitata anche a Dogelon, seppur in misura molto inferiore rispetto a Shiba Token.

Conviene investirci? Nonostante i tassi di crescita più che interessanti, si tratterebbe di un’operazione estremamente speculativa e ad altissimo rischio. Sebbene possa essere attraente investire su un token che nelle ultime ore ha più che raddoppiato il suo prezzo, non possiamo che consigliare, ai nostri lettori, la massima prudenza.

Info su Gianluca Grossi

Laureato in Giurisprudenza, è esperto di investimenti in criptovalute. Ha già investito in passato in BitCoin, DogeCoin, Ethereum e XRP.

One comment

  1. Non mi convince molto. Sicuramente molto meno di Shiba, che quantomeno dietro sembra avere un piccolo ecosistema e un mezzo progetto. Shiba potrebbe essere interessante da tenere in portafoglio fino al lancio di Shibaswap e vedere quale effetto avrà sul token.

    Dogelon invece sembra senza sostanza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *