Siamo su:

Yahoo FinanceMilano FinanzaAffari italianiAdnkronosilSole24 oreIl Tempo.itAskanews

Home / Ripple: OK da Banca Centrale Egiziana per trasferimenti verso UAE!

Ripple: OK da Banca Centrale Egiziana per trasferimenti verso UAE!

Ripple continua a portare a casa degli ottimi risultati in termini di espansione commerciale. È notizia di poche ore fa l’accordo stretto con la Banca Centrale dell’Egitto, prima istituzione bancaria pubblica del paese, per trasferimenti tra Emirati Arabi Uniti e Il Cairo.

Una notizia che è conseguenza dell’accordo stretto tra le controparti che è stato siglato più di un anno fa e che rinforza la posizione di Ripple all’interno dei mercati emergenti, mentre il token continua a far fatica soprattutto negli USA e nel continente americano, a causa del procedimento avviato da SEC che sembra ancora lontano dalla conclusione.

Ripple egitto accordo maggio 2021
Arriva l’accordo con la Banca Centrale Egiziana: Ripple per i pagamenti da e verso UAE

Si può fare news trading su questo tipo di movimenti? eToro (qui per un conto demo gratuito) ha Ripple a listino insieme ad altre 18 criptovalute di punta – e lo include anche nei suoi CopyPortfolios dedicati al mondo crypto. In aggiunta all’ormai noto servizio di CopyTrading, che permette in un solo click di copiare le posizioni dei trader più esperti, oppure di analizzare in trasparenza i loro portafogli.

In che modo collaboreranno Ripple e Banca Nazionale Egiziana?

La collaborazione sarà nella nicchia dove oggi Ripple è di gran lunga il player più forte, ovvero quella dei pagamenti trans-nazionali per le istituzioni. L’accordo aggiornato al 19 maggio 2021 farà entrare in collaborazione anche LuLu Financial Group, un payment processor privato con sede negli Emirati.

Le tre organizzazioni, Ripple, Banca Centrale Egiziana e LuLu permetteranno i pagamenti trans-frontalieri tra UAE e ed Egitto utilizzando la blockchain del gruppo, per pagamenti rapidi, sicuri e a basso costo.

La partnership con Ripple aiuterà a migliorare l’efficienza del sistema, permettendo a NBE [la Banca Centrale d’Egitto, NDR] di stabilire nuove alleanze su mercati più ampi, con costi ridotti e tempi di integrazione più ristretti. Siamo felici di annunciare la nostra nuova collaborazione con Ripple e con LuLu, che contribuirà ad un’accelerazione del corridoio per le rimesse monetarie tra Egitto e Emirati Arabi.

Questo il commento sulla nuova collaborazione rilasciato da Hesham Elsafty, che al momento riveste il ruolo di direttore della divisione Istituzioni Finanziarie e Servizi Finanziari Internazionali all’interno della Banca Centrale Egiziana.

Ci saranno effetti immediati sul prezzo di XRP?

Probabilmente no, anche se nonostante il brutto momento per il mercato, riteniamo ancora valide le nostre previsioni Ripple, fortemente ottimiste.

Un ottimismo che non deriva soltanto dalle possibilità di rimbalzo, ma anche da questo genere di accordi, che Ripple continua a portare a casa in moltissimi paesi economicamente emergenti. Segno da un lato della forza del protocollo, dall’altro invece di una causa SEC che ormai fa sempre meno paura.

La causa contro SEC andrà comunque seguita, se abbiamo investito in XRP

La causa contro SEC andrà comunque seguita, dato che nonostante il vantaggio di Ripple, manca ancora molto al termine. Il prossimo appuntamento è per il prossimo 21 maggio, con un’udienza tra le parti sempre per via telefonica.

Udienza che seguiremo minuto per minuto sulle pagine di Criptovaluta.it – data l’importanza dell’evento e le ripercussioni che questa potrebbe avere anche sul valore di mercato di XRP. Un valore di mercato che nonostante una giornata pessima, sta tenendo duro, con Ripple che è tra le criptovalute che hanno perso meno. In una correlazione con Bitcoin che diventa sempre meno stretta.

Info su Gianluca Grossi

Laureato in Giurisprudenza, è esperto di investimenti in criptovalute. Ha già investito in passato in BitCoin, DogeCoin, Ethereum e XRP.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *