Siamo su:

Yahoo FinanceMilano FinanzaAffari italianiAdnkronosilSole24 oreIl Tempo.itAskanews

Home / Cos’è Baby Doge, il nuovo meme che adora Elon Musk?

Cos’è Baby Doge, il nuovo meme che adora Elon Musk?

È arrivato anche Baby Doge! Eccoci davanti all’ennesimo progetto in token su Binance Smart Chain che punta a replicare, almeno in parte, il successo di Dogecoin, sfruttandone anche un po’ dell’immaginario. Cosa che abbiamo visto già fare da diversi tipi di token – con Baby Doge che però potrebbe avere una spinta in più, anche da parte di un famoso CEO che frequenta il mondo delle criptovalute.

Una stagione, quella che stiamo vivendo, ricchissima di questo tipo di progetti, spesso estemporanei – che vorrebbero provare a ripetere l’enorme successo avuto da Shiba Token.

La nostra analisi introduttiva su Baby Doge

Baby Doge è ancora in fase embrionale – sia in termini di avanzamento del progetto, sia invece per quanto riguarda la capitalizzazione di mercato. Ma di passi avanti se ne stanno facendo – e un laconico commento da parte di Elon Musk ha acceso l’entusiasmo intorno a questo nuovo progetto dedicato ai… cani.

L’ecosistema che cerca di approfittare della grande popolarità di Dogecoin continua a crescere a ritmo serrato. Cosa che continua, indirettamente, a sostenerne anche il valore e il potenziale in termini di meme di DOGE. Un potenziale e una community che lo hanno portato ad essere quotato anche su eToro (qui per un conto demo gratuito), intermediario che ha a listino le migliori 23 criptovalute, conosciutissimo anche per il suo CopyTrading – per copiare i migliori o spiare nei loro portafogli – e per i CopyPortfolios, panieri di cripto ben bilanciati.

Baby Doge Coin: ci sono relazioni con Doge? E come funziona?

In realtà di relazioni con Dogecoin ce ne sono ben poche. O meglio, sul piano tecnico nessuna. Perché Baby Doge Coin è un token creato sulla Binance Smart Chain e che sfrutta, almeno collateralmente, la popolarità di DOGE come meme, per cercare di avere buon gioco nella propria diffusione.

Fin qui nulla di nuovo. È la stessa cosa che abbiamo visto fare da tanti altri progetti, alcuni dei quali divenuti popolarissimi e ad alta capitalizzazione, proprio come Shiba INU, di recente quotato anche su Coinbase.

  • Piace anche ad Elon Musk

E questo ha contribuito alla grande popolarità del token nelle ultime 24 ore. Il CEO di Tesla ha risposto infatti ad un Tweet di uno degli appassionati del progetto, con un laconico… “Nice”.

Il coinvolgimento è iniziato e finito qui, anche se conoscendo il vulcanico leader di Tesla, non è detto che non ci sarà un seguito a questa sua mini-esposizione verso il progetto. Cosa che potrebbe causare, come spesso accade, un grande sconquasso sui mercati.

Tokenomics di Baby Doge Coin

Come per ogni nuovo progetto, anche per Baby Doge Coin si dovrà guardare alla gestione dell’economia interna per capire effettivamente chi abbiamo davanti.

Possiamo trovare una spiegazione dettagliata all’interno del sito internet ufficiale del progetto. Una tokenomics in realtà piuttosto particolare, perché include anche dei progetti di beneficenza, a favore di cani senza una casa che non hanno una casa, con modalità che però devono essere ancora definite nel dettaglio.

Per il resto abbiamo un token con una forte impronta anti-inflattiva da un lato e che retribuisce gli holder dall’altro. Perché quello che viene trattenuto in termini di commissioni viene destinato alle LP e a chi detiene il token, secondo meccanismi che ormai sono molto comuni nell’ecosistema dei semi-cloni di Doge.

Baby Doge Coin è stato anche oggetto di Audit da parte di DessertSwap, cosa che dovrebbe puntare ad offrire una maggiore sicurezza a chi vuole avvicinarsi a questo progetto.

Dove arriverà Baby Doge Coin?

Difficile a dirsi. Per il momento non è ancora quotato da nessun exchange e per acquistarlo dovremo utilizzare PancakeSwap. Ma diversi progetti che poi hanno avuto un discreto successo sono poi partiti così. Dipenderà dalla forza della community che inizierà a spingere il progetto.

Dopotutto l’esempio di SHIB è davanti agli occhi di tutti. Partito in sordina e con un sito internet e un progetto in realtà ancora molto vacuo, è riuscito a diventare stabilmente la trentesima criptovaluta per capitalizzazione al mondo.

Non è detto che questo, magari in proporzioni minori, non accada anche a Baby Doge Coin. Anche se la concorrenza, in questa particolarissima nicchia del mondo delle criptovalute, si fa sempre più agguerrita.

Info su Gianluca Grossi

Laureato in Giurisprudenza, è esperto di investimenti in criptovalute. Ha già investito in passato in BitCoin, DogeCoin, Ethereum e XRP.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *