Siamo su:

Yahoo FinanceMilano FinanzaAffari italianiAdnkronosilSole24 oreIl Tempo.itAskanews

Home / ARK punta su Bitcoin e compra 225k azioni Square!

ARK punta su Bitcoin e compra 225k azioni Square!

Il mercato delle criptovalute non sembrerà in grande forma nella giornata di oggi, ma i grandi del comparto continuano a fare shopping, noncuranti di un mercato al ribasso e che sembrerebbe soffrire il momento estivo.

Ark, il gestore di fondi che molti conosceranno per i grandi investimenti fatti all’interno del mondo di Bitcoin, ha deciso di allargare la sua esposizione verso Square, l’azienda condotta da Jack Dorsey di Twitter e che ormai da tempo è faro per lo sviluppo di servizi economici e finanziari proprio sulla rete di BTC.

Ark Invest compra 225k azioni Square
Ark ancora all’attacco – grande investimento nella società di Jack Dorsey

Un acquisto che contribuisce a riportare il buonumore all’interno del mercato – con le prospettive di medio e lungo periodo che sembrerebbero, a questo punto, essere di primissimo livello, almeno secondo i grandi operatori dei mercati finanziari.

Le azioni comprate da ARK sono state inserite all’interno di due diversi ETF, che possiamo trovare entrambi nei listini di Capital.com (qui per ottenere il conto dimostrativo gratuito e illimitato), intermediario che offre anche 235+ criptovalute – con tutti i suoi 3.000+ titoli accessibili anche tramite intelligenza artificiale, in aggiunta a MetaTrader 4 e TradingView. Chi ama operare con i segnali può anche aggiungere Trading Central – il tutto con soli 20 euro di investimento minimo per aprire il conto.

ARK, l’annuncio di Jack Dorsey e il futuro di Bitcoin

A contare, in una mossa del genere, non è soltanto quanto è stato acquistato da Ark, ma anche ciò che è stato annunciato nel weekend da Jack Dorsey, ormai il faro di tutto il comparto Bitcoin e per molti il vero eroe di qui BTC aveva bisogno.

Jack Dorsey ha infatti reso pubblici i prossimi programmi della sua azienda, Square, per la creazione di sovrastrutture sulla rete di Bitcoin che permettano anche di avere quel tipo di servizi che siamo abituati a vedere su protocolli maggiormente vocati alla decentralized finance. Una notizia che, almeno a nostro avviso, non ha ricevuto l’eco che meritava e della quale abbiamo parlato questa mattina, in relazione alla querelle nata tra il fondatore di AAVE e Jack Dorsey stesso alla quale quest’ultimo ha deciso di non rispondere.

  • Cosa ha acquistato Ark?

Ha acquistato nel complesso 225.937 azioni, che sono state distribuite su due degli ETF del gruppo, ovvero Ark Next Generation Internet e Ark Innovation ETF, due exchange-traded funds che stanno risentendo oggi, dopo un’ottima apertura, della pessima giornata per Bitcoin e dintorni.

Si tratta di un acquisto sostanzioso, che ha contribuito a far guadagnare molto a Square in apertura, per avere poi una correzione anche questa spinta da una giornata non brillante del comparto. Dubitiamo però che Ark si sia mossa con un orizzonte di breve periodo. È noto che il gruppo si muove da tempo su Bitcoin con orizzonti pluriennali, credendo nella crescita di valore del protollo a mercato, nonché nell’allargamento delle sue possibilità di utilizzo.

Una buona notizia per Bitcoin, in uno dei mesi più complicati della sua storia

Senza voler necessariamente passare per massimalisti, vogliamo cogliere l’occasione di questa notizia per segnalare la nostra prospettiva su Bitcoin – che è diversa anche da quella del mondo degli altcoin. La superiorità tecnologica di Bitcoin è nota a tutti – e anche se molti altri protocolli sono riusciti a concentrarsi su specifiche nicchie, siamo certi del fatto che il futuro del comparto passerà proprio per BTC.

Tutto questo mentre stiamo vivendo un luglio che, se dovesse chiudere così, sarà ricordato come uno dei peggiori mesi mai vissuti da Bitcoin. Siamo preoccupati? No. Confermiamo le nostre previsioni Bitcoin?. Assolutamente sì. Perché sposiamo tanto la linea di ARK quanto quella di Square – che ha correttamente individuato in Bitcoin lo snodo fondamentale per il futuro mondo decentralizzato. La stessa cosa che ha fatto Microsoft per il suo futuro sistema di autenticazione, anche questo basato su qualcosa sulla quale non si può avere un’opinione, ovvero la matematica che anima il protocollo.

Info su Gianluca Grossi

Laureato in Giurisprudenza, è esperto di investimenti in criptovalute. Ha già investito in passato in BitCoin, DogeCoin, Ethereum e XRP.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *