Siamo su:

Yahoo FinanceMilano FinanzaAffari italianiAdnkronosilSole24 oreIl Tempo.itAskanews

Home / 57.000 Bitcoin spariti dagli exchange: ecco dove sono andati!

57.000 Bitcoin spariti dagli exchange: ecco dove sono andati!

Le balene continuano a fare compere – e per non cadere in tentazione spostano i propri Bitcoin fuori dagli exchange, probabilmente verso cold wallet. I dati diffusi da Bybt raccontano di una delle più grandi fughe recenti di BTC dai mercati, per un controvalore superiore ai 2 miliardi di dollari.

Grossomodo quanto fu acquistato da Tesla qualche mese fa e contribuì ad una delle più incredibili bull run della storia di BTC. Anche questa è una notizia bullish e cercheremo di capire insieme cosa sia successo e perché è importante per il momento di Bitcoin.

Bitcoin spariti dagli exchange - l'analisi di Criptovaluta.it
Chi si è portato a casa i 57.000 Bitcoin che mancano?

Su notizie positive di questo genere possiamo investire con eToro (qui per ottenere il conto virtuale gratuito e senza limiti), con capitale virtuale e accesso a servizi esclusivi quali il CopyTrading – con copia 1 click e possibilità di spiare i migliori – e i CopyPortfolios che includono in paniere diverse criptovalute, BTC compresa.

Oltre 57.000 Bitcoin prendono il volo

È questa la quantità degli ammanchi presso i principali exchange di criptovalute. Tutto questo nelle ultime 24 ore, tenendo conto soltanto degli exchange centralizzati. Una somma importantissima di Bitcoin che sono non più a disposizione dei mercati (anche se ovviamente potrebbero rientrarci). Leggere questo tipo di mosse da dati così parziali non è semplice, anche se partendo dai dati di fatto si può comunque dare qualche interpretazione:

  • Le balene hanno comprato e messo da parte

Si tratta nel complesso di una quantità di Bitcoin importante, che si è mossa tramite un numero relativamente ridotto di account. Secondo alcune indagini da confermare, inoltre, si potrebbe trattare di acquirenti molto particolari.

  • Sono entrati fondi e clienti istituzionali?

È sicuramente una delle ipotesi più suggestive. Gli acquisti delle ultime ore, che hanno portato il prezzo di Bitcoin intorno a quota 40.000$ potrebbero essere arrivati da fondi e clienti istituzionali. Dopotutto sono in diversi ad aver fatto recentemente ingresso nel mondo cripto e non ci lascerebbe assolutamente sorpresi la prossima rivelazione di acquisti consistenti da parte di grandi nomi.

  • I livelli di BTC circolanti sono tornati a quelli di prima di maggio

Ovvero su livelli molto bassi e pre-correzione – segno questo che potrebbe essere finalmente tornata la normalità sui mercati. O meglio, che l’impulso a vendere in anticipo di un nuovo crollo potrebbe essere ormai alle spalle. I movimenti di questa fattura sono comunque relativamente lenti – e aver trasferito somme così importanti fuori dal mercato lascerebbe pensare che siano, almeno sul breve, non più disponibili per la vendita.

Nel frattempo sul mercato di Bitcoin

Le nostre analisi Bitcoin di questa mattina tengono – e raccontano di un momento topico per la criptovaluta, nonostante i volumi siano leggermente più fiacchi delle precedenti giornate di scambi. Bitcoin continua a giocare poco sopra o poco sotto i 40.000$, senza che si decida a rompere il micro-canale che è venuto a crearsi nelle ultime ore. Una situazione sicuramente interessante e che potrebbe finire da un momento all’altro.

La maggior parte degli analisti, noi compresi, vedono per il momento più probabile una rottura verso i 43.000$, che sarà la vera resistenza da superare per Bitcoin nelle prossime settimane. Ma con un mercato così leggero (e con 57.000 BTC spariti dalla circolazione), c’è sempre spazio per un’inversione dei piani.

Info su Gianluca Grossi

Laureato in Giurisprudenza, è esperto di investimenti in criptovalute. Ha già investito in passato in BitCoin, DogeCoin, Ethereum e XRP.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *