Siamo su:

Yahoo FinanceMilano FinanzaAffari italianiAdnkronosilSole24 oreIl Tempo.itAskanews

Home / Square compra Afterpay: implementerà Bitcoin per i pagamenti dilazionati!

Square compra Afterpay: implementerà Bitcoin per i pagamenti dilazionati!

Jack Dorsey non si ferma. Dopo aver annunciato lo sviluppo prossimo di funzionalità DeFi su Bitcoin, il leader dei magnati pro-Bitcoin punta ad Afterpay, con un’acquisizione tramite Square dal valore di 29 miliardi di dollari.

Un colpo importantissimo per l’adozione su vasta scala di Bitcoin, con il gigante australiano dei pagamenti anche dilazionati che entrerà a far parte della squadra di aziende di Dorsey che implementeranno anche BTC.

Afterpay comprata da Square, supporto per Bitcoin
Grande colpo per Square e per Bitcoin

Notizia dalle ripercussioni rialziste sul mercato di Bitcoin – che svilupperà pienamente i suoi effetti a partire dal 2022. Possiamo anticipare la mossa con eToro (qui puoi ottenere un conto dimostrativo gratuito e senza limiti), operando con funzionalità esclusive come il CopyTrader per copiare i migliori e spiare le loro mosse in tempo reale. E se vogliamo un investimento più diversificato, i CopyPortfolios ci offriranno il top in termini di portafogli che includono più criptovalute.

29 miliardi di dollari, per un’acquisizione che si completerà nel primo trimestre 2022

L’offerta è di quelle importanti ed è stata già approvata da varie authority. Square di Jack Dorsey acquisterà Afterpay pagando appunto con azioni proprie, per un deal che è stato già siglato e che si concluderà durante i primi tre mesi del 2022. Sul tavolo c’è il controllo di Afterpay, società che gestisce un network che permette la dilazione dei pagamenti effettuati con carta, anche per piccole somme. La notizia importante per chi ama le criptovalute è che la mossa di Dorsey permetterà agli utenti di utilizzare anche Bitcoin. Non è dato sapere al momento se l’espansione di Afterpay nel mondo delle criptovalute riguarderà anche altri protocolli come Ethereum.

Tutto lascerebbe pensare che dato il massimalismo di Jack Dorsey, il deal riguarderà esclusivamente Bitcoin, almeno per le prime fasi dell’implementazione. Agli investitori attuali in Afterpay andrà un controvalore in azioni Square, con il prezzo fissato al 30 luglio 2021.

  • Qualche dettaglio su Afterpay

AfterPay è un servizio di pay later, ovvero utilizzato il quale è possibile spalmare i propri pagamenti. Non prevede interessi, ma una finestra di 2 settimane entro la quale rimborsare il denaro, pena l’incorrere nel calcolo di late fees.

Il sistema è cresciuto enormemente nell’ultimo anno e oggi viaggia intorno ai 10 milioni di utenti. È leader di questo settore non solo in Australia, ma anche nel Regno Unito, in Canada e negli Stati Uniti. Una società di enorme importanza che è anche quotata sulla borsa australiana. La società verrà dissolta dentro Square, con quest’ultima che la rimpiazzerà anche sulla principale piazza borsistica di Sydney.

Le possibili ripercussioni sul mondo di Bitcoin

Siamo abituati a trattare Bitcoin in termini di asset finanziario e questa è la norma per chiunque si avvicini oggi al mondo di BTC a scopo di investimento. Si sta però sviluppando, anche grazie a imprenditori come Jack Dorsey, un filone parallelo che riguarda l’utilizzo concreto di Bitcoin per gli acquisti di tutti i giorni. Un filone che Jack Dorsey sta sviluppando sia tramite Square sia tramite la sua altra grande azienda Twitter.

Secondo una nota diffusa soltanto qualche giorno fa, il social network potrebbe iniziare a breve ad utilizzare Bitcoin e a permetterne il trasferimento tra gli utenti. Cosa che potrebbe fare il paio con l’annuncio dello sviluppo di un wallet Bitcoin sempre da parte di Square. Le iniziative per rendere BTC una valuta a tutti gli effetti sono tante e gestite da un imprenditore che ha dimostrato di poter raggiungere traguardi molto importanti.

Bitcoin è davvero pronto per il grande palcoscenico?

Tutto questo avviene mentre molti commentatori, in particolare quelli che arrivano dall’economia tradizionale, continuano a dubitare del fatto che Bitcoin possa comportarsi come una valuta a tutti gli effetti. Le critiche puntano tutte a costi di transazione relativamente alti, a tempi non istantanei come quelli dei principali circuiti di pagamento e alla difficoltà di utilizzo.

Sono tutti però dei problemi che in un modo o nell’altro sono in via di superamento. Dal Lightning Network alle prossime innovazioni spinte dalle società di Jack Dorsey, tutto si sta muovendo nella stessa direzione. E Bitcoin potrebbe finalmente diventare anche la valuta digitale più utilizzata al mondo, vastamente superiore non solo per sicurezza e libertà, ma anche per i pagamenti pratici.

Notizie di questo tipo confermano le nostre previsioni Bitcoin, tutte rialziste sia sul breve che sul medio e lungo periodo. Senza guardare eccessivamente ai movimenti di poche ore, ma cercando di comprendere il trend generale verso il quale si sta muovendo questa straordinaria criptovaluta.

Info su Gianluca Grossi

Laureato in Giurisprudenza, è esperto di investimenti in criptovalute. Ha già investito in passato in BitCoin, DogeCoin, Ethereum e XRP.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *