Siamo su:

Yahoo FinanceMilano FinanzaAffari italianiAdnkronosilSole24 oreIl Tempo.itAskanews

Home / Bitcoin al massimo storico | E Jack Dorsey rivoluziona il BTC mining

Bitcoin al massimo storico | E Jack Dorsey rivoluziona il BTC mining

Nella giornata in cui Bitcoin torna ad un passo dai suoi massimi storici, SquareJack Dorsey lanciano una nuova brillante proposta, che potrà diventare cruciale per l’adozione di Bitcoin su scala mondiale.

Il brillante leader di Twitter ha infatti diffuso l’annuncio della creazione di un nuovo sistema per il mining di Bitcoin che sarà Open Source e che potrà aiutare chi vuole entrare in questo mondo – e contribuire alla sicurezza del protocollo – senza troppe complicazioni e senza rivolgersi a configurazioni custom.

Mining rivoluzione di Square - l'analisi di Criptovaluta.it
Mining: la rivoluzionaria proposta di Jack Dorsey

Una proposta anche questa estremamente bullish – che rinforza un trend estremamente positivo di Bitcoin. Non è tardi per investire – e possiamo trovare Bitcoin anche presso la piattaforma eToro (vai qui per un conto demo gratuito e con le MIGLIORI funzionalità avanzate disponibili) – intermediario con soluzioni fintech uniche come il CopyTrader – per copiare i migliori oppure spiare le loro mosse.

In aggiunta possiamo investire con i CopyPortfolios – che ci permettono di avere un titolo che rappresenta $BTC e altre cripto. Per passare ad un conto reale ci basteranno 50$ di investimento minimo.

Cosa ha in mente Jack Dorsey e perché potrebbe essere rivoluzionario

Inutile girarci intorno – Jack Dorsey è già da tempo il personaggio pubblico che sta facendo di più per l’adozione di Bitcoin su scala mondiale. Prima il wallet che è ancora in fieri, poi il lancio di The B World, ora una rivoluzione che potrebbe cambiare per sempre l’approccio al mining. Tutto viene annunciato, come prevedibile, su Twitter:

Square sta considerando la creazione di un mining system per Bitcoin basato su chip customizzati e codice open source, tanto per gli individui, quanto per le società in tutto il mondo. Seguiremo il modello del nostro wallet: costruire in collaborazione con la community. Partiamo con qualche idea preliminare.

Il mining ha bisogno di essere maggiormente distribuito. Il lavoro fondamentale di un miner è di validare le transazioni in modo sicuro, senza che ci sia bisogno del ricorso a terze parti. Questo è un aspetto critico, e lo sarà anche dopo che l’ultimo Bitcoin sarà minato. Più sarà decentralizzato il sistema, più resiliente sarà il network di Bitcoin. Vero?

Il mining ha bisogno di essere più efficiente. Andare verso un utilizzo più pulito ed efficiente dell’energia è cruciale per il futuro e la scalabilità di Bitcoin. L’energia è un problema a livello di sistema che richiede innovazione nel silicio [ovvero nei chip utilizzati, NDR], a livello di software e di integrazione. Quali sono le migliori opportunità qui?

Aggiungendo che il leader del team di sviluppo del gruppo Square inizierà ad investigare la questione sul piano tecnico e a delineare le linee guida per la soluzione.

Perché si tratta di una notizia rivoluzionaria per Bitcoin?

Per tutta una serie di motivi, in parte già delineati da @jack. Il mining di Bitcoin ne trarrà giovamento, se a portarlo avanti non saranno soltanto mega miner, ma anche privati che ad oggi non possono permettersi le costosissime apparecchiature per il mining, nonché probabilmente le enormi spese energetiche per partecipare alla rete.

Questo porterà ad una maggiore distribuzione della potenza di calcolo che tiene in piedi la sicurezza del network di Bitcoin e sarà sicuramente benefico per il network. Un’autentica rivoluzione, che con i mezzi che abbiamo oggi a disposizione non possiamo pensare di raggiungere, ma che se il progetto di Square dovesse prendere piede, potrebbe davvero portare Bitcoin in una nuova era.

Tutto questo mentre il record è ad un passo

Il record di prezzo è davvero un passo: nella serata di ieri BTC si è infranto sul muro dei 64.000$ – per poi tornare a veleggiare intorno ai 62.000$. Un livello di prezzo che neanche i più ottimisti tra gli analisti avevano potuto prevedere e che è stato spinto dall’arrivo ormai semi-ufficiale di almeno due ETF su BTC.

Smentita pertanto la buy the rumors sell the news che era stata indicata da Bloomberg – segno che anche la stampa tradizionale dovrà rivedere i suoi canoni, se l’intenzione è quella di raccontare nel segno della verità la portata della rivoluzione Bitcoin.

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *