Home / Bitcoin: sale contro i dati macro | Ecco perché la bull run vale doppio

Corsa Bitcoin

Bitcoin: sale contro i dati macro | Ecco perché la bull run vale doppio

La corsa di Bitcoin che lo ha riportato abbondantemente sopra quota 41.000$ questa volta vale doppio. Non solo perché $BTC è cresciuto del 10% in meno di 24 ore, ma perché le condizioni che si stanno creando sui mercati finanziari sono avverse tanto al mondo azionario quanto a quello delle criptovalute.

Un Bitcoin in controtendenza, che in uno scenario dominato dalle prossime mosse di FED batte ogni tipo di aspettativa e ogni tipo di razionalità, cosa che è – almeno a nostro avviso – un segno decisamente incoraggiante. Il tema di oggi sono i dati sull’occupazione USA, che chi vuole investire sul lungo periodo su questo mercato dovrà imparare a comprendere.

Corsa Bitcoin contro dati occupazione
La corsa di Bitcoin ha ancora di più dell’incredibile – scopriamo perché

Una situazione dunque buona per Bitcoin, sulla quale possiamo investire con la piattaforma sicura eTorovai qui per ottenere un conto gratis di prova con funzionalità PREMIUM e trading automatico – intermediario che offre il top in termini di strumenti e di operatività.

È qui che troviamo il CopyTrader – sistema unico al mondo per copiare in un solo click le posizioni dei trader più bravi – ed è sempre qui che abbiamo in esclusiva gli Smart Portfolios, che invece ci permettono di investire in panieri cripto che includono anche Bitcoin. Con 50$ possiamo passare ad un conto reale di trading.

Bitcoin vola oltre i 41.000$ – ed è una corsa che l’analisi fondamentale avrebbe sbagliato al 100%

Bitcoin si comporta come un asset finanziario ormai da tempo – e questo imporrebbe la validità dell’analisi fondamentale, almeno quella di prima battuta, che legge gli eventi economici per comprendere eventuali reazioni dei mercati.

Correlazione BTC US
La correlazione, fino a ieri molto precisa, ora non esiste più

Ieri però, ed era da un pezzo che questo non accadeva, Bitcoin si è sganciato da una correlazione piuttosto stretta con il mondo delle azioni, rispondendo in maniera contraria agli input che arrivavano dall’economia USA. Il fatto che vogliamo analizzare oggi è di quelli complessi ed è per questo che vi invitiamo a seguirci passo per passo nel nostro ragionamento. Procediamo con ordine.

Dati USA sull’occupazione viaggiano verso l’alto

Il dato più importante che è arrivato ieri sono i quasi 500.000 posti di lavoro in più negli USA a gennaio. È un segnale di una certa forza del mercato del lavoro, che da un lato è un buon segno per l’economia in generale, dall’altro, un segnale bearish per tutti i mercati azionari. E per capire la correlazione dovremo aggiungere un ulteriore elemento.

  • FED ha maggiore margine di manovra se l’occupazione cresce

Questo è stato spiegato da Jerome Powell già in dicembre. Un aumento dei tassi avrebbe come effetto un raffreddamento della crescita economica – e questo è pacifico. Federal Reserve avrebbe dunque maggiore spazio di manovra nel caso di piena occupazione, perché sue eventuali manovre rialziste sui tassi avrebbero effetti meno deleteri sull’economia.

In soldoni, un’occupazione USA così forte è via libera per FED per avere un atteggiamento più hawkish ovvero più aggressivo. E davanti ad una notizia di questo tipo ci saremmo dovuti trovare, a rigor di logica, davanti a spinte ribassiste anche per il mondo di Bitcoin e delle altre criptovalute. Cosa che invece non si è verificata.

Corre Bitcoin, ma non solo

Questa particolare circostanza ricorda anche altro. Il mercato, fatta qualche rara eccezione, continua a muoversi al traino di Bitcoin. Ethereum è tornata sopra i 3.000$, Solana sopra i 115$ e Binance Coin abbondantemente sopra i 400$.

Segno che il mercato ha ancora correlazioni ancora molto importanti – e che i capitali tendono a fluire in proporzione verso tutti o quasi i maggiori protocolli. Relativamente indietro Algorand e Uniswap, ma comunque con un importante segno più.

Difficile la lettura dei prossimi eventi

Con Bitcoin che si muove controcorrente diventa decisamente più difficile capire come si muoverà nelle prossime ore. Oltre alla classica imprevedibilità del weekend, ci sarà da stabilire per quanto tempo andamento mercati USA e cripto rimarranno in correlazione inversa.

Difficile a dirsi adesso, anche se quanto avvenuto nelle ultime ore ha riportato un entusiasmo sul mercato che non si vedeva da tempo. Senza dimenticarci che le future operazioni di FED avranno ritorni decrescenti, perché i mercati hanno già scontato almeno in parte gli annunci della principale banca centrale del mondo.

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

One comment

  1. Quello che non capisco è perchè in questi casi le cripto più capitalizzate hanno lo stesso identico andamento (parlo di grafici giornalieri, brevissimo periodo)? Cioè, BTC ha uno spike del 10% (rialzista o ribassista) e contemporaneamente tutte le altre fanno lo stesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *