Home / SEGA pronta per NFT e Metaverse | Ecco cosa hanno detto i dirigenti

SEGA NFT

SEGA pronta per NFT e Metaverse | Ecco cosa hanno detto i dirigenti

Atari lo ha già fatto tempo fa con Decentraland, diventando così il primo gruppo del suo comparto a mettere piede sul metaverse. Ma come diciamo ormai da mesi, altri gruppi ne avrebbero seguito l’esempio. Non è detto che lo facciano su Decentraland, ma è comunque una grande notizia per tutto il comparto.

È SEGA, la casa che produce Sonic The Hedgehog in aggiunta ad un impressionante numero di titoli che potrebbe fare il suo ingresso non solo nel mondo dei metaverse, ma anche negli NFT, almeno secondo quanto riportato dall’azienda stessa.

SEGA si prepara a NFT
Anche SEGA a bordo del treno del metaverse?

Sì, anche questa è una notizia fortemente bullish per tutto il comparto, un comparto che possiamo trovare listato tutto da Capital.comvai qui per ottenere una demo completa e gratuita con INTELLIGENZA ARTIFICIALE – che ci aiuta a individuare eventuali errori di investimento e di composizione del nostro portafoglio.

Abbiamo anche tutti gli strumenti più utili per fare analisi di mercato e per operare. Sono infatti inclusi nell’offerta di Capital.com anche MetaTrader 4 e TradingView, sistemi che ci permettono di analizzare il mercato come fanno i professionisti – e anche di operare migliorando il nostro ROI. Con 20€ possiamo passare ad un conto reale di trading.

SEGA pensa al debutto nel mondo di NFT e metaverse

SEGA è forse una delle aziende più conservatrici dell’intero panorama dei produttori dei videogiochi. E diciamo questo in senso positivo, dato che l’azienda ha sempre tenuto in modo particolare – al pari di Nintendo – alla qualità dell’esperienza per i giocatori e non solo a mungere più denaro possibile. E grazie a questo particolarissimo identikit che potrebbe essere la forza giusta per superare l’impasse che sta tenendo sulle spine gli appassionati di NFT, almeno per quanto riguarda l’adozione degli stessi nel mondo dei videogiochi.

E questo emerge chiaramente dalle intenzioni dell’azienda, che sono magistralmente cristallizzate nelle ultime dichiarazioni di uno dei suoi più importanti dirigenti durante la classica trimestrale.

Vediamo il potenziale dei NFT per il futuro e stiamo continuando a studiare il settore, inclusa la loro potenziale adozione. Continueremo a considerarli, valutando però modelli di business che saranno accettati dagli utenti, insieme a questioni come l’impatto ambientale.

Ci sono due tipi di considerazioni che possiamo far maturare da questa dichiarazione. In primo luogo che il modello utilizzato ad esempio da Ubisoft e che è stato un grosso buco nell’acqua sarà scartato. E che con ogni probabilità, nel caso, si sceglieranno chain a basso impatto, pescando dagli ecosistemi blockchain più ecologici.

Ma ce n’è anche per il metaverse, con un’apertura interessante sempre da parte di SEGA.

Credo che ci siano diverse interpretazioni riguardo il metaverse. Come produttori di videogiochi il nostro primo obiettivo è offrire esperienze di gioco che siano apprezzate dai giocatori. In termini di feel del gioco, vorremo creare delle community che riguardano anche chi fa da spettatore, e non soltanto i videogiochi.

Un progetto ancora da delineare, che però già in questo abbozzo di linee sembrerebbe essere molto interessante, e se vogliamo diverso da quanto hanno provato a fare altri gruppi.

Una buona notizia per il comparto?

Assolutamente sì, dato che SEGA potrà portare in campo un grande expertise, in particolare per la realizzazione di giochi che siano in primo luogo attraenti per il loro quid e non soltanto perché su blockchain: qualcosa su quale il gaming cripto è nostro avviso ancora indietro e sul quale ci sarà molto da lavorare.

Stessa cosa che riguarda a nostro avviso i metaverse, dove nonostante Decentraland e The Sandbox abbiano già un buon prodotto, sono lontani da quelli che possono essere sviluppi in senso videoludico proprio.

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

One comment

  1. sega e soci o partono a farsi una chain da zero, ipotesi sicuramente possibile… o se vogliono partire da subito vanno su wax (100% carbon free, transazioni in meno di un secondo gratuite, gestisce da sola il 60% di TUTTE le transazioni su TUTTE le principali blockchain). Oppure vanno su finte chain che in realtà sono schifezze centralizzate e con gli nft non c’entrano nulla (non faccio nomi). Secondo me entro un paio di mesi una delle grandi aziende legate al gaming (Nintendo, Sega e soci) arriva. Vedremo 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *