Home / Da Goldman Sachs a Coinbase | Fuga dei dirigenti verso le criptovalute!

Criptovaluta coinbase GS

Da Goldman Sachs a Coinbase | Fuga dei dirigenti verso le criptovalute!

Quale sarà il futuro degli operatori del mondo cripto? Probabilmente più roseo anche di quello delle banche d’affari. E lo dicono gli alti quadri delle società che appartengono a questo secondo gruppo. I dirigenti delle grandi banche stanno, in numero importante, prendendo la via proprio dei più grandi exchange.

Un esempio molto recente è quello di Roger Bartlett, da 16 anni all’interno di Goldman Sachs e con un ruolo di grande prestigio, in quanto era global co-head of operations, uno degli incarichi più importanti all’interno del gruppo. Bene, Bartlett ha preso la via di Coinbase ed entrerà nel gruppo del popolare exchange per dirigere le operazioni finanziarie.

Grandi banche : fuga verso gli exchange
Coinbase continua ad attirare dirigenti delle grandi banche

Una notizia bullish per tutto il comparto, perché persone con competenze (e con un ottimo posto di lavoro) stanno decidendo a frotte di saltare il proverbiale fosso. Un quadro bullish in termini di sentiment sul quale possiamo investire professionalmente con Capital.comvai qui per ottenere un conto virtuale gratis che include anche INTELLIGENZA ARTIFICIALE – che offre tutti gli strumenti più utili per fare trading anche di breve periodo.

All’interno dell’offerta di questo broker troviamo TradingView e MetaTrader, strumenti professionali che sono utilizzati da tutti i migliori trader al mondo e che possiamo sfruttare anche per il Trading Automatico. E abbiamo anche l’intelligenza artificiale per l’analisi del nostro portafoglio. Con 20€ possiamo passare ad un conto reale.

anche Roger Bartlett passa a Coinbase: è fuga verso gli exchange

Fuga verso gli exchange, ma non di denaro, ma di professionalità. Non è questo il primo colpo di Coinbase e di altri operatori del settore – e con ogni probabilità non sarà l’ultimo. Professionalità di un certo spessore, che hanno degli impieghi solidi presso le banche d’affari più importanti del mondo e che hanno deciso di fare il salto e di arrivare nel settore a più alto tasso di crescita, anche finanziaria, nel presente e in prospettiva.

Qualcosa che sarebbe stato inimmaginabile anche soltanto pochi mesi fa e che invece oggi è una solida realtà. Stessa realtà alla quale stiamo assistendo sul lato tecnologico, dove molti programmatori della Silicon Valley finiscono per trovare impiego nelle società che offrono servizi legati alle criptovalute.

La rivoluzione passa anche da qui e questo sarà uno dei campi più importanti dove si giocherà la battaglia tra vecchia finanza, vecchio sistema monetario e la rivoluzione targata Bitcoin ma non solo. Un fiume in piena non solo in termini di valori, ma anche di competenze.

La fuga è soltanto all’inizio

Quello che vogliamo anticipare – e che mettiamo nero su bianco – è che la fuga dalle grandi banche d’affari verso il mondo degli exchange non finirà qui. E che anzi questo sarà soltanto l’inizio. Dati anche i profitti che Coinbase (ma anche gli altri grandi exchange) stanno facendo registrare.

E il gruppo ha annunciato oltre 2.000 assunzioni per il 2022. Segnale, anche questo, che con la rivoluzione cripto siamo probabilmente soltanto all’inizio. Bullish? Assolutamente bullish – e ce lo confermano quelle persone e competenze che stanno virando verso questo settore di cui tutti siamo innamorati.

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *