Home / Bitcoin a 50.000$ entro fine Marzo | La previsione di deVere

Bitcoin 50.000 vola per deVere

Bitcoin a 50.000$ entro fine Marzo | La previsione di deVere

Nigel Green, che è amministratore delegato del gruppo deVere crede in n un Bitcoin che potrebbe raggiungere addirittura 50.000$. Questo in seguito a quanto sta avvenendo in Russia e in Ucraina. Una situazione che non riguarda soltanto la guerra, ma anche il mondo cripto.

Sul tavolo c’è la possibilità di Bitcoin, già ampiamente dimostrata, di essere un’alternativa più valida nei momenti di crisi alle fiat currency. E che dunque sta spingendo gli acquisti da parte della popolazione che fugge dalla guerra.

Bitcoin 50000 fine mese - ecco cosa ne pensa DeVere
deVere (già ottima sulle previsioni) punta a 50.000$ entro fine mese

Una situazione della quale abbiamo parlato anche noi su Criptovaluta.it e che merita sicuramente un approfondimento. Così come merita un approfondimento il livello di prezzo individuato da Nigel Green, che non è nuovo a previsioni di questo tipo.

Previsioni in questo caso piuttosto rialziste, perché si tratterebbe di un guadagno per $BTC di oltre il 20% nel giro di 4 settimane. Possibile? Assolutamente sì, date anche le circostanze che si stanno sviluppando e che abbiamo segnalato anche in un nostro speciale su Investing.com.

Per Nigel Green Bitcoin a 50.000$ prima della fine del mese

Una previsione rialzista che mal si sposa con lo sconforto che serpeggia all’interno dei mercati ormai da qualche settimana, tra politiche restrittive di FED e situazione geopolitica che va scemando ogni giorno di più.

Tuttavia, per Criptovaluta.it così come per deVere, in realtà la situazione potrebbe favorire la prima criptovaluta sul mercato per capitalizzazione, ovvero Bitcoin.

Le banche chiudono, i Bancomat rimangono senza cash e ci sono anche le minacce di un attacco ai risparmi personali per pagare gli sforzi della guerra. SWIFT diventa un’arma di sanzione. Tutto questo diventa uno spot per un sistema di pagamento decentralizzato, senza confini, che non può essere attaccato né confiscato e che esiste già.

Questo il commento di Nigel Green, che i nostri lettori troveranno concordante con quanto andiamo ormai affermando da diverso tempo sulle nostre pagine. Una situazione, secondo Nigel Green, che continuerà ad imprimere una pressione rialzista sul valore di Bitcoin sul mercato.

Un gruppo che ha un ottimo record per quanto riguarda le previsioni su Bitcoin

Il gruppo deVere, ha un buono score quando si parla di previsioni sul prezzo di BTC. Già nella scorsa estate aveva individuato correttamente i livelli di massimo, così come aveva segnalato il massimo dello scorso novembre.

Certo, l’aver indovinato previsioni del passato non è necessariamente garanzia della previsione che viene fatta oggi, ma dimostra comunque che il gruppo non parla mai tanto per fare e che la sua opinione deve essere tenuta debitamente in considerazione.

La crescita sarebbe comunque importante, perché parliamo di un 20% nel giro di 4 settimane, una crescita alla quale Bitcoin ci ha abituato anche in archi temporali decisamente più modesti. Cosa che ci lascia con un certo ottimismo, data anche una situazione che, lo ripetiamo, sta gettando le basi per un prime time di Bitcoin che in pochi avevamo immaginato anche soltanto poche settimane fa.

Siamo davanti ad un momento favorevole anche su altri fronti. Soltanto ieri Lugano ha confermato il suo passaggio a Bitcoin come valuta avente corso legale de facto, con importanti investimenti anche da parte di Tether. Il momento, per intenderci, sarebbe di quelli davvero favorevoli a Bitcoin.

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

4 commenti

  1. Ciao ragazzi, prima di tutto volevo ringraziare Gianluca per aver accettato la mia richiesta di contatto su linkedin.
    Poi volevo informarvi su quello che sta succedendo nell’industria pesante qui in Italia.
    Siamo passati da un costo dell’energia medio di 65€ al megaWatt ora dell’anno scorso a un valore medio di 240€ di questo inizio anno, a febbraio ha toccato i 380 €, ieri un grande nome dell’acciaio ha annunciato il fermo produzione, causa materie prime e costo energetico.
    Vi lascio immaginare il disastro economico che stiamo vivendo e che è destinato solo a peggiorare.
    Forse davvero bitcoin diventerà il bene rifugio che noi tutti speriamo diventi, ma credetemi, stiamo per entrare nel periodo più buio della storia.
    Probabilmente tutto questo non interessa, ma ragazzi, prepariamoci al peggio!!

    • Andrea Traverso

      Cosa intendi? Tipo terza guerra mondiale?

      • Non voglio nemmeno scriverle quelle tre parole a formare questa terrificante frase.
        Ma se mi stai chiedendo se sono preoccupato la risposta è che lo sono, profondamente e per quello che riguarda l’economia secondo il mio parere, purtroppo è già cominciata.

        • andrea traverso

          no ti do ragione io ho 27 anni e non trovo lavor e non so piu cosa fare ho voglia di fare ma non so davvero chi ti puo aiutare ormai a sto mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *