Home / Il mining Bitcoin salverà il mondo | Scende in campo un miliardario $BTC

Mining bitcoin salverà mondo per O'Leary

Il mining Bitcoin salverà il mondo | Scende in campo un miliardario $BTC

Altri pareri importanti che maturano al Bitcoin 2022, che è stato già teatro di un rande annuncio di Strike. Kevin O’Leary, che in molti conosceranno come il crypto bull per eccellenza si è speso in una difesa totale del settore del mining.

Settore che da tempo è sotto scrutinio da parte del settore pubblico ed di potenti gruppi di interesse, con una campagna di Greenpeace che è soltanto l’ultima di una lunga serie.

Mining Bitcoin salverà il mondo
Il mining Bitcoin salverà il mondo: le parole di O’Leary

Questi atteggiamenti da parte di persone che possono spostare parti considerevoli dell’opinione pubblica sono comunque molto importanti. E aiutano a costruire una prospettiva bullish su Bitcoin anche sul medio e lungo periodo. Possiamo investirci con eTorovai qui per ottenere un conto virtuale gratuito con il TOP del FINTECH – intermediario che ci permette di operare con gli strumenti più avanzati al mondo anche su Bitcoin.

Abbiamo un ottimo WebTrader che è accessibile via browser, che offre comunque tutti gli strumenti top per fare analisi tecniche e anche per accedere al Social Trading. Con il CopyTrading invece abbiamo un Trading automatico che ci permette di investire copiando i migliori. Bastano soli 50$ per passare ad un conto reale.

Kevin O’Leary parla chiaro: il mining Bitcoin salverà il mondo

Il mining di Bitcoin è da sempre uno degli aspetti più discussi del complesso funzionamento del protocollo. Sì, consuma molta energia, ma al contrario di quello che affermano importanti lobby, si tratta di una forza di innovazione e di efficienza per il settore energetico.

Dello stesso avviso è Kevin O’Leary, che ha addirittura parlato apertamente di mining Bitcoin che salverà il mondo. Un’opinione poco diffusa ma che andrebbe evangelizzata. E una posizione che O’Leary sta cercando di portare anche a Washington.

Sto passando molto tempo a Washington da 3 mesi a questa parte. La buona notizia è che su una base bipartisan ci sono diversi senatori e membri del congresso che stanno assumendo un atteggiamento pro-attivo.

Quello che sta avvenendo, forse in sedicesimo, anche in Italia, cosa della quale abbiamo parlato ieri sera con l’On. Davide Zanichelli, proprio sugli schermi di Criptovaluta.it.

Discussioni che, anche queste, andrebbero fatte più di frequente in pubblico e in particolare dove possono fare opinione. Opinioni concordi, perché fortunatamente qualcuno si sta accorgendo della narrativa sbilenca – e basata su qualcosa che non ha legami con la realtà.

L’appello affinché anche l’Europa capisca il potenziale del mining

Gli statunitensi sono già al corrente di quanto si può fare con il mining in termini di stabilizzazione delle reti elettriche e anche di spinta verso il rinnovabile. I miner e questo è un punto che dovrebbe essere finalmente chiaro anche ai regolatori, sono stati e saranno di spinta propulsiva all’apertura e alla costruzione di centrali energetiche pulite.

Anche di questo aspetto ne avevamo parlato con Federico Rivi, sia in quel di Casa Sanremo sia direttamente per Criptovaluta.it. Con qualcosa che inizia a muoversi anche in casa nostra. Chi si ricorda della centrale idroelettrica in Trentino che è tornata ad essere operativa proprio in virtù del mining Bitcoin?

Una sfida che non possiamo permetterci di perdere. Il monito di Kevin O’Leary sia recepito anche dalle nostre parti. Ed evangelizzato: perché dall’industria del mining potrà passare molto del prossimo sviluppo anche del settore energetico.

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

7 commenti

  1. Bitcoin è arrivato alla frutta..

  2. queste novelle volpi (“tanto l’uva non era matura, gne gne gne”) che credono di aver perso il treno delle cripto e quindi devono spargere paura per stare meglio mi fanno pisciare sotto dalle risate.
    pensate a come bisogna esser messi per odiare bitcoin eppure andare sui forum che parlano di criptovalute a perdere il proprio tempo per scrivere roba tipo “è alla frutta”, “è tutta una bolla”, “domani va a zero”.
    Ma siete proprio proprio sicuri di non aver qualcosa di meglio da fare, magari che vi appaghi pure un pochino? Su su dai, provateci, vedrete che con questo semplice gesto la vostra vita migliorerà fin da subito 🙂

  3. Voglio parlare dell’oro e lo voglio fare da metallurgista.
    Oro, un metallo con caratteristiche quasi uniche, se non addirittura uniche, certo ottimo conduttore di calore ed elettricità, possiede una densità molto elevata e può ed è usato in ambito scientifico, si mantiene integro nel tempo è inattaccabile dal tempo, non si ossida mai, solo il mercurio e l’acqua regia possono aggredirlo( acqua regia miscuglio di acido cloridrico e nitrico).
    È impensabile utilizzarlo strutturalmente, al di là dei costi ha delle caratteristiche meccaniche pessime, di certo non possiamo paragonarlo all’umile ferro e quindi all’acciaio.
    L’umanità però ha visto in questo metallo una possibile riserva di valore, è stata una decisione arbitraria, il valore glielo abbiamo dato noi.
    L’oro oggi è una riserva di valore mondiale e a discapito del metallo verrà rimpiazzato da bitcoin, che è unico ed inattaccabile dal tempo.

    • L’oro è difficile da comprare, spostare, custodire e soprattutto scambiare. Provate a pagare un panino in oro (pffff), a comprare un etto d’oro (dove? Come? Da chi? Vi fidate? E se è una lega? Eccetera), a nascondere sotto il materasso un etto d’oro, a viaggiare con in borsa un etto d’oro. L’oro si maneggia e custodisce solo con una banca come intermediario, a meno che non siate orafi. Il che vuol dire dipendere sempre da qualcuno, con i rischi annessi.
      Le stesse cose con bitcoin sono facilissime; giusto pagare un panino in bitcoin in Italia ancora non si può fare, ma questione di poco e si potrà 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *