Home / I NFT potevano aiutare UEFA | Il disastro Liverpool andrà evitato in futuro!

UEFA CALCIO NFT

I NFT potevano aiutare UEFA | Il disastro Liverpool andrà evitato in futuro!

Panico, scontri e ritardi in occasione della finale di Champions League 2022. Gli episodi violenti hanno preceduto l’inizio della manifestazione sportiva, facendone slittare l’inizio di oltre mezz’ora. Sotto la lente d’ingrandimento questa volta finisce l’apparato organizzativo UEFA, reo di non essere riuscito a garantire il regolare accesso allo stadio, a molti tifosi del Liverpool.

Tanti sostenitori del club inglese si sono resi conto di non poter assistere alla finale solo in prossimità delle biglietterie, da increduli e inconsapevoli possessori di titoli falsi. Un falso problema, purtroppo dai drammatici risvolti questa volta, che nei NFT troverebbe una semplice e percorribile soluzione.

Ed è da qui che lanciamo il nostro monito, nel nome dell’amore del calcio e delle belle partite, a UEFA. La tecnologia c’è, e soprattutto abbiamo una delle più cristalline applicazioni possibili per i non fungible tokens, strumenti che sebbene per molti siano meteore destinate a sparire, proprio in questo specifico settore potrebbero brillare.

La doccia fredda per i tifosi del Liverpool si poteva evitare

I tifosi del Liverpool, sabato scorso, hanno incassato una doppietta in grado di buttare a terra anche l’hooligan più feroce. In campo, il Real Madrid di Carlo Ancelotti ha soffiato loro la Champions nella finale di Parigi, ma la sconfitta più pesante si è registrata ben prima che il fischietto di Turpin decretasse l’avvio del match.

Biglietti NFT Champions League
Sì, la soluzione c’è già!

Tra i diversi motivi che hanno portato ai tafferugli pre-partita tra ultras e forze dell’ordine, buona parte va attribuita a un episodio che nel 2022 sa di grottesco, oltre che drammatico. Tanti tifosi, semplicemente, hanno scoperto di avere tra le mani un biglietto falso. Ripetiamo, nel 2022, con tutta la tecnologia e l’immensa mole di denaro di cui un’organizzazione come la UEFA può disporre.

Assurdo è dir poco, soprattutto perché la soluzione a problemi del genere esiste, e si chiama Non Fungible Token. Ma torniamo per un momento ai tifosi del Liverpool, a uno di loro in particolare, mentre cogliamo l’occasione per felicitarci con supporter e squadra del Real Madrid per la vittoria di sabato.

E tifosi più illustri del Liverpool lo sanno già

Un tifoso d’eccezione della squadra d’oltremanica è Roger Waters, ex bassista e fondatore dei Pink Floyd. Il coro “You’ll Never Walk Alone“, inno della formazione inglese, è presente sul finale di Ferless quando le note della canzone sfumano per lasciare voce ai tifosi del Liverpool. Ma cosa c’entra la musica rock con il calcio?

In questo caso c’entra e come, perché ci ricorda come il business dell’intrattenimento ai massimi livelli abbia già da tempo trovato la soluzione al problema di bagarinaggio e biglietti falsi. Ci ha già pensato SeatlabNFT, rinomato marketplace di ticket per eventi e concerti, con i suoi biglietti nominativi la cui proprietà è certificata dalla blockchain.

Abbiamo affrontato l’argomento in un precedente articolo, sottolineando la portata del giro di affari legato a eventi così popolari. Il mondo dello spettacolo vede ormai tantissimi artisti internazionali sfruttare NFT e blockchain per monetizzare e per offrire qualcosa in più ai propri fan. Non fungible Token e Metaverso tornano utili anche nel mondo del cinema, dimostrando effettiva spendibilità in qualsiasi contesto d’aggregazione sociale.

Nel calcio, che è l’aggregatore di gente e quindi di soldi per eccellenza, quella dei Non Fungible Token è una tecnologia ampiamente in uso e che riscontra popolarità sia tra i dirigenti dei club che tra i tifosi. In Serie A ne sanno qualcosa i tifosi della Lazio, che hanno avuto la fortuna di incontrare sulla loro strada Binance, l’exchange con i più alti volumi di transazioni al mondo e con ogni probabilità quello più interessato al mondo del calcio a livello internazionale.

Forse la compagine di CZ, così esperta nelle applicazioni pratiche di NFT in ambito soccer, potrebbe offrire qualche suggerimento ai dirigenti UEFA anche per evitare il ripetersi delle scene di sabato scorso. Che poi, a dirla tutta, la UEFA non è affatto digiuna di NFT, blockchain e criptovalute: ci auguriamo che oltre al tornaconto economico possa sfruttare la tecnologia per fare del bene al calcio e soprattutto ai tifosi.

Info su Paolo Sorgi

Appassionato di NFT, metaverse e cripto legate ai motori, Paolo segue per criptovaluta.it anche il settore del gaming e della musica legata alla blockchain.

Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *